Neogenitori: 7 errori comuni quando nasce il primo figlio

I genitori alle prime armi sono spesso pieni di paure e dubbi. Conoscere le principali difficoltà e il modo migliore per affrontarle può rendere il compito più facile.
Neogenitori: 7 errori comuni quando nasce il primo figlio

Ultimo aggiornamento: 24 novembre, 2021

La genitorialità è una delle avventure più gratificanti, ma anche una delle più impegnative che un essere umano possa intraprendere. Essere responsabili di un’altra vita può essere soverchiante e il percorso è spesso irto di dubbi. Questa sensazione è sempre presente, ma sono i neogenitori a essere particolarmente timorosi.

Occorre capire che commettere errori è inevitabile. Nessuno è perfetto e nel corso di questo viaggio sbaglierete più volte. Esistono, tuttavia, questioni su cui la maggior parte dei genitori trova frequentemente dubbi e difficoltà.

Tuttavia, saperlo prima può aiutare ad aggirare i tipici scogli e sfruttare al meglio i primi anni di vita con vostro figlio. Siete pronti a scoprire alcuni degli errori più comuni?

1. Rigidità: una caratteristica comune dei neogenitori

Tensione tra genitori e figlia
Uno degli errori più comuni dei neogenitori è la rigidità.

Nel dubbio, è normale che nasca la tendenza a voler controllare tutto per evitare problemi. Per questo motivo, i neogenitori commettono spesso l’errore di assumere un atteggiamento rigido.

Prima dell’arrivo del bambino, di solito vengono fissati scopi e obiettivi, ad esempio allattare esclusivamente al seno, praticare il co-sleeping, mantenere routine e orari stabili o non portare il bambino all’asilo finché non abbia tre anni.

Questi obiettivi, fissati con le migliori intenzioni, non possono sempre essere raggiunti o si scopre che non sono l’opzione più adatta per la famiglia.

È importante essere flessibili e aperti al cambiamento; cioè saper modificare la rotta senza provare senso di colpa o di fallimento. Dalla teoria alla pratica c’è di mezzo il mare; pertanto, non abbiate paura di non essere in grado di soddisfare le vostre aspettative iniziali.

2. Non fissare un limite alle interferenze

È normale che i genitori alle prime armi ricevano consigli da tutti su come dovrebbero crescere il loro bambino. Per questo è fondamentale stabilire dei limiti. Serve ad evitare che parenti e amici interferiscano nelle decisioni genitoriali. È vostro figlio e siete voi a scegliere come educarlo; chiarire fin dall’inizio questa premessa eviterà problemi e conflitti di coppia.

3. Non appoggiarsi ad una figura professionale

Crescere un figlio richiede aiuto, sostegno e guida, ed è fondamentale avere figure professionali fidate a cui rivolgersi. Assicuratevi che il vostro pediatra condivida la stessa vostra linea genitoriale e sia disponibile a rispondere alle domande senza generare sensi di colpa o disagio.

Altre figure che possono accompagnarvi in questo processo sono le ostetriche, gli psicologi perinatali o le consulenti per l’allattamento. Sono figure formate ad aiutare nella fase della vita che state attraversando. Un consiglio professionale può cambiare drasticamente e positivamente il corso della vostra m/paternità.

4. Dimenticare che la coppia è una squadra

È comune che dopo l’arrivo di un figlio, la vita di coppia ne risenta. Il bambino richiede attenzione, tempo e cure e i momenti di intimità possono essere sempre più scarsi. Tuttavia, è importante continuare a coltivare l’amore, favorire la comunicazione e ricordare che anche il legame con il partner è una priorità.

Allo stesso modo, è comune che la distribuzione di compiti e ruoli generi problemi e conflitti. In alcune famiglie, le madri si dedicano completamente al bambino e si fanno carico di tutte le cure, relegando il padre a una posto di secondo piano. Tuttavia, anche il padre deve essere coinvolto fin dall’inizio nella genitorialità e la coppia deve lavorare sempre come una squadra.

5. Lasciare tutto all’improvvisazione

È vero che l’istinto è una buona guida in molti momenti della genitorialità, poiché indica un percorso da seguire naturalmente dettato dalle emozioni di affetto e protezione verso il proprio figlio. Tuttavia, l’improvvisazione non è sempre la migliore alternativa.

È molto positivo che entrambi i genitori si chiedano fin dall’inizio che tipo di genitori vogliano essere, che stabiliscano lo stile genitoriale da seguire e si preparino ad applicarlo. Così, sapranno come agire nei momenti difficili e non dovranno rimpiangere in seguito un’azione impulsiva che non è allineata con i propri valori.

6. Non favorire un buon rapporto con il cibo

Alimentazione del bambino.
Favorire un buon rapporto con il cibo dipende dai genitori. Costringere il bambino a mangiare è un errore.

L’alimentazione è uno degli aspetti più problematici per i neogenitori. Nel tentativo di far mangiare al bambino abbastanza e di tutto, possono indurre un cattivo rapporto con il cibo. Ad esempio, sovralimentandolo, costringendolo a mangiare quando non vuole, o ricorrendo a ricatti o minacce.

Questo può portare a sovrappeso, conflitti familiari e, paradossalmente, maggiori difficoltà con il cibo. Pertanto, è meglio consentire ai bambini di autoregolarsi (gestiscono bene i segnali di fame e sazietà) e concentrarsi sulla motivazione, creare piatti accattivanti e rendere l’ora dei pasti serena, piacevole e soddisfacente.

7. Cattiva gestione del sonno

Durante i primi mesi o anni di vita di un bambino, il riposo dei genitori ne risente e può essere ridotto sia in quantità che in qualità. Questo è inevitabile, dal momento che i ritmi del sonno dei bambini sono diversi da quelli degli adulti e occorre adattarsi. Tuttavia, alcune pratiche possono aiutare a migliorare il sonno di tutta la famiglia:

  • Fare a turno in coppia in modo che ogni notte uno si prenda cura del bambino e l’altro possa riposare.
  • Praticare il dream feeding per prolungare il sonno notturno del bambino.
  • Se il bambino si sveglia piangendo nel cuore della notte, non ricevere conforto genera alti livelli di stress nel suo cervello, molto dannosi per il suo sviluppo emotivo presente e futuro. Evitate di farlo.
  • Co-dormire o meno è una decisione di ogni famiglia; oltre a decidere quando portare il bambino nella sua stanza. Tuttavia, è importante assicurarsi che questa transizione non coincida con la fase dell’ansia da separazione o con la nascita di un fratellino.

Non godersi l’esperienza: l’errore più grande dei neogenitori

Anche se fare uno qualsiasi degli errori di cui sopra può essere preoccupante, senza dubbio, l’errore più grande in cui possono cadere i genitori alle prime armi è non godersi l’esperienza per un eccesso di preoccupazione.

Non lasciate che l’incertezza o la paura offuschino i primi mesi o anni con vostro figlio. E se trovate difficile gestire le emozioni che nascono da questa nuova situazione, non esitate a cercare un aiuto professionale.

Potrebbe interessarti ...
Cosa possiamo imparare dai bambini?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Cosa possiamo imparare dai bambini?

Vi siete mai chiesti cosa possiamo imparare dai bambini? Proprio così, i più piccoli sono eccellenti maestri di vita. Scopritelo con noi.



  • Bryson, T. P. (2021). El abecé del recién nacido: Una guía esencial que responde a las principales dudas y preocupaciones de la crianza de bebés y niños pequeños. ALBA Editorial.
  • Torres, J., Mira, A. M. & Zapata, P. A. (s.f.) Dinámicas sexuales en la pareja después de la llegada del primer hijo o hija. Recuperado de: https://core.ac.uk/download/pdf/196580035.pdf
  • Ardid, C., Usta, O., Omar, E., Yıldız, C., & Memis, E. (2019). Efectos de las prácticas alimentarias durante la lactancia y de las características maternas en la obesidad infantil. Archivos argentinos de pediatría117(1), 26-33.