Cosa non bisogna conservare in frigorifero?

· 6 settembre 2014
Conservando i pomodori in frigorifero, perderanno tutto il loro sapore e la loro consistenza. Lo stesso accade con il melone e con le pesche.

In generale, la maggior parte delle persone conserva gli alimenti in frigorifero, ma spesso commette un grande errore perché non tutti i prodotti sono fatti per sopportare il freddo e le condizioni di un frigorifero. Al contrario, a volte il freddo ne accelera la decomposizione o ne altera il sapore originale.

È vero che molti prodotti alimentari devono essere conservati in frigorifero, per mantenerne l’integrità e farli durare più a lungo, ma dovete sapere che altri alimenti, invece, non vanno tenuti in frigorifero per evitare che perdano le loro proprietà a causa delle basse temperature. In questo articolo vi presenteremo una lista di alimenti che non bisogna conservare in frigorifero per nessun motivo.

I pomodori

Se conservati in frigorifero, i pomodori perdono il loro sapore e diventano insipidi. La loro consistenza viene alterata, infatti il freddo li rende più farinosi rompendone le membrane interne. le basse temperature, inoltre, impediscono ai pomodori di maturare correttamente.

Le patate

Patate

Anche le patate risentono delle basse temperature che le rendono più farinose; l’amido si trasforma in zucchero e il sapore delle patate cambia. Vi consigliamo di conservare le patate in una busta di plastica dove impiegheranno molto più tempo a decomporsi.

Il pane

Il pane è uno degli alimenti che tante persone conservano in frigorifero e questo è un grave errore. Con le basse temperature, il pane diventa vecchio prima del tempo e perde il suo sapore.  Vi raccomandiamo di conservare il pane in un luogo fresco e asciutto oppure di tagliarlo a fette e di congelarle per poi riutilizzarle in un secondo momento.

La frutta esotica in generale

Ananas

Poiché si tratta di frutta abituata ad un clima caldo, le basse temperature del frigo non sono per nulla indicate. L’ananas, il cocomero, il frutto della passione, l’avocado, le banane, per citarne alcuni, non devono essere conservati in frigorifero perché in questo modo ne velocizzate la decomposizione, alterate la loro maturazione e, come se non bastasse, ne alterate il sapore originale che può anche diventare sgradevole.

La cipolla e l’aglio

Con le basse temperature la cipolla e l’aglio si induriscono e perdono le loro proprietà. Vi consigliamo di conservarli in un luogo buio, fresco e asciutto, preferibilmente in una borsa di tela.

I formaggi secchi

Formaggio

Solitamente il formaggio viene messo in frigorifero perché si pensa che si conservi meglio. In realtà, a seconda del tipo di formaggio, il frigorifero può rivelarsi un errore perché può alterarne il sapore e renderlo insipido. I formaggi secchi come il parmigiano o altri formaggi simili non devono essere conservati in frigo perché potrebbero perdere il loro sapore. In alternativa, potete utilizzare un recipiente ermetico lasciato fuori dal frigo a temperatura ambiente.

Il melone e le pesche

A meno di 10 gradi perdono il loro sapore e alcune delle loro proprietà. È preferibile conservare la frutta come il melone o le pesche a temperatura ambiente.

Il miele

Miele

Un altro errore è conservare il miele in frigorifero. Il miele, grazie ai suoi componenti e al suo pH, si conserva meglio e più a lungo all’aria aperta. Se conservate il miele in frigorifero, questo tenderà a cristallizzarsi e perderà molte delle sue proprietà.

L’olio d’oliva

L’olio d’oliva, se conservato in frigorifero, si condensa e si indurisce, assumendo una consistenza simile a quella del burro. Come se non bastasse, perde il suo sapore originale. L’ideale è conservare l’olio d’oliva in un luogo fresco e lontano da fonti di luce.

Il cioccolato

Cioccolato

Quando il cioccolato è sottoposto a temperature molto basse, come quelle del frigorifero, forma uno strato superficiale bianco che ne altera il sapore. L’ideale è conservare il cioccolato a temperatura ambiente e lontano da fonti di luce, evitando anche le alte temperature.

Il caffè

Il caffè in frigorifero risente di un cambiamento simile a quello del cioccolato, cioè forma uno strato superficiale che ne modifica il sapore, oltre a perdere il suo aroma caratteristico.

I cereali, la pasta, le farine e lo zucchero

Fiocchi-avena

Cereali, pasta, farine, zucchero e alimenti di questo tipo sono fatti per essere conservati a temperatura ambiente. Se li conservate a basse temperature, perderanno le loro proprietà, le vitamine, il sapore e la consistenza.

Alcuni tipi di prosciutto

Ci sono diversi tipi di prosciutto che in frigorifero perdono il sapore “speciale” che li contraddistingue. Anche se hanno caratteristiche simili alle carni fredde, sono stati pensati per essere conservati a temperatura ambiente.

Il basilico

Basilico

Il basilico non può essere conservato in frigorifero perché le basse temperature lo fanno appassire rapidamente e ne accelerano il processo di decomposizione. Esso, inoltre, tende ad assorbire gli odori degli altri alimenti presenti nel frigorifero. Si consiglia di conservare il basilico in un bicchiere d’acqua all’aria aperta per non alterarne la consistenza e il sapore.

Guarda anche