Ogni quanto cambiare l’assorbente durante il ciclo?

6 Aprile 2019
Ogni donna deve scegliere il tipo di assorbente che meglio si adatta alle sue esigenze in ogni momento del periodo mestruale e cambiarlo al massimo ogni quattro ore.

La cura delle parti intime è estremamente importante, ancora di più quando si raggiunge quello stadio della propria vita in cui il corpo subisce cambiamenti ormonali e fisiologici. È molto importante, ad esempio, sapere ogni quanto cambiare l’assorbente durante il ciclo mestruale per evitare complicazioni.

È importante conoscere le giuste cure da offrire al proprio corpo, e soprattutto alle parti intime. In base alle proprie esigenze, si sceglierà una soluzione oppure un’altra, ma è sempre indispensabile sapere ogni quanto cambiare l’assorbente.

Quanto dura il ciclo mestruale?

Assorbente interno o esterno
La durata del ciclo dipende dal corpo di ogni donna.

Mentre in alcune donne può durare due o tre giorni, altre possono avere un ciclo più lungo che può durare fino a 5 giorni.

Come per la durata, anche il flusso e la quantità di sangue dipenderanno da ogni organismo. Si stima che andranno persi circa 40 millilitri di sangue ogni mese.

Diversi tipi di assorbenti

Esistono diversi tipi di assorbenti appositamente studiati per le esigenze di ogni donna. Fra questi possiamo trovare:

  • Esterni con o senza ali.
  • Esterni lunghi per flussi abbondanti pensati per l’uso notturno.
  • Altri per flusso normale da utilizzare durante il giorno.
  • Gli assorbenti interni.
  • In cotone, per donne con la pelle sensibile, oppure sintetici per chi li desidera.
  • Ci sono anche assorbenti esterni con varie profumazioni, o senza essenze.
  • Salvaslip, piccoli e discreti. Aiutano a evitare di macchiare le mutandine con le ultime secrezioni di flusso mestruale.

In primo luogo, è necessario scegliere il tipo di assorbente ideale per la quantità di flusso. In questo modo, si eviteranno incidenti o il bisogno di svariati assorbenti durante la giornata.

Leggete anche: 5 rimedi per controllare l’odore e l’eccesso del flusso vaginale

Ogni quanto cambiare l’assorbente durante il ciclo?

Gli assorbenti ed i prodotti per l'igiene intima femminile sarebbero contaminati con glifosato

Non importa se il flusso è scarso, moderato o abbondante: gli assorbenti devono essere cambiati al massimo ogni quattro ore.

Bisogna tenere presente che anche se l’assorbente sembra pulito o asciutto, il flusso che assorbe non sempre è chiaramente visibile.

Mentre si accumula nell’assorbente, i microrganismi che possono causare infezioni e danni alla salute si moltiplicano.

Naturalmente, se il flusso è abbondante, il cambio dell’assorbente dovrebbe avvenire in un periodo di tempo più breve (almeno ogni due ore). Questo vi manterrà sempre asciutte.

È anche necessario essere consapevoli che con l’accumulo di flusso sull’assorbente, si rilascerà un normale odore di sangue. Bisogna evitare che tale odore diventi sgradevole, al punto da essere insopportabile o disgustoso, in quanto può indicare un problema.

Un odore di questo tipo indicherebbe una crescita accelerata di batteri e microrganismi. Questi, a causa del calore e dell’umidità che si creano nell’assorbente, si sviluppano rapidamente e possono causare infezioni.

Leggete anche questo articolo: Infezioni vaginali, tipi e cause

Igiene intima durante il ciclo

Come influisce il ciclo mestruale sullo stato d'animo e ogni quanto cambiare l'assorbente

Non importa se il flusso mestruale durante il ciclo è abbondante, moderato o scarso. Si consiglia di lavare le parti intime ogni volta che si cambia l’assorbente. È necessario inoltre, asciugare bene l’area prima di mettere il nuovo assorbente.

L’assorbente che si toglie deve essere smaltito in modo appropriato. Dopo averlo rimosso, lo piegheremo in modo che l’interno non sia visibile. Potete riporlo nell’incarto o involucro del nuovo assorbente che avete indossato.

È molto importante sapere che l’assorbente non deve essere gettato nel WC. È costituito da un materiale che non si scioglie e che potrebbe ostruire lo scarico dei servizi igienici.

Inoltre contaminerebbe anche l’ambiente. Ecco perché gli assorbenti dovrebbero essere riposti in un cestino apposito nel bagno per poi essere gettati nella spazzatura.

Ricordate sempre che prendersi cura del proprio corpo e soprattutto delle zone intime è davvero importante. Se notate un cambiamento a cui non siete abituate, soprattutto se è legato alle mestruazioni, andate immediatamente da uno specialista che potrà dirvi se è normale o meno.

  • A Marcia, Ubilla S Felipe, Morales S Cristián, Zitko M Pedro, Burgos M Viviana, Rivera A Ma. Angélica. Hábitos higiénicos vulvo-vaginales de consultantes ambulatorias en gineco-obstetricia. Rev. chil. obstet. ginecol.  [Internet]. 2015  Ago [citado  2018  Nov  16] ;  80( 4 ): 282-288. Disponible en: https://scielo.conicyt.cl/scielo.php?script=sci_arttext&;pid=S0717-75262015000400002&lng=es.  http://dx.doi.org/10.4067/S0717-75262015000400002.
  • Cuevas Aura, Celis Cuauhtemoc, Herrán Santiago, Hernández Imelda, Paredes Osiris, Paradas Alejandro. Higiene íntima femenina y vaginosis bacteriana: Encuesta Epidemiológica Latinoamericana 2008. Rev Colomb Obstet Ginecol  [Internet]. 2010  Sep [cited  2018  Nov  16] ;  61( 3 ): 198-206. Available from: http://www.scielo.org.co/scielo.php?script=sci_arttext&;pid=S0034-74342010000300003&lng=en.
  • Das, P., Baker, K. K., Dutta, A., Swain, T., Sahoo, S., Das, B. S., Panda, B., Nayak, A., Bara, M., Bilung, B., Mishra, P. R., Panigrahi, P., Cairncross, S., … Torondel, B. (2015). Menstrual Hygiene Practices, WASH Access and the Risk of Urogenital Infection in Women from Odisha, India. PloS one10(6), e0130777. doi:10.1371/journal.pone.0130777
  • Jiménez Ubieto I., Zornoza A., Tarrío O.. Sangrado de origen ginecológico. Anales Sis San Navarra  [Internet]. 2009  [citado  2018  Dic  17] ;  32( Suppl 1 ): 39-48. Disponible en: http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&;pid=S1137-66272009000200005&lng=es.
  • Serret Montoya Juana, Hernández Cabezza Abigail, Mendoza Rojas Ofelia, Cárdenas Navarrete Rocío. Alteraciones menstruales en adolescentes. Bol. Med. Hosp. Infant. Mex.  [revista en la Internet]. 2012  Feb [citado  2018  Dic  17] ;  69( 1 ): 63-76. Disponible en: http://www.scielo.org.mx/scielo.php?script=sci_arttext&;pid=S1665-11462012000100010&lng=es.