Orticaria cronica: come incide sulla qualità della vita?

18 Gennaio 2021
L'orticaria cronica è la comparsa reiterata di lesioni cutanee sotto forma di ponfi. Questo disturbo incide sulla qualità della vita di chi ne soffre. Vi diciamo di cosa si tratta e come può essere affrontata.

Si stima che nel mondo l’1% della popolazione soffra di orticaria cronica, senza significative variazioni tra i diversi paesi. Le più colpite sono le donne di età compresa tra i 30 ei 50 anni.

Si definisce orticaria comune la comparsa di ponfi rossastri sulla pelle, accompagnati da intenso prurito. Questi ponfi possono avere dimensioni diverse, e possono apparire e scomparire all’improvviso, come se si spostassero.

L’orticaria comune si trasforma in orticaria cronica quando perdura nel tempo. Si parla di orticaria cronica quando il soggetto ne soffre da sei settimane a un anno, considerando anche i tempi intermedi senza lesioni visibili.

La causa scatenante di questa patologia è sconosciuta e il trattamento ha lo scopo di tenere sotto controllo la reazione allergica del corpo. Per questo, in genere sono prescritti farmaci antistaminici e misure igienico-dietetiche.

Sintomi di orticaria cronica

Il segno caratteristico di questo disturbo sono ponfi rossastri sulla pelle, senza particolare predilezione per nessuna area specifica. Cambiano, invece, i punti di apparizione e le dimensioni dei ponfi.

Tuttavia, poiché non tutti i ponfi che compaiono sul corpo sono causati da orticaria cronica, questo è l’elenco dei sintomi che deve essere considerato per la diagnosi clinica:

  • Ponfi rossi su qualsiasi area del corpo.
  • Comparsa variabile di ponfi con forme diverse, che appaiono e scompaiono.
  • Gonfiore in alcune aree della pelle unito alla comparsa di tali ponfi.
  • Collegamento della comparsa di orticaria con un fattore scatenante, come situazioni stressanti o esposizione al calore.
  • Prurito intenso, bruciore.
Rimedi fai da te per la orticaria.

Potrebbe interessarvi: Prevenire le malattie della pelle più comuni

Orticaria cronica e qualità della vita

Più della metà dei soggetti che soffrono di orticaria cronica afferma che questa condizione influenza fortemente la loro vita sociale, come indica uno studio del St Thomas Hospital (Regno Unito). Più della metà, inoltre, ritiene che la propria vita sessuale sia peggiorata a causa del problema estetico.

Ma i risvolti negativi non si notano solo in questi ambiti, bensì anche sul posto di lavoro. Il 25% dei pazienti si assenta quasi una volta al mese. È stata rivelata, di fatto, un’associazione tra un peggioramento della qualità della vita e reddito inferiore.

Il ruolo delle persone care è molto importante. Devono essere consapevoli della patologia e delle sue manifestazioni al fine di evitare modi e gesti di rifiuto che possano minare l’autostima di chi ne soffre. Più diminuisce l’autostima, più è difficile aderire ai trattamenti.

Le situazioni stressanti possono peggiorare l’orticaria cronica. Anche solo un piccolo effetto, come l’aumento del prurito causato dall’ansia, può causare complicazioni in quanto potrebbe portare a una lesione cutanea che in seguito potrebbe infettarsi.

Questo è l’impatto sulla vita quotidiana che si registra tra i pazienti secondo protocolli globali e prevede l’adozione di strumenti di misurazione della qualità della vita per conoscere a fondo la condizione del paziente.

Trattamento farmacologico

Il trattamento base dell’orticaria cronica è la prescrizione di farmaci antiallergici. Tra questi, i più utilizzati sono gli antistaminici. Questi farmaci sono divisibili in due gruppi a seconda che provochino sonnolenza o meno. Tra gli antistaminici che provocano sonnolenza possiamo citare i seguenti:

  • Idroxizina.
  • Doxepina.
  • Difenidramina.

Tra quelli con minori effetti collaterali, forse il più noto è la loratadina, che si trova nello stesso gruppo di fexofenadina e cetirizina.

Se le lesioni dermiche causano infiammazione, i corticosteroidi possono essere prescritti come antinfiammatori. Si tratta di farmaci la cui assunzione deve essere ridotta e limitata nel tempo a causa dei loro effetti collaterali. Il più indicato è il prednisone.

Corticosteroidi a pillole.

Per saperne di più: Combattere le allergie con i rimedi naturali

Trattamento non farmacologico

Oltre ai farmaci, le misure igienico-dietetiche sono essenziali per migliorare la qualità della vita del paziente con orticaria cronica. Saranno proprio queste misure a contenere i sintomi a lungo termine. Tra le indicazioni non farmacologiche possiamo citare le più importanti:

  • Usare solo saponi neutri per evitare di irritare ulteriormente la pelle.
  • Applicare creme idratanti.
  • Indossare indumenti non aderenti e che rimangano larghi, evitando attriti.
  • Applicare la protezione solare quando si è all’aperto, anche nei giorni che non sembrano tanto soleggiati.
  • Evitare i trigger noti.

La qualità della vita è estremamente importante

Tutte queste misure combinate, sebbene non cureranno la malattia, aiuteranno a migliorare la qualità della vita per poter svolgere le attività quotidiane nel miglior modo possibile.

È importante che la patologia non diventi invalidante, né motivo di ritiro dalle relazioni interpersonali. In tal caso, è consigliabile consultare uno psicologo.

 

  • E. R. Simons, P. Staubach, G. Sussman, E. Toubi, G. A. Vena, B. Wedi, X. J. Zhu & M. Maurer.The EAACI/GA2LEN/EDF/WAO Guideline for the definition, classification, diagnosis, and management of urticaria: the 2013 revision and update. Allergy 69 (2014) 868–887. 2014
  • Poonawalla, T. Kelly, B. Urticaria: A review. American Journal of Clinical Dermatology. 2009; 10 (1): 9-21.
  • Maurer M, Weller K, Bindslev-Jensen C, Giménez-Arnau A, Bousquet PJ, Bousquet J, Canonica GW, Church MK, Godse KV, Grattan CEH, Greaves MW, Hide M, Kalogeromitros D, Kaplan AP, Saini SS, Zhu XJ, Zuberbier T. Unmet clinical needs in chronic spontaneous urticaria. A GA2LEN task force report. Allergy 2011; 66: 317–330.
  • Arias-Cruz Alfredo, González-Díaz Sandra Nora, Macías-Weinmann Alejandra, Ibarra-Chávez Jesús Arturo, Sánchez-Guerra Daniel, Leal-Villarreal Lucía et al . Calidad de vida en urticaria crónica y su relación con el impacto económico y control de la enfermedad en pacientes atendidos en el Hospital Universitario de Monterrey, México. Rev. alerg. Méx.  [revista en la Internet]. 2018  Sep [citado  2019  Jul  19] ;  65( 3 ): 250-258.
  • VV.AA.(1997).The Impact of Chronic Urticaria on the Quality of Life. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/9068731/