Ovaio policistico e diversi trattamenti

4 Maggio 2019
La sindrome dell'ovaio policistico è una patologia molto comune nelle donne giovani con mestruazioni irregolari. I sintomi sono associati agli squilibri ormonali, quindi il trattamento più appropriato dovrebbe essere applicato a seconda del caso.

Lo staff medico in genere usa il termine ovaio policistico per riferirsi a un’alterazione del sistema riproduttivo femminile. Come regola generale, si sviluppa nelle donne ancora in età fertile. Vediamo insieme cos’è l’ovaio policistico e i diversi trattamenti.

Le donne affette da sindrome dell’ovaio policistico presentano strutture fibrose all’interno dell’ovaio che possono produrre alterazioni ormonali. Di conseguenza di solito hanno alti livelli di androgeni (ormone associato agli uomini) come il testosterone e l’androsterone, tra gli altri.

Questo squilibrio ormonale causa diversi sintomi. Se il disturbo non viene trattato correttamente, nel tempo possono svilupparsi complicanze più gravi. Scoprite più in dettaglio cos’è l’ovaio policistico e come può essere trattato.

Cos’è l’ovaio policistico

Sintomi

Dolore alle ovaie
La donna può sperimentare sintomi associati a uno squilibrio ormonale.

I sintomi più frequenti associati alla sindrome dell’ovaio policistico sono:

  • Cambiamenti nelle fasi mestruali. Possono riferirsi alla periodicità, durata e intensità di questa fase.
  • Infertilità o difficoltà di concepimento.
  • Aumento della peluria sul viso. È anche chiamato irsutismo e può apparire in altre aree del corpo.
  • Sviluppo dell’acne che può variare in gravità.
  • Perdita di capelli che ha le caratteristiche della calvizie maschile.

D’altra parte, la sindrome dell’ovaio policistico è strettamente associata al sovrappeso o all’obesità. Questo fattore contribuisce anche al peggioramento dei sintomi e alla comparsa di nuove complicazioni come:

  • Alterazioni durante la gravidanza. Di solito è associato a diabete gestazionale e ipertensione.
  • Disturbi del sonno. Soprattutto, apnea del sonno.
  • Diabete di tipo 2.
  • Emorragia all’interno dell’utero.
  • Cambiamenti nel comportamento del soggetto.
  • Altre malattie come il cancro uterino o la sindrome metabolica, sebbene con una probabilità molto bassa.

Gli specialisti non sono stati in grado di individuare una causa o un fattore scatenante esatto di questa sindrome. Tuttavia, sono stati indicati diversi fattori associati allo sviluppo di questo disturbo. In ogni caso, si verificano diversi cambiamenti nel corretto funzionamento delle ovaie.

Gli ovuli maturi non vengono espulsi nell’ambiente esterno durante il ciclo mestruale. Inoltre, le ovaie presentano piccoli accumuli di liquido chiamati follicoli.

Forse siete interessati: Sintomi del tumore alle ovaie

Il trattamento per l’ovaio policistico

Test ovaie
I contraccettivi ormonali possono essere di aiuto ai pazienti che soffrono di ovaio policistico, così come le tecniche come l’elettrolisi dei follicoli.

Al giorno d’oggi, lo staff medico dispone di diversi trattamenti in caso di ovaio policistico. In base alle caratteristiche della persona e alla gravità della sindrome, viene scelto il metodo più appropriato.

In ogni caso, è importante che la paziente informi gli specialisti circa i farmaci assunti abitualmente. Occorre anche controllare lo stile di vita, le ipersensibilità o le allergie e le alterazioni subite. In questo modo, tra le linee guida di trattamento più utilizzate oggi possiamo trovare:

  • Controllata riduzione del peso. Si raccomanda di seguire una dieta equilibrata e fare sport.
  • Somministrazione di medicinali. I sintomi endocrini correlati alla sindrome dell’ovaio policistico possono essere trattati. Tra i farmaci più usati possiamo evidenziare:
    • Pillole anticoncezionali. Sono in grado di regolare i livelli ormonali perché contengono estrogeni e progesterone nella loro composizione. Possono regolare le mestruazioni e le emorragie uterine. Riducono anche le possibilità di soffrire di alcune malattie come il tumore dell’utero.
    • Composti chimici con progesterone. Come gli anticoncezionali, aiutano a regolare i cicli mestruali e costituiscono una forma di prevenzione contro il cancro uterino.
  • Trattamenti per l’eccessiva crescita di peli, o irsutismo.
  • Elettrolisi. È una tecnica in cui i follicoli delle ovaie vengono distrutti. Per questo, sono necessarie diverse sessioni in cui un ago emette una piccola quantità di corrente elettrica nell’area problematica.

Speriamo che questo articolo vi sia stato utile e abbia risolto alcuni dei vostri dubbi sulla sindrome dell’ovaio policistico e come si cura. D’altro canto, vi consigliamo sempre di non esitare a contattare il medico per risolvere tutte le altre domande relative all’argomento.

  • Meier, R. K. (2018). Polycystic Ovary Syndrome. Nursing Clinics of North America. https://doi.org/10.1016/j.cnur.2018.04.008
  • Legro, R. S. (2003). Polycystic Ovarian Syndrome. In The Ovary: Second Edition. https://doi.org/10.1016/B978-012444562-8/50030-6
  • Kovanci, E., & Buster, J. E. (2015). Polycystic ovary syndrome. In Clinical Gynecology, Second Edition. https://doi.org/10.1017/CBO9781139628938.068