Che fare se il partner sparisce e chiama dopo qualche giorno?

· 23 Febbraio 2019
Molte donne si chiedono come mai il loro partner sparisce per riapparire, quasi magicamente, qualche giorno dopo. Finalmente chiama e si comporta come se non fosse successo nulla. Come bisogna agire?

Immaginate di avere una relazione e, all’improvviso, il vostro partner sparisce. Non avete notizie, non sapete cosa gli sia successo e iniziate a preoccuparvi. Poi, dopo alcuni giorni, vi chiama.

Proprio così, all’improvviso, come se niente fosse. Ansia, delusione, rabbia. Sono questi alcuni dei sentimenti che prova chi è rimasto ad aspettare.

Occorre vedere sempre il lato positivo delle cose e imparare anche da queste esperienze. Sicuramente, non tutti si impegnano nello stesso modo in una relazione.

Certo, è logico adattarsi agli altri, ma senza perdere la propria autostima e amor proprio. Se volete capire come mai un partner sparisce senza motivo e riappare facendo finta di nulla, continuate a leggere.

Il vostro fidanzato scompare senza motivo: come comportarsi?

Non l’aveva mai fatto prima

Donna pensierosa

Ci sono uomini che un giorno sono “perfetti” e quello dopo si comportano come se non vi conoscessero. Se ne vanno e ritornano continuamente, a loro piacimento, a volte evitando ogni tipo di contatto. Forse questo accade perché l’altra persona lo accetta passivamente e glielo permette.

Prima di tutto, dovete essere sicure che non sia successo qualcosa tra voi. Per esempio una qualche situazione in cui avete perso il controllo, senza rendervene conto. Se è la prima volta che il vostro fidanzato si comporta in questo modo, ecco tre consigli pratici che vi aiuteranno ad affrontare la situazione in modo corretto:

1. Non mostrate ansia se il partner sparisce

Quando chiamerà, non rispondete alla velocità della luce, al contrario. Piuttosto, dovreste ritardare il contatto. In nessun momento dovrete abbassare la testa, facendogli capire che siete a sua disposizione ogni volta che vuole.

Se non si è fatto vivo per diversi giorno, ebbene che aspetti qualche ora anche lui.

Leggete anche: 13 trucchi per vincere l’ansia, lo stress e la paura

2. Trasmettete tranquillità

È importante che siate in grado di dominare le vostre emozioni. Sicuramente, avrete voglia di sfogarvi e dirgliene quattro. Errore: non iniziate a rimproverarlo ed evitate di provocare una possibile discussione.

Piuttosto, agite con tranquillità, pensando alla vostra vita e alle vostre preoccupazioni. Durante la sua assenza, sicuramente avrete potuto dedicate del tempo ad altre persone.

Comportatevi in modo naturale rivolgendogli un semplice “Come sei stato?”, minimizzando il suo comportamento. Avrete tempo per approfondire i dettagli.

3. Cercate un dialogo sincero

Se proponete di vedervi, potrete approfittare di questa opportunità per parlare di quello che è successo.

Una cosa è parlare al telefono, diverso è guardarsi negli occhi. Potrete infatti analizzare meglio le sue parole, osservando anche il linguaggio del suo corpo.

Gesti e movimenti riveleranno aspetti e sensazioni che sono difficili da individuare, ascoltando solo la voce.

Usate una comunicazione matura e assertiva nel proporgli un incontro e durante esso. Guardatelo negli occhi mentre gli chiedete di parlare sul futuro della coppia.

La sua reazione è la chiave e vi suggerirà la decisione da prendere. Se si scusa e mostra pentimento, forse potete dargli una seconda chance, a patto che cambi il suo modo di fare.

Se minimizzate le sue responsabilità, forse è arrivato il momento di lasciarlo.

Sparisce di continuo

Se nonostante le promesse e le buone intenzioni, il vostro partner continua a reiterare lo stesso comportamento, occorrerà prendere misure drastiche. Chiudete, dimenticatevi di lui.

Sicuramente, è una persona che ha paura di prendersi delle responsabilità o il suo ego gli impedisce di poter avere una persona accanto.

L’opzione migliore è quella di porre fine a questo circolo vizioso di cui solamente voi pagate lo scotto.

Non rinunciate al vostro valore di persona, se non desidera stare con voi è semplicemente perché non vi merita. Andare avanti per la sua strada, senza rispettare i sentimenti dell’altra persona è un atteggiamento difficilmente ammissibili, in ogni coppia che si definisca tale.

È difficile chiudere una storia, quando si è innamorati. Ma spesso le scelte più dure sono anche quelle più giuste.

Scoprite: 5 cause che deteriorano una relazione

Come mai il partner sparisce per diversi giorni?

Ragazza triste

Le ragioni possono essere diverse, ma alla base c’è, ovviamente, un palese disinteresse. Altrimenti, si sforzerebbe di farvi avere almeno sue notizie.

Senza scordare poi che, sentimenti e rispetto a parte, si tratta persino di una certa mancanza di educazione.

Allo stesso modo, le cause più comuni possono essere:

  • Personalità narcisistica. Sono talmente concentrati su sé stessi che questi uomini non misurano le conseguenze delle loro azioni. Non mostrano alcun interesse per gli altri. E, quando, grazie alla relazione scoprono qualche propria debolezza, fuggono a gambe levate.
  • Relazioni parallele. È probabile che l’infedeltà sia la causa della mancanza di interesse. Gran parte delle sue attenzioni e premure, evidentemente, vanno in un’altra direzione.
  • Non sa come lasciarvi. È stanco o annoiato e non ha il coraggio o la capacità di essere sincero e porre fine alla relazione. Alcuni temono di restare soli e questo impedisce loro di essere pienamente onesti. Altri, aspettano che siate voi a lasciarli.

Considerazioni finali

Se il vostro partner sparisce senza motivo e vi chiama solo quando ne ha voglia, probabilmente non gli interessa tenervi accanto a sé.

Pertanto, è meglio avere il coraggio di chiudere questa relazione e voltare pagina. Un sano rapporto di coppia si basa sull’equilibrio, la condivisione e lo sforzo reciproco di dare sempre il massimo.

Altrimenti, è giusto che ognuno vada per la sua strada.

  • González Vélez, M., Vázquez Aguado, O., & Álvarez Pérez, P. (2013). El análisis de la resilencia en personas que constituyen parejas mixtas en Andalucía. Cuadernos de Trabajo Social. https://doi.org/10.5209/rev_CUTS.2013.v26.n2.41474
  • Montesinos-Guerrero, M. del R., Madrigal-de León, H. G., & Avilés, A. G.-P. (2015). Percepción de apoyo en la pareja reconstituida: el camino al ensamblaje. Atención Familiar. https://doi.org/10.1016/S1405-8871(16)30048-7
  • CACERES, J. (1992). ESTUDIO EXPERIMENTAL DE LA INTERACCION EN LA PAREJA. Analisis y Modificacion de Conducta.