Pelle flaccida dopo la dieta dimagrante? 7 modi per rassodarla

22 dicembre 2017
Per combattere la pelle flaccida dopo la dieta, è essenziale combinare esercizi mirati alla tonificazione con una dieta a base di cibi che stimolano la rigenerazione dell'epidermide

La comparsa della pelle flaccida dopo la dieta dimagrante è un evento frequente, soprattutto quando la perdita di peso è troppo veloce e non permettiamo all’epidermide di adattarsi alla nuova forma del corpo.

Accade spesso ed è particolarmente evidente nella zona delle braccia e dell’addome.

Il consiglio che si dà a chi vuole perdere i chili di troppo è di evitare le diete molto restrittive. È certamente meglio programmare una perdita sana di grasso corporeo, mediante l’attività fisica, una dieta equilibrata e, soprattutto, senza fretta.

Se per un motivo qualsiasi, però, vi ritrovate con un eccesso di pelle flaccida dopo la dieta e non volete sottoporvi a un intervento chirurgico, abbiamo buone notizie per voi.

Con le strategie adeguate, è possibile rassodarla. Certo dovete convincerci di due realtà: dovrete fare attività fisica e alimentarvi meglio.

Consigli per rassodare la pelle flaccida dopo la dieta

1. Consumate la giusta quantità di proteine

Frullato di banana e spinaci

Forse pensavate che il primo consiglio per combattere la pelle flaccida dopo la dieta sarebbe stato di consumare frutta e verdura.

Per tonificare i muscoli e tendere di più la pelle, è necessario nutrire i tessuti e il modo migliore per farlo è offrire essi proteine, di origine animale o vegetale.

È importante, tuttavia, introdurre “proteine magre” ovvero più sane. Le trovate in questi alimenti:

  • Salmone,
  • Petto di pollo o tacchino,
  • Uova,
  • Avena,
  • Spinaci.

Scoprite: 5 frullati agli spinaci che aiutano a dimagrire

2. Bevete molta acqua

Non si tratta di bere forzatamente due litri di acqua o più, ma semplicemente di mantenersi idratati.

Un gesto semplice come bere un sorso d’acqua ogni mezz’ora è la cosa migliore che possiamo fare.

Ricordate, però, se fate fatica a bere l’acqua, potete sempre sostituirla con alternative sane come le tisane o l’acqua aromatizzata con la frutta.

Una buona idratazione è uno dei punti chiave per favorire la tonificazione della pelle.

3. Saltate la corda

Saltare la corda

Come abbiamo detto all’inizio, per vincere la pelle flaccida dopo la dieta dimagrante è necessario fare attività fisica. Non esercizi qualsiasi, però: occorre una sequenza ad alto impatto che aiuti a rafforzare i muscoli.

L’ideale, per non portare il corpo a limiti poco sani e a cui non si è abituati, è cominciare con esercizi leggeri. Potete, ad esempio, saltare la corda per 15 minuti, due volte al giorno. Saranno, questo sì, sessioni ad alta intensità.

4. Infuso di cannella e miele

La cannella con miele è un rimedio sensazionale per accelerare il  metabolismo, nutrire i muscoli e tonificare la pelle.

Un modo molto allettante per iniziare la giornata è preparare un infuso di cannella e addolcirlo con un po’ di miele. Utilizzate miele biologico, ovvero un prodotto a cui non abbiano aggiunto zucchero.

Bevete questo rimedio tradizionale a stomaco vuoto. Vi aiuterà a rassodare la pelle cadente.

5. Aloe vera

Aloe vera

Ormai conosciamo tutti le virtù dell’aloe vera. In realtà, non si smettono di scoprire nuovi benefici di questa pianta che la natura ci ha fornito per favorire il nostro benessere.

  • Sapevate, ad esempio, che è molto indicata per trattare la pelle flaccida? Il gel d’aloe è uno dei migliori idratanti e riparatori della pelle danneggiata e con smagliature. 
  • I suoi principi attivi, i suoi antiossidanti, le vitamine e i sali minerali agiscono sulle aree più critiche come la pelle dell’addome e delle braccia.
  • Per ottenere questo risultato, dovete realizzare un massaggio con il gel di aloe tutti i giorni. Lasciate agire per qualche minuto e poi, lavate con acqua tiepida.

Leggete anche: 4 creme all’aloe vera che non potete perdervi

6. Esercizi  con i pesi

L’esercizio fisico costante è un altro punto chiave per rassodare la pelle.

È necessaria la buona volontà: stabilire un programma di esercizi dedicati esclusivamente al tono muscolare e al rafforzamento del tessuto connettivo della pelle, in modo che questa possa adattarsi al nuovo peso raggiunto.

In questo caso gli esercizi più utili sono eseguiti con i pesi. Se andate in palestra, gli istruttori vi mostreranno come lavorare sulle zone più critiche senza farvi male e senza sovraccaricare le articolazioni.

Se decidete di allenarvi in casa, fatelo con attenzione, senza sforzare troppo e cercando di far lavorare non soltanto le braccia, ma anche l’addome e combinando il sollevamento pesi con altri esercizi.

Donna che fa affondi con il pesi

7. Alimenti che aiutano a produrre collagene ed elastina

Per “riparare” la pelle flaccida dopo aver perso peso, dobbiamo fornirle i nutrienti adeguati, in modo che recuperi  fermezza ed elasticità.

Dobbiamo, quindi, consumare cibi che ci aiutino a sintetizzare il collagene e l’elastina, due elementi essenziali per la salute cutanea.

Ecco cosa includere nella dieta:

  • Tofu,
  • Soia,
  • Fagioli,
  • Carote,
  • Melone,
  • Salmone,
  • Yogurt,
  • Noci,
  • Cavolo riccio,
  • Rucola.

In conclusione, ricordate: se volete dimagrire, fatelo senza perdere di vista la vostra salute, senza fretta e senza ricorrere a diete troppo rigide che quasi sempre causano effetti secondari e indesiderati.

La pelle flaccida è una di queste conseguenze. Con questi consigli, però, con costanza e volontà potrete, a poco a poco, recuperare il tono e l’elasticità.

Guarda anche