Penne per insulina: caratteristiche e funzionamento

21 Ottobre 2019
Le penne per insulina sono uno dei metodi più veloci, semplici e precisi per somministrare l'insulina ai pazienti diabetici.

Le penne per insulina sono il metodo più diffuso per la somministrazione dell’insulina nei soggetti diabetici. Si tratta di un meccanismo comodo e preciso. Nell’articolo di oggi vi illustreremo le caratteristiche e il funzionamento delle penne per insulina.

Che cos’è l’insulina?

Insulina prodotta dal pancreas

L’insulina è un ormone prodotto dal pancreas, la cui funzione è quella di regolare la quantità di glucosio nel sangue. Quest’ormone è assente o è inutilizzabile nei pazienti diabetici. Il diabete, infatti, può avere due cause diverse:

  • Il corpo non dispone di insulina a causa di una patologia autoimmunitaria: diabete di tipo 1.
  • Il pancreas non produce una quantità di insulina sufficiente a soddisfare le necessità dell’organismo (deficit di secrezione di insulina) oppure l’insulina prodotta non agisce in maniera efficace (insulino-resistenza): diabete di tipo 2.

L’insulina artificiale è fondamentale per le persone affette da diabete di tipo 1. Per capire come agisce nel nostro organismo, dobbiamo considerare tre aspetti:

  • Tempo di assorbimento: è il tempo che trascorre prima che l’insulina arrivi nel sangue e inizi a far abbassare i livelli di glucosio.
  • Il picco di azione massima: si chiama così il punto in cui l’insulina esprime al massimo l’effetto di riduzione del glucosio.
  • Durata dell’effetto: è il tempo che l’insulina resta in circolo, continuando ad agire sui livelli di glucosio.

Leggete anche: Insulino-resistenza, scoprite perché è così comune

Tipi di insulina

I tipi di insulina si classificano in funzione della durata del loro effetto e del tempo che impiegano a fare effetto. Si distinguono:

  • Insulina ultra rapida: l’effetto compare 15 minuti dopo l’iniezione. Raggiunge il picco dopo un’ora circa ed è efficace in un intervallo di 2-4 ore.
  • Insulina rapida: l’ormone raggiunge la circolazione sanguigna dopo circa 30 minuti dalla somministrazione. Raggiunge il picco dopo 2-3 ore e l’efficacia persiste per 3-6 ore dopo l’iniezione.
  • Insulina intermedia: l’effetto inizia a manifestarsi dopo 2-4 ore dall’iniezione. Raggiunge il suo picco dopo 4-12 ore dalla somministrazione e continua ad agire per un periodo di 12-18 ore.
  • Insulina ad azione prolungata: in generale, raggiunge il sangue diverse ore dopo l’iniezione e tiene sotto controllo i livelli di glucosio nelle 24 ore successive.

Tipi di penne per insulina

Penne per insulina

Esistono due tipi di penne per insulina:

  • Penne pre-riempite: si usano una volta sola e sono da buttare una volta esaurita l’insulina.
  • Penne ricaricabili: hanno un dispositivo che permette di cambiare la cartuccia di insulina quando si esaurisce.

È possibile regolare la quantità di insulina che si inietta, in questo modo il paziente può variare le dosi in base ai suoi bisogni. Per sicurezza, l’ago va cambiato ogni volta che si inietta una nuova dose.

Vantaggi e svantaggi delle penne per insulina

L’iniezione è più veloce e semplice, perché la dosi è già preparata. Inoltre, grazie al loro sistema di dosaggio, l’insulina viene iniettata con maggiore precisione. Infine, c’è il vantaggio del formato, che ne facilita il trasporto e l’uso quotidiano.

Tuttavia, le penne per insulina presentano anche alcuni svantaggi: per esempio, non è possibile mescolare diversi tipi di insulina. Vanno pulite e provate prima di ogni puntura e, in questo modo, si spreca insulina prima di ogni iniezione.

Come si usano?

Le penne per insulina, sia quelle pre-riempite che quelle ricaricabili, sono provviste di un ago. Questi aghi, nel caso delle penne ricaricabili, devono essere cambiati dopo ogni uso.

  • Passo 1. Prima di iniettare l’insulina, lavare le mani e regolare la dosi con le unità di insulina necessarie. Poi, rivolgere la penna verso l’alto e premere finché non esce una goccia. Questa sarà la prova che la penna funziona correttamente.
  • Passo 2. Disinfettare la zona in cui verrà fatta l’iniezione e regolare il dosaggio. Ora, stringere la pelle fra le dita e infilare l’ago con un movimento rapido e deciso.
  • Passo 3. Iniettare l’insulina spingendo lo stantuffo con il pollice e, poi, buttare l’ago.

Non perdetevi: La miglior dieta per diabetici

Come conservare le penne per insulina

Per conservare l’insulina in modo adeguato, dovrete fare attenzione alla temperatura e al tempo di conservazione. Si consiglia di conservare le penne in frigorifero, a una temperatura di 4-8 °C. Inoltre, non devono essere esposte a fonti di luce e calore intense.

Non è indicato conservarle a temperature inferiori ai 2°C, perché l’insulina a queste temperature perde la sua efficacia. Tuttavia, anche se la conservate correttamente in frigorifero, fate attenzione alla data di scadenza, che indica il periodo in cui l’insulina è efficace.

Conclusione

Le penne per insulina rappresentano il metodo più preciso, veloce e semplice di somministrare insulina nei soggetti diabetici. Ricordate sempre che questi dispositivi possono essere usati nei 30 giorni successivi al primo utilizzo.

  • Cohen, M. R. (2015). PLUMAS DE INSULINA ¡No las reutilicen! Nursing (Ed. Española). https://doi.org/10.1016/j.nursi.2015.06.007

  • Sacylite. (2005). Insulinas : clasificación y usos. Informacion Terapeutica.

  • Pereira, L. O., Francischi, R. P. de, & Lancha Jr., A. H. (2005). Obesidade: hábitos nutricionais, sedentarismo e resistência à insulina. Arquivos Brasileiros de Endocrinologia & Metabologia. https://doi.org/10.1590/s0004-27302003000200003