Perdere peso in modo naturale con la Garcinia cambogia

La Garcinia cambogia è un frutto originario dell'Asia, al quale vengono attribuite proprietà antibiotiche e astringenti. Si dice anche che sia in grado di contribuire alla perdita di peso.
Perdere peso in modo naturale con la Garcinia cambogia

Ultimo aggiornamento: 31 gennaio, 2021

Chiamata anche Garcinia gummi-gutta o tamarindo di Malabar, la Garcinia cambogia è un frutto che, secondo alcune ipotesi, potrebbe offrire alcuni benefici per la salute e, più specificamente, contribuire alla perdita di peso.

Nelle righe che seguono vi parleremo dei possibili vantaggi per la salute e delle proprietà dimagranti di cui gode questo curioso frutto asiatico.

Che cos’è la Garcinia cambogia?

 

La Garcinia cambogia è un frutto originario dell’Asia, al quale la medicina ayurvedica attribuisce proprietà antibiotiche e astringenti. Secondo alcuni studi condotti sui roditori, contiene acido citrico (presente anche nel limone, nelle arance e nel pompelmo) che potrebbe presentare dei benefici per la perdita di peso.

Tamarindo di Malabar.

La corteccia di questa pianta è molto acida e in alcuni paesi del sud-est asiatico viene consumata (anche essiccata) come condimento in diversi tipi di curry.

A livello gastronomico, con i semi del frutto si prepara un burro che rappresenta una buona alternativa vegana al famoso ghi o burro chiarificato.

Possibili benefici per la salute

Secondo alcune ipotesi, questo alimento potrebbe contribuire a raggiungere i seguenti risultati:

  • Perdita di peso.
  • Miglioramento della salute cardiovascolare, grazie al suo contenuto di antiossidanti.
  • Aumento dei livelli di serotonina, utile per il miglioramento dello stato d’animo.
  • Diminuzione dell’acidità di stomaco e sollievo dalle infiammazioni intestinali.
  • Miglioramento del rendimento nelle attività sportive, grazie alla produzione di glicogeno, che funge da riserva energetica dei muscoli.

La Garcinia cambogia contribuisce alla perdita di peso?

Ci sono diverse ragioni per le quali la Garcinia cambogia potrebbe rappresentare un integratore accettabile per la perdita di peso.

Persona che sale sulla bilancia.

Se consumata al naturale, come qualunque altro frutto, possiederebbe un buon effetto saziante, grazie al suo alto contenuto di fibre. A sua volta, questo aspetto contribuirebbe a evitare il consumo di cibi poco sani in orari lontani dai pasti e a regolare il transito intestinale.

Grazie al suo contenuto di acido idrossicitrico (o HCA), può risultare utile per le persone che soffrono di un eccesso di appetito o che tendono a mangiare in maniera compulsiva.

Ciononostante, il sistema nervoso non ne risulterebbe alterato, dal momento che l’HCA viene prodotto mediante il blocco degli enzimi e l’accelerazione del metabolismo. In questo modo, il volume corporeo si riduce, a mano a mano che vengono bruciate le riserve di grasso.

Inoltre, si ritiene che il consumo di Garcinia cambogia, nel contesto di una dieta equilibrata, possa contribuire al processo di secrezione della serotonina, conosciuta anche come l'”ormone della felicità”.

Per tutte queste ragioni, ci sono ricercatori che ritengono che la Garcinia cambogia possa essere un brutto vantaggioso per la salute umana.

Come assumerla?

Normalmente, la Garcinia cambogia può essere reperita sotto forma di compresse. Al loro interno è presente un concentrato in polvere della buccia del frutto, al quale vengono attribuite proprietà dimagranti.

L’etichetta della confezione dovrebbe specificare che ciascuna capsula contiene almeno il 50% di acido idrossicitrico. Se questa informazione non compare, è probabile che il contenuto di questa sostanza sia inferiore.

La quantità giornaliera raccomandata varia tra i 1.500 e i 2.000 mg. Le compresse dovrebbero essere assunte mezz’ora prima dei pasti e distribuite nell’arco della giornata, a seconda della quantità contenuta in ciascuna capsula.

Consigli per perdere peso

Succo di Garcinia cambogia.

Oltre ad assumere le compresse di Garcinia, suggeriamo di seguire i seguenti consigli per favorire una perdita di peso efficace, salutare e senza effetto “boomerang”:

  • Bere quantità sufficienti di acqua nel corso della giornata.
  • Consumare ogni giorno verdure fresche, al naturale o sotto forma di succhi o frullati.
  • Mangiare sempre fino a sentirsi sazi, senza però cadere in eccessi. E’ importante masticare bene ogni boccone e gustare i diversi sapori, in modo da mangiare sfruttando tutti i nostri sensi.
  • Evitate le farine e gli zuccheri raffinati e consumate cibi integrali.
  • Sostituite i grassi dannosi (insaccati, margarina, prodotti da forno, cibi precotti) con grassi sani (avocado, frutta secca, ghi, olio di cocco e così via).
  • Scegliete per cena piatti leggeri e mangiate a un orario che vi dia il tempo di digerire, prima delle 21 (orario in cui l’organismo ha bisogno di riposarsi per rigenerarsi e per favorire la perdita di peso).

Ricordate che, anche se la Garcinia cambogia può offrire benefici sotto molteplici aspetti, per poterne apprezzare i risultati il suo consumo regolare deve essere sempre integrato in uno stile di vita sano.

Potrebbe interessarti ...
Aglio e limone: rimedio contro il grasso addominale
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Aglio e limone: rimedio contro il grasso addominale

La cura dell'aglio e limone è un rimedio tradizionale, usato da moltissimo tempo per trattare diversi disturbi, sopratutto per eliminare il grasso-



  • Hayamizu K, Ishii Y, Kaneko I, et al. Effects of garcinia cambogia (Hydroxycitric Acid) on visceral fat accumulation: a double-blind, randomized, placebo-controlled trial. Current Therapeutic Research, Clinical and Experimental. 2003;64(8):551-567. doi:10.1016/j.curtheres.2003.08.006.
  • Hydroxycitric Acid: Uses, Side Effects, Interactions, Dosage, and Warning. (n.d.). Retrieved October 8, 2018, from https://www.webmd.com/vitamins/ai/ingredientmono-1461/hydroxycitric-acid
  • Onakpoya I, Hung SK, Perry R, Wider B, Ernst E. The Use of Garcinia Extract (Hydroxycitric Acid) as a Weight loss Supplement: A Systematic Review and Meta-Analysis of Randomised Clinical Trials. Journal of Obesity. 2011;2011:509038. doi:10.1155/2011/509038.