Preoccupazione per l'infortunio di Neymar: può continuare il Mondiale con una distorsione alla caviglia?

I tifosi brasiliani sono in ansia per l'infortunio di Neymar. Riuscirà a giocare le prossime partite con la sua squadra? Analizziamo la distorsione subita dall'attaccante.
Preoccupazione per l'infortunio di Neymar: può continuare il Mondiale con una distorsione alla caviglia?
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 11 dicembre, 2022

Il Brasile ha vinto nella partita d’esordio ai Mondiali del 2022 in Qatar, ma la notizia è stata l’infortunio di Neymar che potrebbe escluderlo dalla competizione. La stella della squadra brasiliana è dovuta uscire dal campo a 10 minuti dalla fine.

Tutti aspettavano il referto medico per valutare la prognosi del giocatore. Le immagini dell’attaccante in lacrime e con la caviglia destra gonfia non hanno messo serenità a tifosi e simpatizzanti.

Infine, il medico di squadra ha fornito informazioni al riguardo:

Rodrigo Lasmar, medico della squadra di calcio brasiliana: “Neymar ha una distorsione alla caviglia destra. Una collisione con un giocatore della squadra serba. In quel momento si è verificata la distorsione. Abbiamo applicato del ghiaccio e già è iniziato il trattamento. Aspettiamo 24/48 ore per avere un’idea più chiara della situazione. Continuerà con la fisioterapia”.

Il giorno successivo, i sospetti sono stati confermati:

Voce ufficiale della nazionale brasiliana: “Gli esami hanno mostrato una lesione del legamento laterale della caviglia destra di Neymar, con un piccolo edema osseo”.

In questo articolo vi diciamo cos’è la distorsione e come potrebbe influire sulla presenza di Neymar nel Mondiale in Qatar del 2022. Sarà presente nella prossima partita?

Com’è avvenuto l’infortunio di Neymar?

La partita tra Brasile e Serbia ha avuto molti contatti fisici. Secondo le statistiche, infatti, la squadra serba ha avuto 3 ammonizioni e Neymar ha ricevuto 9 violazioni, facendo di lui il giocatore più colpito dagli avversari dall’inizio del Mondiale.

In uno di quei contatti, con il serbo Nikola Milenković, il fuoriclasse brasiliano ha mostrato evidenti segni di dolore dopo la caduta. Ciò ha accelerato la sua uscita alla fine del secondo tempo.

Poi sono arrivati i pianti sulla panchina e la diffusione virale di immagini che mostrano un evidente gonfiore alla caviglia destra. Questa parte del corpo è quella che ha dato problemi all’atleta sin da prima dell’ultima Coppa del Mondo in Russia.

Nel febbraio 2018 ha subito una frattura del quinto metatarso del piede destro, area fondamentale per calciare il pallone.

Tuttavia, non era solo una frattura. È stato anche associata a una distorsione alla caviglia sullo stesso lato, che ha messo in dubbio la sua partecipazione a Russia 2018. Qualche tempo dopo questo infortunio e dopo la competizione, Neymar ha ammesso di aver giocato in cattive condizioni fisiche, per il solo fatto di essere presente nella massima competizione calcistica.

Nel 2019 si è verificata un’altra frattura del quinto metatarso e un’altra distorsione alla caviglia. Stando così le cose, ha perso una Copa América. Durante questo viaggio, il giocatore è rimasto senza giocare per più di 200 giorni.

Neymar si ritira dalla competizione per un infortunio alla caviglia.
La caviglia gonfia di Neymar era evidente mentre si ritirava dalla partita. Immagine da REUTERS.

L’attuale distorsione e il suo rapporto con i vecchi infortuni di Neymar

Il medico della squadra brasiliana ha classificato l’infortunio di Neymar come una distorsione alla caviglia destra. Stiamo parlando di una distorsione di primo grado.

La distorsione di grado 1 è la forma più lieve. Significa che i legamenti dell’articolazione sono stati allungati, ma non si sono rotte le fibre. Quindi non c’è strappo, ma una debolezza delle fibre che non riescono a ritornare alla tensione ed elasticità originarie.

Una volta iniziata la distorsione, i sintomi sono i seguenti:

  • Dolore di intensità variabile nell’area, che si calma con il riposo e peggiora con il movimento.
  • Accumulo di fluido infiammatorio nella regione e ingrossamento attorno all’articolazione.
  • Lieve impotenza funzionale, che consente di fare un passo e di compiere alcuni movimenti, fino alla comparsa del dolore.

È una ricaduta?

Considerando che gli infortuni di Neymar si stanno concentrando sulla caviglia e sul piede destro, vale la pena chiedersi se ci sia un legame tra tutti questi problemi che si porta dietro dal 2018. Ed è possibile che la risposta sia positiva.

Nella caviglia è presente una condizione medica nota come distorsione cronica della caviglia o instabilità della caviglia. È definita come la ripetizione dei sintomi di una distorsione che una volta che si è verificata riappare quando l’articolazione ripete il gesto originale che ha causato il primo trauma.

Molti specialisti preferiscono parlare di instabilità piuttosto che di cronicità. La caviglia è instabile perché non ha recuperato bene e i legamenti non contengono come dovrebbero.

Per i calciatori d’élite è una grande preoccupazione. Le esigenze dell’allenamento e delle gare esercitano forze potenti sulle caviglie. Se è presente instabilità da una distorsione precedente, c’è sempre la possibilità che il dolore e il gonfiore ritornino.

A Neymar la frattura del metatarso ha causato un pessimo appoggio per molto tempo. Questo è un fattore chiave per capire perché l’attaccante continua a soffrire in questa area del corpo.

Ha trattamento?

Sia per una nuova distorsione che per una distorsione cronica della caviglia, il trattamento si concentra sulla terapia fisica e sulla riabilitazione. Vengono eseguiti esercizi specifici per recuperare la piena mobilità e funzionalità dell’articolazione.

Il freddo applicato localmente è una delle prime misure che vengono avviate. È anche possibile assumere alcuni antinfiammatori nei primi giorni per controllare il dolore e ridurre l’accumulo di liquidi.

Si impone il momentaneo riposo e il piede va tenuto sollevato. Questo aiuta a rafforzare il naturale processo di guarigione del corpo.

L’evoluzione è variabile. Sebbene si presuma che una distorsione di primo grado si risolva in breve tempo, nelle persone che non sono atleti professionisti è possibile prolungare il riposo per garantire un’adeguata guarigione.

La questione è diversa nei calciatori professionisti. Le esigenze della competizione di solito li costringono a tornare in campo prima, per andare incontro ai loro club e squadre.

Caviglia gonfia.
L’applicazione di ghiaccio locale è una delle prime misure per le distorsioni della caviglia.

Neymar continuerà in Coppa del Mondo dopo la distorsione?

L’infortunio di Neymar è lieve se si considera la diagnosi. In ogni caso, la prossima partita non vedrà la sua presenza. E nemmeno l’ultima della fase a gironi.

L’allenatore della squadra brasiliana pensava che Neymar avrebbe continuato a giocare e che si sarebbe ripreso rapidamente. Anche se la strategia attuale sembra più logica: escludere la sua presenza nella fase a gironi per averla dagli ottavi.

I post di Neymar sui social network mostrano la fiducia che il giocatore deve mantenere nella Coppa del Mondo in Qatar 2022:

Post su Instagram di Neymar: “Avere fede è credere che tutto andrà bene, anche di fronte al caos. È la certezza che il meglio deve ancora venire. È capire che ogni cosa ha il suo tempo. La fede è al di là delle capacità umane, non possiamo vederla, ma possiamo sentirla”.

Immagine di copertina di Reuters.

Potrebbe interessarti ...
L’incredibile trasformazione fisica e mentale di Benzema, attaccante del Real Madrid
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
L’incredibile trasformazione fisica e mentale di Benzema, attaccante del Real Madrid

La trasformazione fisica e mentale di Benzema in marcatore e candidato al Pallone d'Oro è nell'esercizio, nella dieta e nella spiritualità.



  • Ariza, Andres M., Cristhian C. Salazar, and Edwin H. Edwin. “La rehabilitación funcional en el manejo del esguince de tobillo: una revisión sistemática.” Archivos de la Sociedad Chilena de Medicina del Deporte 66.1 (2021): 3-20.
  • Guerra-Pinto, F., et al. “Inestabilidad de tobillo: etiología, semiología y nuevos conceptos.” Rev Española Artrosc y Cirugía Articul 27.1 (2020): 52-60.
  • Rincón Cardozo, Diego Fernando, et al. “Abordaje del esguince de tobillo para el médico general.” Revista de la Universidad Industrial de Santander. Salud 47.1 (2015): 85-92.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.