Prevenire gli attacchi di panico con 6 sane abitudini

26 Luglio 2020
Adottare alcune sane abitudini aiuta a prevenire gli attacchi di panico. Siete afflitti da questo problema? Scoprite 6 importanti consigli.

Molte persone vorrebbero essere in grado di prevenire gli attacchi di panico. Queste crisi iniziano all’improvviso e sono caratterizzate da sintomi quali palpitazioni, sudorazione o difficoltà respiratorie, per fare qualche esempio.

La sensazione di soffocamento, l’impotenza e il terrore assoluto si impadroniscono della persona, soprattutto in quando l’attacco di panico coglie di sorpresa.

Sentire di non avere il controllo sul proprio corpo provoca un’intensa frustrazione. Quando l’ansia si trasforma in un disturbo cronico, il timore che i sintomi riaffiorino nei momenti meno opportuni si fa evidente e provoca ulteriore stress all’individuo.

Proprio per questo desideriamo darvi alcuni consigli con cui prevenire gli attacchi di panico e affrontare al meglio questa spiacevole situazione.

6 sane abitudini per prevenire gli attacchi di panico

1. Fare attività fisica

Fare sport a frequenza regolare migliora la nostra forma fisica. Ma si ripercuote positivamente anche sulla nostra salute mentale, secondo quanto esposto in un rapporto della Mayo Clinic. L’attività fisica favorisce il buon umore e aiuta a prevenire stati di ansia e di depressione a breve e a lungo termine.

L’ideale sarebbe realizzare sessioni di 30 o 40 minuti a intensità moderata, tre volte alla settimana. Questa abitudine aiuta a calmare o a prevenire gli attacchi di panico.

Potrebbe interessarvi anche: Salute cerebrale: tutti i benefici dell’esercizio fisico

Ragazza che fa attività fisica
Fare regolarmente attività fisica apporta grandi benefici alla nostra salute mentale. È, di fatto, un ottimo modo per prevenire gli attacchi di panico.

2. Respirare correttamente

Tra i sintomi di un attacco di panico vi è la difficoltà a respirare o una sensazione di soffocamento. Si tratta in genere di uno dei segnali che indicano l’approssimarsi di una crisi.

Imparare a controllare la respirazione può aiutare a prevenire gli attacchi di panico o, se già in corso, a ridurne la durata, secondo quanto suggerito dallo studio del Dr. Rapee.

L’iperventilazione è uno dei fattori che contribuiscono alla comparsa di un attacco di panico. Lo yoga e altre discipline simili dedicano del tempo all’insegnamento delle tecniche di respirazione profonda, in cui è coinvolto tutto il nostro corpo.

Come fare in pratica?

  • Prima di tutto, dobbiamo sederci, se possibile appoggiando i gomiti sui braccioli della sedia, per evitare la tensione sulle spalle.
  • I respiri devono essere delicati, lenti, regolari e, infine, tranquilli.
  • Dobbiamo respirare dal naso, gonfiamo l’addome nel giro di 4 secondi.
  • Quindi, tratteniamo il respiro per 2 secondi.
  • A questo punto, espiriamo lentamente l’aria dalla bocca per 4 secondi.
  • Aspettiamo qualche istante e ripetiamo per qualche minuto.

3. Seguire una dieta ricca e bilanciata

Una dieta bilanciata è molto importante per completare qualsiasi trattamento medico. Ci sono sempre degli alimenti che dovremo evitare perché nocivi, mentre altri sono nutrienti e fanno particolarmente bene.

Nel caso dell’ansia, si consiglia di evitare le bevande alla caffeina (come caffè o bevande alla cola), le merendine industriali e il cibo spazzatura. Meglio optare, invece, per una dieta sana ed equilibrata.

4. Fare ricorso a rimedi naturali e integratori per prevenire gli attacchi di panico

Alcuni rimedi naturali possono aiutarci a riequilibrare il sistema nervoso. Grazie ad alcune piante medicinali possiamo raggiungere un leggero stato di rilassamento che può aiutarci a prevenire gli attacchi di panico. Tra queste troviamo la valeriana e la lavanda, come spiegato nello studio di ricerca condotto da un gruppo di ricercatori della Western University of Health Sciences, Stati Uniti.

Anche alcuni integratori possono avere effetti simili, ma consigliamo di assumerli sempre sotto prescrizione medica. In questi casi sono da assumere integratori di magnesio e lisina.

Leggete anche: 5 rimedi naturali per calmare i nervi

Valeriana per prevenire gli attacchi di panico
I rimedi dagli effetti sedativi, come la valeriana, sono ottime opzioni per far fronte all’ansia. Vanno tuttavia assunti con cautela, perché possono provocare effetti indesiderati.

5. Godersi la vita

Per porre definitivamente fine all’ansia, dobbiamo immergerci nelle nostre emozioni. Nel nostro piano di prevenzione degli attacchi di panico non possono mancare le persone, le cose o le attività che ci riempiono di sensazioni positive.

Dobbiamo nutrire il nostro benessere emotivo per raggiungere una migliore qualità di vita. E ciò è possibile con ottimismo, gratitudine, vitalità e speranza. Dobbiamo arricchire la nostra esistenza con ciò che amiamo di più ci ispira e ci dona soddisfazione.

6. Psicoterapia per prevenire gli attacchi di panico

Infine, se ci sentiamo pervasi dall’ansia, dovremmo rivolgerci a un professionista. Non dobbiamo paragonarci con altre persone né sperare che gli attacchi perdano di intensità.

Lo psicologo ci aiuterà a capire, e non a reprimere, le nostre emozioni associate all’ansia. Oltre a ciò, verranno valutate le cause e le manifestazioni delle crisi, così come i possibili trattamenti medici a seconda della gravità.

Non limitatevi a nascondervi per prevenire gli attacchi di panico

Se soffrite di un disturbo d’ansia, l’ultima cosa che dovete fare è nascondervi. Si tratta di un problema molto diffuso e può essere trattato, motivo per cui dovreste abbandonare la vergogna.

La vostra salute mentale è importante, date essa la giusta priorità; pensate a voi stessi e non esitate a chiedere aiuto prima che sia troppo tardi. La vostra felicità e il vostro benessere ve ne saranno grati.

  • Birch, M. (2015). Breathing retraining in anxiety and panic disorder. Australian Nursing and Midwifery Journal. https://doi.org/10.1002/14651858.CD009041.pub2.Kern
  • Oudejans, R. R. D., & Pijpers, J. R. (Rob. (2010). Training with mild anxiety may prevent choking under higher levels of anxiety. Psychology of Sport and Exercise. https://doi.org/10.1016/j.psychsport.2009.05.002
  • Murphy, M., & Mercer, J. G. (2013). Diet-Regulated Anxiety. International Journal of Endocrinology. https://doi.org/10.1155/2013/701967
  • Taylor, A. M., & Holscher, H. D. (2018). A review of dietary and microbial connections to depression, anxiety, and stress. Nutritional Neuroscience. https://doi.org/10.1080/1028415x.2018.1493808
  • Edenfield, T. M., & Saeed, S. A. (2012). An update on mindfulness meditation as a self-help treatment for anxiety and depression. Psychology Research and Behavior Management. https://doi.org/10.2147/PRBM.S34937
  • Clínica Mayo.https://www.mayoclinic.org/es-es/diseases-conditions/depression/in-depth/depression-and-exercise/art-20046495
  • VV.AA. (2017).Essential oil of lavender in anxiety disorders: Ready for prime time?. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6007527/
  • Rapee, RM. (1985).A Case of Panic Disorder Treated With Breathing Retraining.https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/3998176/