Prevenire un attacco di cuore con 5 abitudini

26 Giugno 2020
Sono molti i fattori che possono causare un attacco di cuore. Ciononostante, seguire sane abitudini può aiutare a ridurre il rischio. Vediamo insieme alcuni consigli.

Un attacco cardiaco, chiamato anche infarto del miocardio, è una malattia grave che si sviluppa a seguito dell’interruzione dell’afflusso di sangue al cuore, il che impedisce un’adeguata ossigenazione dei tessuti. In conseguenza di ciò, il muscolo cardiaco inizia a collassare e subisce gravi danni. Ma possiamo prevenire un attacco di cuore?

Alcune persone sono più soggette a soffrire di questa condizione, poiché presentano precedenti in famiglia o casi di altri quadri clinici che aumentano il rischio. Si tratta, tuttavia, di una delle malattie più facilmente prevenibili mediante l’adozione di uno stile di vita sano.

Sulla base di quanto appena detto, migliorare le proprie abitudini risulta vantaggioso, così come adottare alcune misure volte a ridurre significatimene il rischio di infarto. Avete paura di essere soggetti a questa patologia? A seguire condividiamo 5 abitudini per prevenire un attacco di cuore.

Abitudini che aiutano a prevenire un attacco di cuore

Per prevenire un attacco di cuore, prima di tutto bisogna conoscerne i sintomi. Dovrete pertanto prestare attenzione a segnali quali fitte al petto, sudorazione eccessiva senza motivo apparente, nausea, fatica o difficoltà respiratorie.

Riconoscere qualunque manifestazione clinica tra quelle menzionate deve essere un motivo sufficiente per chiedere un parere medico. Prima verrà elaborata una diagnosi, più positiva sarà la prognosi. A ogni modo, è possibile adottare alcune misure per prevenire la malattia. Agite sin da subito!

1. Seguire una dieta sana

Dieta per pevenire un attacco di cuore
L’alimentazione è il fattore principale associato alle malattie cardiovascolari.

L’alimentazione ricopre un ruolo fondamentale al fine di prevenire un attacco di cuore e altre malattie del sistema cardiovascolare. Anche se il fabbisogno nutrizionale può variare a seconda dell’età, del peso e delle condizioni generali di salute, di solito si consiglia quanto segue:

  • Aumentare il consumo di frutta e verdura fresche
  • Consumare cereali integrali, ricchi di fibra
  • Aggiungere proteine magre alla dieta
  • Consumare cibi e integratori ricchi di omega 3
  • Bere abbondante acqua e liquidi sani

Enti come l’American Heart Association indicano che il consumo di cibi ricchi di grassi omega 3 almeno due volte a settimana è particolarmente indicato per prevenire le malattie cardiache. Questo perché abbassano i livelli di colesterolo e la pressione arteriosa, se alti. Fonte di questo nutriente sono:

  • Pesce grasso (salmone, aringa, sardine e sgombro, ad esempio)
  • Frutta secca e semi
  • Olio di oliva extra vergine
  • Avocado

Non esitate a leggere: Le malattie cardiache: prevenirle nelle donne

2. Evitare di fumare

Le persone che fumano o che aspirano il fumo passivo sono più a rischio di soffrire di un attacco di cuore rispetto a chi evita il tabacco. Come molti sanno, le componenti tossiche delle sigarette hanno effetti dannosi per la salute dei polmoni e del cuore.

Proprio per questo, dinnanzi al rischio di malattie coronariche o cardiovascolari, è fondamentale abbandonare il fumo. Anche se può essere difficile, possiamo contare su numerose strategie per riuscire nell’intento.

3. Fare attività fisica per prevenire un attacco di cuore

Coppia che fa attività fisica
Praticare attività fisica regolare contribuisce al benessere generale dell’organismo.

Praticare regolarmente attività fisica è molto vantaggioso per la salute del cuore. Oltre a rafforzare il muscolo cardiaco, riduce la pressione arteriosa, il colesterolo e altre condizioni che aumentano il rischio di un attacco cardiaco. Oltre a ciò, attenua lo stress e migliora l’umore.

L’aspetto migliore è che non c’è bisogno di sottoporsi ad allenamenti estenuanti per godere dei benefici dello sport. Un semplice gesto come camminare per 30 minuti, 5 giorni a settimana, fa la differenza.

Ovviamente va bene anche praticare altre attività, come correre, nuotare, andare in bicicletta, allenarsi in palestra, ecc.

4. Meditare

Secondo alcuni studi, meditare tutti i giorni può essere il segreto per prevenire le malattie coronariche e gli attacchi di cuore. Grazie alla sua capacità di ridurre lo stress e la pressione arteriosa, questa pratica contribuisce notevolmente al benessere. Alcune forme di meditazione sono:

  • Meditazione guidata
  • Meditazione mantra
  • Tai chi
  • Yoga
  • Meditazione con aromaterapia

Potrebbe interessarvi anche: Pressione alta: ridurla con rimedi naturali

5. Il ruolo del peso per prevenire un attacco di cuore

Ragazza sulla bilancia e peso forma
Mantenere il peso forma aiuta a prevenire la comparsa di malattie metaboliche e cardiovascolari.

Sebbene molte persone lo ignorino, il sovrappeso e l’obesità sottopongono il cuore a uno sforzo maggiore. Inoltre, entrambi i fattori giocano un ruolo fondamentale nella comparsa di ipercolesterolemia, pressione arteriosa alta, diabete e altre patologie che incidono sull’infarto del miocardio.

Sulla base di quanto detto, per prevenire un attacco di cuore bisogna fare il possibile per mantenere il peso forma. Ciò è possibile grazie ad abitudini alimentari sane, attività fisica e, in generale, uno stile di vita sano.

Per riassumere…

Potreste e dovreste includere alcune semplici abitudini alla vostra routine giornaliera per prevenire un attacco di cuore e migliorare la salute cardiovascolare. È tuttavia fondamentale essere costanti nella pratica, soprattutto se il rischio è elevato. Rivolgetevi al medico per potervi sottoporre ai controlli più indicati.

  • Lu, L., Liu, M., Sun, R. R., Zheng, Y., & Zhang, P. (2015). Myocardial Infarction: Symptoms and Treatments. Cell Biochemistry and Biophysics. https://doi.org/10.1007/s12013-015-0553-4
  • American Heart Association. (2017). The American Heart Association’s Diet and Lifestyle Recommendations.
  • Verschuren, W. M. M. (2012). Diet and cardiovascular disease. Current Cardiology Reports. https://doi.org/10.1007/s11886-012-0318-2
  • Jain, A. P., Aggarwal, K. K., & Zhang, P. Y. (2015). Omega-3 fatty acids and cardiovascular disease. European Review for Medical and Pharmacological Sciences.
  • World Heart Federation. (2012). Tobacco : totally avoidable risk factor of CVD. WHO, World Health Organization, Media Center, Fact Sheet N 339World Health Organization, Media Center, Fact Sheet N 339.
  • Fuchs, R. (2015). Physical Activity and Health. In International Encyclopedia of the Social & Behavioral Sciences: Second Edition. https://doi.org/10.1016/B978-0-08-097086-8.14115-7
  • Tacón, A. M., McComb, J., Caldera, Y., & Randolph, P. (2003). Mindfulness meditation, anxiety reduction, and heart disease: A pilot study. Family and Community Health. https://doi.org/10.1097/00003727-200301000-00004
  • Lumma, A. L., Kok, B. E., & Singer, T. (2015). Is meditation always relaxing? Investigating heart rate, heart rate variability, experienced effort and likeability during training of three types of meditation. International Journal of Psychophysiology. https://doi.org/10.1016/j.ijpsycho.2015.04.017
  • Evans, J. C., Larson, M. G., Kannel, W. B., Kenchaiah, S., Levy, D., Wilson, P. W. F., … Benjamin, E. J. (2002). Obesity and the Risk of Heart Failure. New England Journal of Medicine. https://doi.org/10.1056/nejmoa020245