Pulire l'ombelico con rimedi naturali

L'ombelico è una parte del nostro corpo che tendiamo a trascurare. Mantenerlo pulito è indispensabile per prevenire infezioni e problemi in questa area. Scoprite come farlo.
Pulire l'ombelico con rimedi naturali

Ultimo aggiornamento: 26 marzo, 2023

Vi ricordate di pulire bene l’ombelico durante o dopo la doccia? Si tratta di una parte del corpo che spesso viene trascurata, sebbene vi si possano accumulare polvere e particelle varie.

Un’igiene appropriata aiuta a evitare varie infezioni. Naturalmente, bisogna fare attenzione a non causare irritazioni. Ecco quindi alcune soluzioni per pulire l’ombelico in modo naturale.

Perché pulire l’ombelico?

L’accumulo di sporcizia nella zona dell’ombelico può causare prurito e arrossamento. Il motivo? A causa della mancanza di igiene, possono proliferare batteri e funghi e si possono sviluppare infezioni, che possono anche portare a un cattivo odore.

E cosa provoca lo sporco? Alcuni tessuti dei vestiti che indossiamo, la sabbia della spiaggia, le cellule morte che vengono espulse naturalmente dalla pelle o l’olio prodotto dal corpo, tra gli altri elementi.

Tuttavia, l’umidità e lo sporco nell’ombelico possono diventare un terreno di coltura ideale per i batteri. Questo, a sua volta, può portare all’ompalite.

Come sottolineato nell’articolo Uracosinus: una causa rara di oftalmite ricorrente negli adulti, si tratta di un’infezione spesso legata alla scarsa igiene della zona.

Per evitarla, l’ombelico deve essere pulito ogni giorno. Inoltre, bisogna assicurarsi che sia completamente asciutto, poiché, come abbiamo visto, mantenere l’umidità in questa zona non è positivo.

Tuttavia, l’ombelico è una delle parti del corpo che tendiamo a ignorare o a dimenticare, lasciando che accumuli tracce di grasso, cellule morte e particelle di sporco, con le conseguenze che abbiamo già menzionato.

Pulire l’ombelico in modo naturale

Sappiamo già cosa (pulire l’ombelico) e quando (dopo la doccia o il bagno); ora vediamo come farlo in modo naturale.

1. Tea tree oil

Una delle grandi proprietà del tea tree oil è la sua funzione antimicotica. Ciò lo rende un buon alleato nel prevenire le infezioni e i funghi a cui siamo esposti.

Il modo migliore per applicarlo al fine di pulire l’ombelico è tramite un cotton fioc su cui verseremo una goccia di questo olio essenziale. Procederemo quindi ad applicarlo all’interno dell’ombelico, in modo da disinfettare al meglio la zona.

Ricordate, però, di non eccedere nelle quantità di olio, poiché potrebbe irritare la pelle delicata del nostro ombelico.

2. Alcol al rosmarino

L’alcol al rosmarino è un rimedio di origine naturale, particolarmente importante se soffriamo di onfalite. Il cattivo odore emanato dall’ombelico può risultare molto sgradevole e l’alcol al rosmarino ci aiuterà a pulire la zona, lasciando al contempo un aroma molto gradevole.

Ciò si deve alle proprietà aromatizzanti del rosmarino, che lo rendono un ingrediente indispensabile in questi casi. Inoltre, non danneggia la delicata pelle di questa zona. Per l’applicazione si può utilizzare anche un cotton fioc.

È consigliabile pulire  prima  un po’ l’ombelico, lavandolo con il sapone e asciugandolo molto bene. E poi, applicheremo il rosmarino.

3. Olio di cocco

L’ultimo dei rimedi naturali che utilizzeremo per pulire l’ombelico è l’olio di cocco. Questa soluzione, tuttavia, va scelta dopo aver già disinfettato l’ombelico con il tea tree oil o con l’alcol al rosmarino.

L’olio di cocco è un potente idratante e, infatti, molte persone lo usano ogni giorno. Possiede anche proprietà che permettono di ridurre i batteri che possono aver proliferato nell’ombelico.

Proprio per questo motivo è una buona idea usarlo dopo aver pulito la zona con le precedenti opzioni. Il nostro ombelico sarà così libero da possibili infezioni e altri problemi.

Olio di cocco per pulire l'ombelico.

Vi consigliamo di leggere anche: Olio di cocco: 9 usi che forse non conoscete

Attenzione alla pulizia dell’ombelico

L’ombelico è una zona delicata. Infatti, se vi è già capitato di pulirlo, potreste aver notato che diventa un po’ rosso.

Ma questo non significa che dobbiamo smettere di pulirlo. Al contrario, è un motivo in più per farlo. Naturalmente, è necessario procedere con cautela e attenzione.

A questo proposito, è bene tenere a mente i seguenti consigli:

  • Non usare mai le unghie o i polpastrelli per cercare di rimuovere lo sporco incastrato nell’ombelico.
  • Non usare due volte lo stesso cotton fioc: se all’inizio ne avevate uno con acqua per pulire, cambiatelo e prendetene un altro per applicare uno dei prodotti sopra citati.
  • Non usare l’alcol etilico: questo composto secca la pelle, può ostruire i pori o aumentare la produzione di sebo.
  • Asciugare con un panno morbido o un bastoncino di cotone. Non lasciare che rimanga umidità.
  • Sia il cotton fioc che l’asciugamano devono essere utilizzati con movimenti delicati, evitando pressioni o spinte.

La stessa cura per tutte le parti del corpo

È possibile che fino a questo momento non abbiate prestato attenzione alla pulizia di tutte le parti del corpo. Vogliamo sottolineare quanto sia importante pulire e asciugare accuratamente l’ombelico dopo essere usciti dalla doccia. Questo vi aiuterà a evitare malattie della pelle e altri problemi che possono colpire questa zona del corpo.

Allo stesso modo, se avete mai avvertito sintomi come irritazione, prurito o arrossamento, o qualsiasi altro sintomo che indichi che qualcosa non va, non esitate a rivolgervi al vostro medico, che vi consiglierà una crema adatta a risolvere l’infezione.

Dopodiché, sarà bene tenere conto dei consigli di cui sopra, per evitare che la stessa cosa si ripeta. Vi invitiamo quindi a utilizzare le soluzioni che vi abbiamo suggerito almeno una volta alla settimana.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Galindo, J., González, N., Delgado, D., Sosa, A., González, R., Torres, V., … & Cairo, J. (2009). Efecto del aceite de coco en la población de bacterias metanogénicas y su relación con otros grupos microbianos del rumen en condiciones in vitro. Revista Cubana de Ciencia Agrícola43(2).
  • Martinello, M.A., & Pramparo, M.. (2005). Poder Antioxidante de Extractos de Romero Concentrados por Destilación Molecular. Información tecnológica16(5), 17-20. https://dx.doi.org/10.4067/S0718-07642005000500004
  • Pérez Mendoza, Magdialis, & Berasategui Hernández, Kenia. (2015). Caracterización clínico-epidemiológica de la onfalitis en un servicio de Neonatología. Medicentro Electrónica19(3), 157-159. Recuperado en 28 de marzo de 2019, de http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1029-30432015000300004&lng=es&tlng=es.
  • Terzi V, Morcia C, Faccioli P, Valè G, Tacconi G, Malnati M. In vitro antifungal activity of the tea tree (Melaleuca alternifolia) essential oil and its major components against plant pathogens. Lett Appl Microbiol. 2007;44(6):613-618. doi:10.1111/j.1472-765X.2007.02128.x
  • Ogbolu DO, Oni AA, Daini OA, Oloko AP. In vitro antimicrobial properties of coconut oil on Candida species in Ibadan, Nigeria. J Med Food. 2007;10(2):384-387. doi:10.1089/jmf.2006.1209

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.