Qual è il momento migliore per smettere di fumare?

· 9 Maggio 2019
Per smettere di fumare si deve scegliere il momento ideale, affinché sia una scelta definitiva e per evitare il rischio di ricadere nel vizio.

Il momento migliore per smettere di fumare è adesso. Tuttavia, possono sussistere circostanze o condizioni nella vita delle persone che rendono necessaria l’attesa di un momento più idoneo.

Si tratta di abbandonare una dipendenza. Dato che rappresenta un forte cambiamento, la cosa migliore è concretizzarlo in un momento adeguato.

Questo articolo cerca di individuare la scelta del momento migliore per smettere di fumare.

Momenti inadatti per smettere di fumare

Sussistono alcune circostanze nella vita del fumatore che rendono sconsigliabile smettere di fumare.

Leggete anche: “Antiasmatici e meccanismo d’azione”.

Smettere di fumare se non si è convinti

Ragazza con sigaretta

Il primo passo per abbandonare qualsiasi dipendenza è riconoscerla. Il secondo, essere convinti di abbandonarla.

In caso contrario, si troveranno diverse ragioni per riprendere l’abitudine. E sarà più probabile una ricaduta. Quindi, è necessario programmare la mente alla necessità del cambiamento.

  • Una tecnica per riuscirci consiste nell’enumerare per iscritto gli svantaggi e gli aspetti negativi delle sigarette.

Tale tecnica vi aiuterà ad aumentare la vostra forza di volontà. Quanti più aspetti si scriveranno, tante più saranno le possibilità di rispettare la decisione.

  • In un’altra lista, si dovranno scrivere i risultati positivi dell’abbandono, inclusa la visualizzazione.
  • Si suggerisce di “firmare” un contratto con se stessi (anche se mentale) per suggellare l’impegno di smettere di fumare entro una data determinata.

Smettere di fumare: durante le vacanze

Le vacanze non sono un momento adeguato. Disporre di tempo libero contribuisce a pensare alla vostra abitudine. Inoltre, è possibile che si realizzino più attività sociali relazionate con il  fumo.

Tuttavia, può anche essere la strada giusta, se impiegate il tempo libero in diverse attività che vi rendano felici e vi distraggano.

Smettere di fumare: sotto stress

Ragazza con mani sulle tempie

Quando si vive sotto stress o si attraversano periodi molto stressanti è più difficile abbandonare quest’abitudine. I nervi e l’ansia generati dal tabacco inducono a fumare, convinti che favorisca il rilassamento.

Potrebbe interessarvi anche: “Combattere l’ansia in 15 passaggi”.

In situazioni “limite”

Tra queste troviamo:

  • La morte di una persona amata o vicina, il licenziamento, il divorzio, grandi trasferimenti o migrazioni.
  • L’angoscia provocata da tali situazioni inciderebbe sul successo della decisione di smettere di fumare.

Se si vive in un ambiente pieno di tentazioni

Spegnere la sigaretta

Smettere di fumare con successo può richiedere l’allontanamento dalla tentazione frequente, incarnata da amici, conoscenti e familiari che continuano a fumare.

Pertanto è necessario allontanarsi da fattori che minaccino la decisione o inducano presto a una ricaduta.

Tuttavia, dovete essere coscienti che quell’elemento sarà sempre lì. Quindi, dovete liberarvi di questa scusa quanto prima.

Mancanza di occupazioni

Come indicato nel paragrafo relativo alle vacanze, se si dispone di molto tempo libero risulterà difficile mantenere la forza di volontà necessaria per smettere di fumare.

Di fatto, si raccomanda di mantenersi occupati positivamente con attività soddisfacenti e stimolanti.

Ecco alcuni suggerimenti:

Dunque, è importante evitare di annoiarsi e mantenersi attivi, poiché il tempo libero minaccia il proposito.

Avere un nuovo compagno che non fuma: il momento migliore per smettere di fumare

Nuovo partner per smettere di fumare

Se il nuovo compagno non fuma, sarà un’opportunità d’oro per contare su un aiuto in prima persona.

Difficilmente a chi non fuma piacerà l’abitudine del compagno o compagna. Compiacerlo rappresenterà un altro motivo per abbandonarla.

Durante un ricovero

Se si è ricoverati per un problema di salute, dove è ovviamente proibito fumare, l’astinenza forzata potrà essere il primo passo per smettere.

Questa è una buona opportunità, poiché il momento più difficile è iniziare ad abbandonare l’abitudine. Si deve poi consolidare la decisione e rimanere concentrati con un aiuto professionale.

Il momento migliore per smettere di fumare: in periodi di benessere e felicità

Ci si è sposati, è nato un figlio, si è concluso un studio accademico. Esistono molti motivi per essere felici. Momenti in cui i propositi sono più inclini a realizzarsi. Questo perché l’energia e il benessere provati trasmettono forza in tutti i sensi.

Dopo la morte di qualcuno per una malattia connessa al tabagismo: il momento migliore per smettere di fumare

Il fumo uccide

Senza dubbio, un evento tanto triste induce a riflettere sui gravi danni provocati dal tabacco. Possiamo trarne un insegnamento positivo e approfittarne per rafforzare le motivazioni che ci spingono ad abbandonare questa cattiva abitudine.

Convivere con molta gente, specialmente bambini: il momento migliore per smettere di fumare

Le persone che vivono a contatto con i fumatori soffrono i danni del fumo passivo. Una decisione responsabile è smettere per loro. Specialmente se sono persone vulnerabili, come bambini, donne incinte e anziani.

Se, nonostante tutto, non si trova il momento ideale per smettere, si deve ricorrere a un aiuto professionale. Bisogna ricordare che, mentre si cerca indefinitamente il momento ideale, si mette a rischio non solo la propria salute, ma anche quella di chi ci circonda. 

  • Carr, A. (2004). Es fácil dejar de fumar, si sabes cómo. Espasa Práctico, 45a, 223.
  • Asociación Española Contra el Cáncer. (2014). Esfúmate del Tabaco, 1–54.
  • Consejería de Sanidad Murcia. (2005). Guía para dejar de fumar. Programa de Información Sobre El Tabaquismo, (5a), 1–16. https://doi.org/10.1016/S0212-5382(12)70071-7