Quanto durano i cibi cotti in frigorifero?

Refrigerare gli avanzi di cibo cotto è una pratica comune. Il trucco è conoscere la durata di conservazione dei preparati per evitare intossicazioni alimentari.
Quanto durano i cibi cotti in frigorifero?

Ultimo aggiornamento: 15 gennaio, 2023

Eccedere nelle porzioni, anticipare il cibo per la settimana o la preparazione degli snack per una festa sono motivi per refrigerare i piatti pronti. Lo scopo è quello di conservare le scorte alimentari più a lungo. Ma quanto durano i cibi cotti in frigorifero?

Sebbene questa pratica sia comune, farlo senza considerare che il processo di refrigerazione ha una durata di conservazione, non è privo di conseguenze. Tutti i cibi, cotti o no, hanno una data di scadenza, anche quelli che si possono congelare.

Perché è necessario conservare i cibi cotti in frigorifero?

La cottura in batch o in serie viene solitamente praticata con l’intenzione di far fuori gradualmente gli avanzi, riscaldarli e gustarli. Tuttavia, il consumo di un pasto avariato può portare ad avvelenamenti che possono variare da lievi a gravi.

Come sottolinea la Mayo Clinic, le malattie di origine alimentare hanno origine nella contaminazione degli alimenti, poiché si ingeriscono organismi infettivi o tossine causate dal deterioramento.

L’intossicazione alimentare si manifesta con i seguenti sintomi:

  • Debolezza.
  • Male alla testa.
  • Nausea e vomito.
  • Febbre e brividi.
  • Crampi addominali
  • Diarrea, a volte con sangue.

Come raccomandato dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC), gli avanzi devono essere refrigerati non più di 2 ore dopo la cottura o 1 ora se esposti a temperature esterne superiori a 32 gradi centigradi.

Cibo in frigo.
Conservare i cibi cotti in frigorifero aiuta a prolungarne la durata. Tuttavia, esiste un limite di tempo per il consumo.

Se i piatti sono molto caldi, aspettate che si intiepidiscano un po’ prima di metterli in frigorifero.

Per quanto tempo si conservano i cibi cotti in frigorifero?

Non tutti gli alimenti richiedono un raffreddamento speciale; per esempio sottaceti, cibi disidratati, quelli con pochi nutrienti o molto sale. Gli alimenti che lo richiedono sono:

  • Uova.
  • Formaggi.
  • Latticini.
  • Creme e salse.
  • Ricette che uniscono cibi cotti e crudi.

Per ragioni di sicurezza, è necessario buttare via quegli alimenti che presentano qualche segno di alterazione o che sembrano andare bene, ma che sono in frigo da diverse settimane.

Sebbene il freddo rallenti la degradazione e, quindi, la proliferazione dei microrganismi, per minimizzare i rischi è opportuno conoscere la durata media di conservazione.

L’Organizzazione dei Consumatori e degli Utenti (OCU) della Spagna specifica in una tabella i tempi di conservazione degli alimenti cotti, sia nel frigorifero che nel congelatore; vediamo alcuni dati.

Pesce e frutti di mare

Il pesce e i frutti di mare cotti si consumano preferibilmente entro 2 giorni di frigorifero. Il pesce bianco congelato può essere conservato per non più di 3 mesi, che diventano 6 se è crudo.

Quando la proteina non è adeguatamente mantenuta fredda, può causare avvelenamento da scombroidi, indicano gli archivi pediatrici dell’Uruguay.

Carne

In frigorifero la carne in umido , in brodo o salsa può essere consumata fino a 2 giorni dopo la conservazione; congelata dura fino a 4 mesi. Il tempo è determinato, oltre che da una buona refrigerazione ed ermeticità, dall’indice di grasso; più è grassa, più velocemente diventa rancida.

Pollame

Il pollo e il tacchino cotti possono essere conservati in frigorifero per un massimo di 4 giorni. Se congelati si conservano bene per un periodo pari o inferiore a 1 anno.

Uova

Esistono diverse opinioni sulle preparazioni a base di uova. Secondo alcuni esperti, il limite per consumarle è dopo una settimana. L‘OCU raccomanda un tempo inferiore o uguale a 3 settimane; nel caso particolare del tuorlo o dell’albume, da 2 a 4 giorni.

Zuppe

Le zuppe refrigerate durano fino a 4 giorni; mentre surgelate resistono 3 mesi.

Pasta e riso

Sia la pasta che il riso cotto conservano i loro sapori per 4 giorni in frigorifero. Surgelati potete consumarli in un mese.

Consigli per una migliore conservazione in frigorifero dei cibi cotti

Il CDC sottolinea che i frigoriferi sono strumenti utili per la sicurezza degli alimenti; secondo la sua revisione, questi apparecchi devono essere impostati tra 0 e 4,4 °C, mentre i congelatori vanno impostati a -17.70 °C o meno.

Inoltre, consiglia di distribuire il cibo caldo in diversi contenitori poco profondi con coperchio, per accelerare il raffreddamento.

La Comunità di Madrid propone di riservare il ripiano centrale e superiore del frigorifero alla conservazione dei cibi cotti, poiché è la zona più fredda dell’apparecchio. Altri suggerimenti sono i seguenti:

  • Separare i cibi crudi dai cibi cotti per evitare la contaminazione incrociata.
  • Etichettare: segnate sul contenitore il tipo di alimento e la data di cottura, vi aiuterà a calcolare la scadenza.
  • Agire in fretta: non aspettate troppo a mettere il cibo cotto in frigorifero, fatelo appena smette di scottare.
Suggerimenti per una migliore conservazione in frigorifero dei cibi cotti
È importante conservare gli alimenti in contenitori ermetici in modo che si mantengano bene in frigorifero.

L’importanza di un buon imballaggio per conservare i cibi cotti in frigorifero

L’uso di contenitori ermetici è fondamentale per far durare più a lungo i cibi cotti al freddo. Refrigerare la preparazione nella stessa padella o pentola in cui la si è cucinata accelera l’ossidazione e il deterioramento.

Questo processo deriva dalla miscela di umidità, basse temperature e alluminio. Se volete sfruttare al meglio ciò che avete preparato, è meglio conservare gli avanzi in un contenitore di vetro o di plastica, in entrambi i casi con i loro coperchi.

Potrebbe interessarti ...
Come evitare che la carne perda schiuma durante la cottura
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Come evitare che la carne perda schiuma durante la cottura

Se la carne perde schiuma in cottura significa che avete comprato un taglio di bovino tenero, ma il sapore potrebbe venirne alterato.




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.