Queste celebrità hanno chiuso i loro social network per tutelare il proprio benessere psichico

Sulla base delle esperienze di alcune celebrità che hanno chiuso i propri social network a causa della loro influenza negativa, analizziamo gli effetti di queste piattaforme. Conoscete questi casi?
Queste celebrità hanno chiuso i loro social network per tutelare il proprio benessere psichico
Elena Sanz

Revisionato e approvato da la psicologa Elena Sanz.

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio, 2023

C’è chi dice che se non sei sui social network non esisti, ma queste celebrità hanno dato l’esempio del contrario chiudendo i loro account per prendersi cura della propria salute mentale. Secondo il più recente Global Digital Report, la popolazione totale degli utenti della rete è di 4,7 miliardi, a partire da luglio 2022.

Ogni giorno, queste persone caricano contenuti di ogni tipo e interagiscono con la loro community. Nel caso dei VIP, ricevono elogi e congratulazioni, ma anche molte critiche, dal momento che le loro vite diventano di pubblico dominio.

A questo proposito sorge spontanea una domanda: quanto incidono i social network sulla salute mentale delle persone? Risolveremo questa domanda attraverso l’esperienza di alcune celebrità.

Le celebrità che hanno chiuso i loro social network

La pratica di chiudere i social network e mettere da parte il cellulare è stata chiamata social detox o digital detox. Diverse celebrità l’hanno già messa in atto. Tra queste Tom Holland, Adele (nella foto di copertina) e Selena Gomez. Ecco i motivi del loro allontanamento dai follower.

Tom Holland

Tom Holland
Tom Holland ha salutato i suoi follower sui social media con un video in cui esprime come lo hanno fatto sentire le loro opinioni.

Lo scorso agosto, Tom Holland, l’attore che dà vita a Spiderman sul grande schermo, ha confessato che le piattaforme digitali sono state dannose per il suo benessere.

Ha spiegato di avere sofferto nel trovare informazioni su di sé su Internet e, dopo aver salutato la sua comunità di Instagram (più di 67 milioni di follower) con un video, ha cancellato i suoi account. In risposta alla sua decisione, molti colleghi lo hanno sostenuto e si sono congratulati con lui.

Selena Gomez

Selena Gomez ha lasciato i social network.
Nel periodo di crisi, iniziato nel 2016, Selena ha abbandonato i social media per proteggere il suo benessere psicologico.

Prima di Holland, Selena Gomez ci aveva già trasmesso lo stesso messaggio nel 2017, quando aveva cancellato il suo account Instagram dopo essere stata hackerata, nonostante avesse più di 300 milioni di follower. Tuttavia, solo nell’aprile del 2022 ha parlato di quanto accaduto.

“Sono più felice. Sono più presente, mi connetto di più con le persone. Mi fa sentire normale. Prima mi fissavo sui commenti negativi e non mi sentivo bene”.

– Selena Gomez a Good morning America –

Adele

Anche Adele è scomparsa a lungo dai suoi social dopo la separazione. Attualmente mantiene solo l’account Instagram in cui ha più di 50 milioni di follower. Tuttavia, pubblica raramente contenuti; il che ha senso, dopo aver rivelato che non è proprio suo.

Ma non è questo l’aspetto più significativo. La cantante ha raccontato che, dopo aver annullato un tour a Las Vegas, aveva creato un profilo Twitter segreto per controllare cosa si dicesse in proposito, ma aveva trovato molti commenti negativi che avevano finito per turbarla.

Altre celebrità che hanno chiuso i loro social network per proteggere il proprio benessere sono Ed Sheeran, Millie Bobby Brown, Harry Styles, Kendall Jenner, Justin Bieber, Lizzo e Kanye West.

Qual è il rapporto tra social network e salute mentale?

Oltre a rivelare quante persone oggi hanno profili sui social network, il Global Digital Report 2022 ha indicato che gli utenti trascorrono in media 2 ore e 27 minuti al giorno connesse alle piattaforme digitali. Anche se questo varia a seconda dei paesi analizzati.

Ad esempio, in Nigeria la media è di 4 ore e 7 minuti, in Colombia è di 3 ore e 46 minuti. Tra i meno impegnati ci sono Giappone (51 minuti), Germania (1 ora e 29 minuti), Regno Unito (1 ora e 48 minuti) e Italia (1 ora e 47 minuti). Anche se, ovviamente, questo potrebbe cambiare, a seconda di ogni persona.

Per tutto questo tempo, non siamo esposti solo a esperienze positive e interessanti, ma anche a situazioni negative che possono influenzarci. In effetti, studi scientifici hanno rilevato che la presenza di social network, come Facebook, aumenta i sintomi della depressione nei giovani.

Adolescenti e social network.
Le celebrità che hanno chiuso i loro social network hanno dichiarato che la decisione è stata quella di proteggere la propria salute mentale.

Ma perché succede?

Gli esperti hanno sottolineato che i social network possono favorire una serie di esperienze negative, tra cui:

  • Solitudine.
  • Cyberbullismo.
  • Paura di perdere qualcosa.
  • Depressione e ansia.
  • Insoddisfazione per la vita.
  • Dubbi circa il proprio aspetto.

Un’altra ricerca, che ha preso a campione un gruppo di studenti universitari, ha indicato le possibili cause di questa affettazione originata dai social network. Il tempo di connessione e le forme di comunicazione sono fattori che intervengono intrinsecamente sul benessere psico-emotivo.

Questo perché i giovani stanno creando una consapevolezza di sé basata sulle esperienze esterne ed interne mostrate su queste piattaforme. Lo studio sottolinea che tali forme di comunicazione non cambieranno. Pertanto, è imperativo trovare modi migliori per immergersi in esse.

Prevenzione, promozione della salute e benessere psico-emotivo sono fattori che dovrebbero essere al centro dell’attenzione. Stando così le cose, e dopo aver capito come i social network possono incidere sulla salute mentale delle persone, è più che comprensibile che queste celebrità abbiano abbandonato i loro profili.

Potrebbe interessarti ...
I social fanno aumentare i casi di bulimia e anoressia?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
I social fanno aumentare i casi di bulimia e anoressia?

I social fanno aumentare i casi di bulimia e anoressia? Certo è che hanno un grande impatto sulla percezione di sé degli utenti.



  • Barrón- Colin M, Mejia-Alvarado CA. Redes sociales y salud mental: vivencias digitales de alumnos de
    la FES-I UNAM. Cuidarte. 2021; 10(19): 00-00. DOI: http://dx.doi.org/10.22201/fesi.23958979e.2021.10.19.78044
  • Braghieri, Luca; Levy, Ro’ee; Makarin, Alexey (2022) : Social Media and Mental Health, CESifo Working Paper, No. 9723, Center for Economic Studies and ifo Institute (CESifo), Munich.
  • Digital 2022 Global Overview Report. We Are Social – Hootsuite. 2022.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.