La nostra relazione non ha funzionato, va bene così

· 4 giugno 2018
Anche se la nostra relazione non ha funzionato non mi sono permessa di crogiolarmi nei ricordi e nella nostalgia; sono andata avanti e ho imparato a vivere senza di te

La nostra relazione non ha funzionato, ma questo non mi impedisce di andare avanti, anche se non è sempre stato così. 

Lì per lì mi è sembrato di sprofondare, di cadere in un pozzo profondo. Adesso so che era solo il frutto delle mie convinzioni.

Queste convinzioni mi sussurravano “resterai sola”, “non ti amerà più nessuno”. Parole che non riuscivo a gestire perché si impossessavano della mia mente e non c’era verso di farle uscire.

Ho dovuto riflettere a lungo, farmi aiutare da un professionista, vedermi come essere completo per capire che la nostra relazione è finita, per lasciarti andare.

Leggete anche: Poche cose richiedono coraggio quanto lasciar andare

Perché anche quando una storia finisce, tutto continua e io non sono certo un’eccezione.

La nostra relazione non ha funzionato, ma questo non mi ha fermato

donna seduta su scoglio al mare e uomo che si allontana

La nostra relazione non ha funzionato e in un primo momento ho sentito che dovevo addentrarmi in una dimora buia e piena di dolore: la casa del lutto.

Ho dovuto farmi forza per superare ciascuna delle fasi che lo compongono. All’inizio non smettevo di negare la realtà che ogni giorno mi schiaffeggiava affinché la accettassi una volta per tutte.

Un giorno, esausta, mi sono abbandonata alla rabbia e ti ho incolpato di tutto. Ero stanca di sentirmi così male, la colpa era tua o almeno era quello che pensavo allora. Mi sono fermata in questa tappa più tempo di quanto fosse realmente necessario.

Poi mi ha invaso la tristezza, ho capito che non avevo altra scelta: accettare quanto era successo. Ma qualcosa in me faceva resistenza e ho provato a negoziare.

Ho cercato di manipolarti, ti ho detto che potevo ancora cambiare, che la nostra storia non poteva finire così, che la nostra relazione non aveva funzionato ma potevamo ancora farcela.

Leggete anche: Promesse di cambiamento per salvare un rapporto

Era un tentativo disperato di tenerti accanto, senza di te mi sentivo insicura, incapace di guardare avanti. Avevo anche smesso di fare le cose che mi piacevano, senza di te avevano perso sapore.

È passato del tempo: ora sono contenta che ti sia allontanato, che tu non abbia ceduto alle mie lusinghe. Non ho avuto altra scelta che accettare la terribile realtà.

La porta dell’accettazione. Quella che mi ha permesso di lasciare quella dimora buia e dolorosa in cui mi aggiravo e in cui ho indugiato tanto tempo, perché così avevo deciso io.

Uomo che apre la porta al cambiamento

È arrivato il momento in cui mi sono stancata di tutto o, probabilmente, non avevo altra scelta. Le alternative erano continuare così, paralizzata davanti a quella porta o aprirla una volta per tutte. L’ho aperta..

Allora mi sono resa conto che il nostro rapporto non ha funzionato, ma questo non voleva dire che finisse anche la mia vita.

Che cosa è diventata la relazione di coppia?

Possesso, dipendenza, tuo, mio… Molte relazioni di coppia lasciano a desiderare in quanto a questa parola tanto abusata: “amore”.

Continuiamo a pensare che amare voglia dire possedere l’altro, che sia nostro diritto. Così nascono le gelosie, il desiderio di controllo; queste meravigliose tecnologie ci permettono di farlo ancora meglio.

A che ora ti sei connesso? A che ora hai chiuso internet? Perché hai chiesto quell’amicizia? Stavi chattando con lei? Di cosa parlavate?

Leggete anche: 5 errori commessi dalle persone gelose

Pensieri ossessivi, che ci fanno impazzire e che ci fanno immaginare quello che potrebbe essere o che forse sarà. Non dimentichiamo la forza delle profezie autoavveranti.

Proviamo a pensare alle altre nostre relazioni, con i genitori, i figli, gli amici, i fratelli… esiste una costante?

Non ci imponiamo, non li tratteniamo, siamo felici quando decidono di andare, di costruire la propria felicità?

Facciamo lo stesso nelle relazioni di coppia? Forse no, perché abbiamo paura.

donna che si aggrappa a corpo di uomo

Paura di restare soli, paura dell’abbandono, di non incontrare più nessuno, apprensione per il nostro orologio biologico.. Questi timori sono il risultato di convinzioni che affondano le nostre relazioni, invece che aiutarci a gestirle saggiamente.

Sappiamo bene cosa succede quando ci afferriamo convulsamente a qualcosa. Alla fine la perdiamo e le relazioni di coppia non fanno eccezione.

Guarda anche