Ribilanciare gli ormoni per bruciare grasso corporeo

· 31 Gennaio 2015

Non tutti lo sanno, ma esiste una relazione molto stretta tra gli ormoni e il nostro peso, o il grasso accumulato. Per questa ragione ci sono alcune persone che, per quanto seguano molte diete e vadano tutti i giorni in palestra, non riescono a perdere nemmeno un grammo o un centimetro.

Scoprite in questo articolo come ribilanciare i vostri ormoni e bruciare grassi in zone specifiche del corpo, e smettete di soffrire per colpa del sovrappeso.

Non solo gli ormoni sono direttamente responsabili del nostro peso, ma anche del metabolismo, il “luogo” in cui si accumulano i grassi, la voglia di mangiare e la fame. Di fronte a qualsiasi problema ormonale, i vostri sforzi per dimagrire saranno vani.

Forse sarete dell’opinione che smettere di mangiare cibo spazzatura e uscire a correre mezz’ora al giorno sia sufficiente per perdere peso; tuttavia, pare che ci sia qualcos’altro che interferisce con il vostro lavoro. Ricordate che se gli ormoni non sono bilanciati, non potrete mai ottenere il corpo che desiderate.

L’ormone del bilanciamento al banco degli imputati

Prima di tutto, qualche nozione di base sugli ormoni, di cui avrete certamente sentito parlare. Si tratta di sostanze biochimiche prodotte dal corpo in modo che possa funzionare alla perfezione. Sono un ingrediente essenziale per ottenere energia, combattere lo stress e mantenere la massa muscolare, ma anche per accumulare i grassi.

Per questo, per esempio, molte donne hanno sempre fame quando hanno il ciclo, oppure sentono determinate voglie durante la gravidanza. Se riusciamo a equilibrare gli ormoni, quindi, avremo anche più successo nell’ottenere una vita felice, piena di energia e libera dal sovrappeso.

gli ormoni sono responsabili della distribuzione del grasso corporeo

Il primo passo consiste nel disintossicare l’organismo, eliminare tutto ciò che ci fa male e che ci sta riempiendo di tossine. Gli alimenti con più ingredienti dannosi sono anche quelli che creano più dipendenza, e per questo avete più voglia di mangiare un pacchetto di patatine fritte piuttosto che una mela.

Iniziate, quindi, smettendo di consumarli. Forse all’inizio sarà difficile: questo sforzo vi richiederà almeno tre settimane. Ma la buona notizia è che i risultati sono meravigliosi. La dieta può esercitare un notevole influsso nel determinare il livello di intossicazione o di disintossicazione del vostro organismo.

Leggete anche: Disintossicare il corpo: 3 sane abitudini

Che cosa mangiare e che cosa non mangiare per equilibrare i vostri ormoni

State alla larga da tutti gli alimenti con un alto indice glicemico, perché sono quelli che alimentano le voglie e vi portano a mangiare senza freni.

Vale a dire che dovete eliminare (o ridurre) dalla vostra dieta i carboidrati e gli zuccheri raffinati (pane, riso, pasta, prodotti da forno non integrali e dolci), così come gli alimenti processati con molti additivi e conservanti.

Sul fronte opposto troviamo gli alimenti che dovete consumare se volete non solo perdere peso, ma anche sentirvi più in salute. Quelli a basso indice glicemico, infatti, mantengono l’equilibrio degli ormoni, con delle ripercussioni positive sul vostro corpo e la vostra pelle, per esempio.

Gli alimenti che contengono buone quantità di fibra, come la banana, l’uva passa, i carciofi, l’avena, le noci e i fagioli vi aiuteranno a migliorare lo stato del vostro sistema digerente.

Non dimenticate di bere due litri d’acqua al giorno (possono essere fino a tre d’estate), per accelerare il metabolismo e dare al corpo il liquido necessario per eliminare le tossine attraverso l’urina e la traspirazione.

Per approfondire, leggete anche: Ormone della sazietà: 5 dati da conoscere

Alimenti per ridurre le diverse zone del corpo

Alcune parti del corpo possono essere più difficili di altre da far dimagrire: tutto dipende dalla persona e dalle sue abitudini, ma anche dai famosi ormoni. Per esempio, chi produce molti ormoni estrogeni (le donne) tende ad avere delle cosce e dei fianchi più grossi. Ecco, quindi, un trattamento di equilibrio per ormoni specifici di ogni parte del corpo:

Ventre

Se avete il ventre gonfio, non significa soltanto che state mangiando troppo oppure che non evacuate correttamente. Il grasso accumulato nello stomaco è anche dovuto all’eccesso dell’ormone cortisolo (conosciuto come ormone dello stress).

Per questo motivo chi svolge un lavoro che lo mette spesso sotto pressione tende ad accumulare grassi in questa zona. Uno dei rimedi naturali per diminuire la pancia è il basilico viola, un’erba originaria dell’India che riduce i livelli di cortisolo. Un’altra alternativa sono gli spinaci, gli agrumi, l’orzo, i fagioli e le noci.

Schiena

Se state accumulando molto grasso sulla schiena e nella parte superiore del busto (un problema che non è molto frequente, ma può succedere), è dovuto a dei livelli troppo alti di insulina. Gli alimenti che possono ridurla sono quelli che contengono acido linoleico, come lo yogurt, la carne magra, i cereali integrali e la verdura di colore verde.

Glutei

la produzione di estrogeni è la responsabile dell'accumulo di grasso sui glutei

È uno degli incubi delle donne in particolare, anche se a tutti piace avere un bel fondoschiena. Se state accumulando più grasso in questa zona, il problema è dovuto, come vi abbiamo indicato prima, alla grande produzione di estrogeni.

Per contrastare questi effetti, consumate verdure che appartengano alla categoria delle crucifere, come il cavolfiore o i broccoli, ricchi di elementi fitochimici che neutralizzano l’ormone che sta danneggiando i vostri glutei. Altre opzioni sono i semi di lino, di chia e di sesamo, l’uva nera e il melograno.

  • Chaudhri, O., Small, C., & Bloom, S. (2006). Gastrointestinal hormones regulating appetite. Philosophical Transactions of the Royal Society B: Biological Sciences. https://doi.org/10.1098/rstb.2006.1856
  • López, M., Alvarez, C. V., Nogueiras, R., & Diéguez, C. (2013). Energy balance regulation by thyroid hormones at central level. Trends in Molecular Medicine. https://doi.org/10.1016/j.molmed.2013.04.004
  • Hameed, S., Dhillo, W. S., & Bloom, S. R. (2009). Gut hormones and appetite control. Oral Diseases. https://doi.org/10.1111/j.1601-0825.2008.01492.x