Ridurre il consumo di carne: 5 strategie

6 Agosto 2019
La riduzione del consumo di carne dovrà essere accompagnata dall'integrazione di alimenti che garantiscano un ottimale apporto nutrizionale.

Sono sempre di più le persone che negli anni hanno deciso di ridurre il consumo di carne per svariati motivi: di salute, preferenze personali o per contrastare lo sfruttamento degli animali. Tuttavia, ancora in molti si chiedono come farlo in modo sano.

Ridurre il consumo di carne riduce altrettanto il rischio di ipertensione, ipercolesterolemia, eccesso di acido urico o ipertrigliceridemia.

Per chi è abituato a consumare questo alimento con una certa frequenza, tuttavia, compiere questo passo all’improvviso può risultare un cambiamento troppo radicale.

Per tale ragione, in questo articolo vi consigliamo alcune strategie per iniziare a mangiare meno carne e semplificare l’adozione di questa abitudine alimentare.

Strategie per ridurre il consumo di carne

1. La carne non è essenziale per la salute

Secondo una credenza molto diffusa, la carne è essenziale per la salute dell’organismo. Tuttavia, si tratta di un falso mito, in quanto esiste una grande varietà di alimenti in grado di fornire tutte le sostanze necessarie a coprire i fabbisogni nutrizionali.

In tal senso, potete iniziare a diminuire la frequenza settimanale del consumo di carne, riducendone le porzioni. Ricordate, inoltre, che carne non significa solo quella rossa o pollame, ma anche:

  • Salsicce.
  • Würstel.
  • Insaccati.
  • Patè.
Carni lavorate
Contrariamente all’opinione diffusa, è possibile soddisfare le esigenze nutrizionali dell’organismo anche senza il consumo di carne.

2. Ridurre il consumo di carne: verdure e legumi sono i nostri migliori alleati

Un aspetto fondamentale da tenere in considerazione è il fatto che riducendo il consumo di carne si dovrà aumentare l’assunzione di altri alimenti per garantire il corretto apporto nutrizionale.

Questo aumento riguarderà soprattutto verdure e legumi, che ci forniranno il ferro e le proteine ​​necessarie. In tal senso, è importante incrementare il consumo di lenticchie, in quanto sono un’ottima fonte di proteine, fibre, vitamina B, minerali e ferro.

Abbiamo a disposizione anche altri alimenti completi, come ceci e fagioli, semi di soia e cereali come riso, avena e grano.

3. Tenere d’occhio la spesa settimanale

Una strategia particolarmente semplice da attuare per ridurre il consumo di carne è quella di smettere di acquistarla. Non avere carne in casa significa anche non mangiarla.

Per la spesa settimanale, provate ad acquistare più verdura, frutta e legumi. Resterete sorpresi dalla varietà di alimenti vegetali offerta dal mercato e dalla vasta gamma di ricette disponibili.

Leggete anche: Tre favolose ricette di torte salate vegetariane

4. Ridurre gradualmente il consumo di carne

Come abbiamo accennato, è fondamentale iniziare a ridurre gradualmente la quantità di carne, in modo da raggiungere più efficacemente il proprio obiettivo. A tale scopo, potete iniziare a:

  • Eliminare i prodotti a base di carne dalla colazione (se la fate salata) o dagli spuntini.
  • Cenare con piatti a base di verdura per più volte alla settimana,  in modo tale da sostituire gli insaccati o altri prodotti di origine animale. Insalate, torte salate o qualsiasi altra ricetta a base di verdure sarà un’ottima opzione.
  • Sperimentare nuove ricette senza carne, in quanto scoprire tutte le possibilità disponibili incoraggia a ridurre il consumo di carne.
Hamburger di lenticchie
Le ricette a base di verdure e legumi sono l’ideale per iniziare a sostituire la carne nella propria alimentazione.

Nel caso in cui foste costretti a ridurre il consumo di carne per motivi di salute, l’ideale è optare per insaccati leggeri come quelli a base di tacchino, prosciutto cotto o carni magre come il pollo.

Se invece volete ridurre il consumo di carne per iniziare una dieta vegetariana o vegana, allora dovrete eliminare completamente il consumo di qualsiasi alimento di origine animale. Ovviamente, il nostro consiglio è farlo gradualmente in modo che il corpo si abitui al nuovo cibo.

5. Il pesce al posto della carne

Se avete intenzione di smettere di mangiare carne per motivi di salute, ma non volete adottare una dieta esclusivamente vegetariana, un ottimo modo per riuscirci è quello di sostituire la carne con il pesce.

Il pesce azzurro è un’eccellente fonte di acidi grassi omega-3 e altri oli e grassi sani. Per tale ragione, è una soluzione perfetta per sostituire totalmente la carne. Inoltre, possiamo consumare pesci come cernia, orata o nasello, che hanno un basso contenuto di grassi e sono ottimi per la salute dell’organismo.

Potrebbe interessarvi anche: 5 specie di pesci da evitare

Conclusioni

Se volete cambiare le vostre abitudini alimentari e ridurre il consumo di carne, ricordate che qualsiasi cambiamento nell’alimentazione richiede del tempo per potersi adattare al nuovo regime. Tuttavia, una volta ottenuto, non tarderete a notare i risultati e a stare meglio con voi stessi.

  • fedna. (2010). propiedades de la lenteja. Fedna.
  • Rojas Allende, D., Figueras Díaz, F., & Durán Agüero, S. (2017). Ventajas y desventajas nutricionales de ser vegano o vegetariano. Revista Chilena de Nutrición. https://doi.org/10.4067/S0717-75182017000300218
  • Alberto, P. (2005). Micronutrimentos en vegetarianos. Revista de Endocrinología y Nutrición.
  • Marines Argüelles, L. (2016). Vegetarianos con ciencia. ぎょうせい.
  • Neff RA, Edwards D, Palmer A, Ramsing R, Righter A, Wolfson J. Reducing meat consumption in the USA: a nationally representative survey of attitudes and behaviours. Public Health Nutr. 2018;21(10):1835–1844. doi:10.1017/S1368980017004190
  • Nuñez, M. A., Kuebbing, S., Dimarco, R. D., & Simberloff, D. (2012). Invasive Species: To eat or not to eat, that is the question. Conservation Letters. https://doi.org/10.1111/j.1755-263X.2012.00250.x