Ridurre il consumo di zucchero grazie ad alcuni consigli

13 Marzo 2020
La scienza ha dimostrato che un eccessivo consumo di zucchero è un importante fattore di rischio per le malattie croniche non trasmissibili. Conviene, pertanto, conoscere le strategie per ridurne il consumo.

Un eccessivo consumo di zucchero è uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo di malattie complesse. È evidente che consumarlo al di sopra delle dosi raccomandate rappresenta un rischio per la salute. Nonostante il suo potenziale pericolo, è uno degli ingredienti più utilizzati dall’industria per la produzione di prodotti alimentari. Come fare, dunque, per ridurre il consumo di zucchero?

Lo zucchero è un ingrediente fin troppo presente nella dieta abituale e che favorisce l’insorgere di insulino-resistenza, diabete, obesità e cancro. Alla luce di ciò, potrebbe essere una buona idea conoscere alcune strategie per ridurre il consumo di zucchero.

Strategie per ridurre il consumo di zucchero nella dieta

1. Sostituire i prodotti trasformati con prodotti freschi

La stragrande maggioranza dei prodotti trasformati contiene zucchero. Che si tratti di zucchero raffinato, di canna, di cocco, miele, ecc., tutti questi ingredienti sono fonte di stress per il pancreas e dannosi per il nostro organismo.

Sostituire gli alimenti trasformati con prodotti freschi contribuisce significativamente a ridurre l’assunzione giornaliera di zucchero. Inoltre, i prodotti freschi di solito forniscono proteine, vitamine e antiossidanti essenziali per il corretto funzionamento del corpo.

Tuttavia, non tutti i prodotti trasformati sono dannosi. Ci sono alcune eccezioni come i legumi, il ​​cui trattamento serve principalmente a migliorare la conservazione del prodotto. Si tratta quindi di una buona opzione da includere nella dieta quotidiana.

Prodotti freschi per ridurre il consumo di zucchero
Sostituire gli alimenti trasformati con prodotti freschi è una delle strategie più efficaci per ridurre il consumo di zucchero.

2. Non fatevi ingannare dalle etichette

In molte occasioni l’industria usa eufemismi della parola “zucchero” per spacciare un prodotto più sano di com’è davvero. Lo zucchero in quanto tale può essere chiamato con nomi diversi, tutti con lo stesso significato.

Zucchero di canna, zucchero di cocco, miele, etc, sono tutte varianti che provocano lo stesso stress pancreatico e gli stessi rischi per la salute dello zucchero bianco. Per questo motivo, è essenziale non lasciarsi ingannare dall’etichetta e studiare bene la lista degli ingredienti prima di decidere di acquistare un prodotto anziché un altro solo perché sembra più sano.

Leggete anche: Lo zucchero migliora il rendimento cognitivo?

3. Mangiare meno per ridurre il consumo di zucchero

Mangiare meno equivale a una minore assunzione giornaliera di zucchero. Può sembrare ovvio, ma troppe persone mangiano al di sopra delle loro esigenze quotidiane.

Per raggiungere questo obiettivo, possono essere adottate diverse strategie: dal digiuno intermittente alla pesatura del cibo o, semplicemente, facendo attenzione alle quantità e smettendo di mangiare quando si è sazi.

Distaccarsi emotivamente dal cibo e non lasciarsi trasportare dalla sua qualità organolettica, è un punto a favore quando si misura ciò che si mangia, e aiuta a eliminare gli eccessi.

La scelta di mangiare meno contribuirà anche a farci scegliere cibi sani e necessari, anziché cibi ricchi di calorie, in genere pieni di zucchero ed eccipienti per  nulla raccomandati per la salute.

Mangiare meno per ridurre il consumo di zucchero
Anche se può sembrare ovvio, mangiare meno contribuisce a ridurre il consumo totale di zucchero. Questa scelta sarà benefica per la salute e il peso.

Imparare a riconoscere quando è necessario il consumo di zucchero

Lo zucchero è un nutriente. La sua funzione è soprattutto energetica, pertanto dobbiamo tenere in considerazione quest’effetto quando lo assumiamo. Può essere utile mangiare qualcosa di zuccherato subito prima di praticare attività sportiva o anche durante l’allenamento.

Grazie a questa strategia nutrizionale, è possibile migliorare le prestazioni sportive e prevenire l’affaticamento. È sempre meglio consumare alimenti trasformati o zuccheri nei momenti che precedono lo sport, piuttosto che in un giorno in cui la giornata sarà sedentaria.

Da non perdere: Come reagisce il cervello quando smettiamo il consumo di zucchero

Conclusioni

Il consumo di zucchero è uno dei più grandi flagelli per la salute. Al di fuori del campo sportivo, dove può essere necessaria la sua assunzione, il consumo giornaliero di questo nutriente è spesso eccessivo. Questo fenomeno ha conseguenze disastrose per la salute e, per questo, è necessario adottare misure drastiche per ridurlo.

A tale scopo, è una buona idea ridurre il consumo di prodotti trasformati e aumentare quello di cibi freschi. Inoltre, è conveniente leggere le etichette dei prodotti per una scelta più coscienziosa. In ogni caso, la migliore soluzione per questo problema è la consapevolezza e l’educazione alimentare fin dalle prime fasi della vita.

  • Peinado AB., Rojo Tirado MA., Benito PJ., Sugar and exercise: its importance in athletes. Nutr Hops, 2013. 4: 48-56.
  • Arulselvan P., Fard MT., Tan WS., Gotahi S., et al., Role of antioxidants and natural products in inflammation. Oxid Med Cell Longev, 2016.
  • Tappy L., Fructose containing caloric sweetener as a causa of obesity and metabolic disorders. J Exp Biol, 2018.