Sale dell'Himalaya: forse non sapete che...

Chiamato anche oro bianco è considerato il sale più puro e privo di contaminanti che possiamo trovare sul mercato. Conoscete tutti i benefici del sale himalayano?
Sale dell'Himalaya: forse non sapete che...

Ultimo aggiornamento: 14 ottobre, 2021

Avete mai sentito parlare del sale dell’Himalaya? Se è vero che tutti conosciamo gli effetti negativi del sale comune sulla nostra salute, questa varietà sta diventando sempre più diffusa in virtù dei suoi benefici. Si chiama oro bianco ed è considerato il sale più puro e privo di contaminanti che possiamo trovare sul mercato.

È originario del Pakistan e viene di solito venduto sotto forma di cristalli rosa, da macinare prima del consumo. Volete sapere tutto quello che il sale himalayano può fare per la vostra salute? Ve lo diciamo in questo articolo!

Un minerale puro e naturale: il sale dell’Himalaya

Sale dell'Himalaya.

Chi ancora non lo conosce, si starà chiedendo dove si può trovare il sale himalayano. Forse non lo troverete nel solito supermercato, ma in erboristeria o nei negozi di prodotti naturali.

Il sale dell’Himalaya autentico, proviene da una miniera del distretto di Jherum in Pakistan. È apprezzato fin dall’antichità per la sua purezza e per la sua composizione a base di minerali quali calcio, potassio, magnesio, ossido di zolfo, ferro, manganese, fluoro, iodio, zinco e cromo. Contiene fino a 84 componenti naturali!

Differenze tra sale dell’Himalaya e sale da tavola comune

Il sale che tutti abbiamo in casa, e di cui dovremmo moderare il consumo, è trattato chimicamente. I processi di raffinazione finiscono per convertirlo in cloruro di sodio, quindi il sale smette di essere un nutriente.

La stessa cosa accade con lo zucchero bianco. Lungi dal fornirci beneficio, ciò che fa è infiammarci e alterare la funzione di molti organi.

Oggi gran parte del cibo che consumiamo contiene questo tipo di sale, come nel caso delle conserve, dei piatti precotti, dei surgelati, degli antipasti, degli snack o degli insaccati. Anche la pasticceria industriale è ricca di sale, in quanto ne esalta ancora di più il sapore.

Un’alternativa al sale da tavola sarebbe senza dubbio il sale marino. Ora, sapete qual è il problema di base con il sale marino? Attualmente i nostri oceani contengono molte tossine derivate dagli scarichi di petrolio o della plastica.

Il sale dell’Himalaya è un’alternativa più pura e naturale. È certo un po’ più costoso, a causa della sua origine selezionata. Tuttavia, se smettessimo di consumare il classico sale da cucina, guadagneremmo in salute.

Usi del sale himalayano oltre la cucina

Grazie alla sua purezza, il sale himalayano può essere utilizzato anche per trattare alcuni problemi di salute e della pelle. Vediamone alcuni.

I benefici di un bagno con il sale dell’Himalaya

I bagni con il sale dell’Himalaya sono altamente raccomandati per alleviare i dolori reumatici, per trattare i disturbi della pelle, rivitalizzare la pelle, rilassare e dare energia.

Grazie al suo alto contenuto di minerali essenziali, è utile preparare un bagno caldo e rilassante almeno una volta al mese. In questo modo si aprono i pori permettendo ai componenti del sale di penetrare nella pelle.

Essendo un minerale puro e privo di sostanze chimiche, otterremo grandi benefici. Per farlo basta riempire la vasca da bagno e sciogliere 200 grammi di sale dell’Himalaya. Immergetevi in questa acqua curativa per mezz’ora.

Tuttavia, al momento non ci sono prove scientifiche sufficienti per dimostrarne l’efficacia.

Potrebbe interessarvi anche: Pediluvi disintossicanti: funzionano davvero?

Come decongestionante

Secondo la medicina popolare, in caso di allergia, naso chiuso o mal di gola, si può preparare una soluzione a base di sale himalayano. La quantità necessaria in questo caso è di 9 grammi di sale per un litro di acqua calda. Come potete vedere, è facile e veloce da preparare.

Potete scioglierlo in una piccola bacinella o fare dei gargarismi, nel caso della gola. Avvertirete un grande sollievo.

Per curare l’acne

Donna si guarda allo specchio

Grazie alla sua azione esfoliante, detossinante e ai suoi principi attivi, il sale dell’Himalaya è un rimedio che può aiutare a migliorare la salute della pelle; serve per rimuovere ogni tipo di impurità. Ecco una ricetta.

Ingredienti

  • 10 g di sale dell’Himalaya.
  • 15 ml di acqua.
  • 2 gocce di olio essenziale di rosa canina.
  • 1 batuffolo di cotone.

Preparazione

  • Mescolate tutti gli ingredienti in una ciotola fino ad ottenere un composto omogeneo.
  • Immergete del cotone e utilizzatelo per una pulizia profonda. Massaggiate e lasciate agire per 10 minuti; quindi risciacquate con acqua fresca. Fate questo trattamento per 3 giorni di fila e vedrete che risultati.

Il sale himalayano a tavola: fa bene?

Sale dell'Himalaya.

Non dobbiamo dimenticare che il consumo di sale è dannoso per la nostra salute. Ora, se dovessimo scegliere tra sale da cucina e sale himalayano, meglio scegliere quest’ultimo. Il sale comune contiene solo cloruro di sodio; nessuno ha bisogno di questo elemento per vivere. Al contrario, sovraccarica il corpo e ci fa ammalare.

Dal canto suo, il sale himalayano contiene 84 componenti essenziali adatti al nostro organismo. È come una specie di “mare primario” in grado di reintegrare i nostri elettroliti.

Come sottolinea questa ricerca pubblicata su Journal of the American College of Cardiology, il consumo eccessivo di sale himalayano (come qualsiasi prodotto ricco di sodio) può comportare alcuni rischi per la salute. oltre ad un aumento della pressione sanguigna.

Insomma, è un’alternativa naturale al sale comune, ma, ovviamente, è pur sempre sale e, quindi, un elemento che dovremmo controllare nella nostra dieta. Tuttavia, se decidete di acquistarlo, assicuratevi che sia originale, quello che proviene dalla miniera di Jherum, e non da nessun’altra parte del Pakistan.

Potrebbe interessarti ...
Zucchero e sale: quale fa più male in eccesso?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Zucchero e sale: quale fa più male in eccesso?

Il consumo eccessivo di zucchero e sale è stato associato per molti anni a un'ampia varietà di malattie. Vediamo perché e come ridurne il consumo.