Salvare la relazione che sta andando in pezzi

5 Agosto 2020
Se avete l'impressione che la vostra relazione stia andando in pezzi e volete salvarla, il primo passo sarà quello dell'autoanalisi.

Tutte le coppie attraversano una serie di fasi durante la loro relazione. Ma mentre in alcune è possibile procedere verso il miglioramento, in altre sembra maturare una continua mancanza di accordo e armonia. Tanto da ritrovarsi in ​​conflitto su tutto, anche sulle sciocchezze. Vi sentite così? Non sapete come salvare la relazione?

Con pazienza, amore e una buona disposizione, si possono superare grandi ostacoli. In questo articolo discuteremo in dettaglio gli otto passaggi per salvare la relazione di coppia.

Cosa fare per salvare la relazione di coppia?

1. Autoanalisi

È quasi impossibile risolvere un problema quando non si è consapevoli di averlo. Il primo passo è dunque acquisire coscienza della situazione e cercare la causa della disarmonia.

In tal senso, il posto migliore per trovare gli errori è dentro di noi. Analizzate il vostro comportamento, le vostre risposte, il tono della vostra voce, il modo in cui dimostrate affetto e, soprattutto, i vostri sentimenti.

Tenete presente che se manca la volontà di addossarsi la propria parte di colpa nei conflitti, difficilmente la situazione cambierà. L’osservazione di sé è dunque essenziale. Adottare uno sguardo critico verso se stessi, sapersi osservare, consente di essere più empatici e assertivi con il partner.

Leggete anche: Sapere se nel rapporto di coppia c’è la giusta empatia

2. Il dialogo

Coppia che discute sul divano.

I problemi non possono essere risolti se non vengono nominati. E per dialogare è essenziale mantenere toni pacati. Se adottate un atteggiamento difensivo, con un tono di rimprovero e pieno di risentimento, non raggiungerete mai un accordo.

È necessario anche non ferirsi con le parole. Se avete intenzione di dire qualcosa, è meglio non ferire o far star male il partner. Non bisogna mai mancare di rispetto.

3. Rispettare i tempi e le distanze

Se due uccelli volano troppo vicini, possono darsi fastidio a vicenda con le ali. Questa metafora vuol dire che bisogna rispettare i tempi e gli spazi del partner. Tenerlo sotto controllo o sotto esame non è salutare per nessuno.

Rispettate i momenti da trascorrere in solitudine (sia propri che del partner) e abituatevi a svolgere alcune attività separatamente. Questo spazio darà ossigeno alla relazione e rinnoverà il desiderio di incontrarsi di nuovo, a differenza di quando si costringe l’altro a stare sempre insieme.

4. Imparare a fidarsi per salvare la relazione

La fiducia è uno dei pilastri fondamentali di ogni coppia. Senza fiducia non si può vivere insieme, ma non possiamo pretenderla se non siamo i primi a darla.

Se la relazione sta andando a pezzi, imparare a fidarsi, ad ascoltare, a mettersi nei panni dell’altro è fondamentale. Non bisogna cedere agli attacchi di gelosia e, in ogni caso, dovreste scegliere di parlarne con molta calma e affetto.

Leggete anche: Partner distante: cosa fare in questi casi

5. Ravvivare il desiderio sessuale

Le discussioni ci allontanano dal partner a livello sentimentale, ma anche a livello fisico. Quando si discute o ci si arrabbia, si perde la voglia di stare vicini e di toccarsi. Il desiderio di baciarsi o creare intimità passerà in secondo piano.

È dunque importante risolvere subito qualsiasi piccola discussione. Interrompere la tensione, raggiungendo un accordo per fermare la valanga di cattivi pensieri che portano alla rabbia.

Avere rapporti sessuali è essenziale per mantenere, come si suol dire, la fiamma del desiderio accesa. Ogni momento può essere bello per sorprendere il partner e fare l’amore.

6. Seguire la terapia di coppia

Terapia di coppia per salvare la relazione.

La stragrande maggioranza delle persone cerca di nascondere di aver intrapreso un percorso di terapia di coppia. Altre si rifiutano perché non si sentono a loro agio, mostrare le proprie debolezze sembra loro inopportuno perché temono il giudizio altrui. Ma questo pensiero è la premessa di un clamoroso fallimento.

Rivolgersi a un professionista per salvare la relazione può essere molto positivo. È consigliabile non esitare e realizzare gli sforzi necessari. Uno psicologo aiuterà a risolvere le questioni in sospeso con il partner.

7. Un nuovo inizio per la relazione

Vi ricordate quando la relazione andava bene? Quando sono iniziati i problemi? Per salvare la relazione, bisogna tornare indietro nel tempo e cercare di individuare le cause scatenanti e i fattori che hanno peggiorato la situazione.

Se riuscite a trovarli insieme al partner, sarà più facile individuare la soluzione insieme e provare a volersi di nuovo bene. L’ideale è farlo prima che sia troppo tardi, altrimenti sarà impossibile ritrovare i sentimenti smarriti.

8. Entrambi devono voler salvare la relazione

Infine, c’è un requisito essenziale per salvare una relazione che sta andando in frantumi: bisogna amarsi davvero e volerlo entrambi, non solo un membro della coppia.

Bisogna essere onesti con se stessi e con il partner. Perché, se la relazione non funziona, è preferibile parlarne chiaramente, chiudere la porta e attendere un’altra opportunità.

  • Perles, F., San Martín, J., Canto, J., & Moreno, P. (2013). Inteligencia emocional, celos, tendencia al abuso y estrategias de resolución de conflicto en la pareja. Escritos de Psicología / Psychological Writings. https://doi.org/10.5231/psy.writ.2011.0605
  • Carlen, A. M., Kasanzew, A., & López Pell, A. F. (2009). Tratamiento cognitivo conductual de los celos en la pareja. Revista Electrónica de Psicología Iztacala.
  • Bolaños, I. (1998). Conflicto familiar y ruptura matrimonial: aspectos psicosociales. In Psicología Jurídica de la familia.