Semi di lino nella dieta quotidiana: 10 benefici

28 Gennaio 2021
Anche se la maggior parte delle loro proprietà fa effetto a livello interno, un'assunzione regolare di semi di lino può essere utile anche per frenare l’invecchiamento prematuro e la comparsa delle rughe

I semi di lino (linum usitatissimum) sono i semi di una pianta erbacea usata nell’industria tessile e in quella alimentaria. Inserire i semi di lino nella dieta quotidiana può rivelarsi molto utile.

Negli ultimi anni sono diventati molto diffusi, poiché è stato dimostrato che, grazie ai loro nutrienti, costituiscono una ricca fonte di proprietà medicinali e cosmetiche.

Questi semi sono ricchi di acidi grassi omega 3, antiossidanti e altri componenti essenziali che agiscono come integratore alimentare per migliorare la nostra salute.

Proprio per vie delle loro proprietà nutritive, i semi di lino sono consigliati come integratori per le diete dimagranti.

Esistono altri motivi per i quali vale la pena iniziare a includere questo ingrediente nella propria dieta. Nel nostro articolo di oggi vogliamo condividere con voi i 10 migliori benefici dei semi di lino, perché non abbiate più alcun dubbio prima di provarli.

Resterete sorpresi!

10 benefici di includere semi di lino nella dieta quotidiana

1. Aiutano a perdere peso

semi di lino nella dieta quotidiana per perdere peso

Le fibre vegetali contenute nei semi di lino li rendono un ottimo alleato per perdere peso in modo sano.

Questi nutrienti migliorano i processi digestivi e aumentano la sensazione di sazietà, evitando così un’ eccessivo ingestione di calorie.

Leggete anche: Saltare la colazione fa ingrassare: scoprite le migliori opzioni

2. Aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo

Il loro alto contenuto di fibre solubili impedisce al colesterolo di ossidarsi nelle arterie e, inoltre, ne facilita la naturale eliminazione.

Ciò si deve al fatto che le fibre aderiscono al lipide nocivo e gli impediscono di restare intrappolato nel flusso sanguigno.

3. Combattono i disturbi infiammatori

Artrite semi di lino

Molti esperti pensano che l’origine della maggior parte delle malattie croniche sia dovuta a una mancanza di controllo sui processi infiammatori che hanno luogo all’interno dell’organismo.

Infatti i semi di lino contengono una sostanza conosciuta come acido linolenico che ha un’azione antinfiammatoria ottima per il nostro organismo.

Inoltre inserire semi di lino nella dieta quotidiana è la soluzione per prevenire e trattare:

  • La gastrite
  • La tendinite
  • La colite
  • L’artrite
  • L’osteoartrosi

4. Sono antitumorali

Nei semi di lino si trovano 27 sostanze anticancerogene che potrebbero essere chiave sia nella prevenzione sia nel trattamento contro il cancro.

In particolare una delle più importanti è la lignina, che ha un effetto antiossidante che supera persino quello della vitamina E.

Grazie a questo composto, i semi di lino sono in grado di frenare il danno cellulare e di ridurre la presenza di tumori maligni, come il tumore al seno.

5. Favoriscono il controllo ormonale

donna dolore inguinale semi di lino

Molti nutrizionisti concordano sul fatto che includere semi di lino nella dieta quotidiana fa da alleato delle donne in menopausa o che soffrono di squilibri ormonali. Infatti contiene fitoestrogeni che regolano la quantità di ormoni.

Inoltre assumere semi di lino aumenta la fertilità e aiuta a controllare i sintomi fisici scatenati dalla riduzione dei livelli di estrogeno.

6. Migliorano la digestione

Le fibre di tessuto vegetale, solubili e insolubili, sono utili per il trattamento di problemi digestivi come l’acidità, la gastrite e la stitichezza.

Grazie alla loro enorme capacità di assorbimento, i semi di lino riducono l’eccesso di acidi gastrici e prevengono la formazione di ulcere.

Agiscono anche come un lubrificante e un lassativo naturale, il che facilita l’eliminazione dei residui, ma senza alterare il pH della flora intestinale.

7. Aumentano le energie

Sportivi semi di lino

Anche se sono poveri di calorie, i semi di lino hanno un importante valore energetico utile per migliorare il rendimento fisico e mentale.

Assumere semi di lino aiuta a bruciare più calorie e, allo stesso tempo, aumenta le energie disponibili durante gli allenamenti e le attività che richiedono uno sforzo fisico.

8. Proteggono la salute cardiovascolare

Grazie al loro contenuto di acidi grassi omega 3 e di antiossidanti, i semi di lino costituiscono un ottimo rimedio per prevenire la formazione di coaguli nel sangue e l’indurimento delle arterie.

Ovviamente queste proprietà saranno efficaci solo se il suo consumo è accompagnato da un’alimentazione equilibrata. Oltre a essere supportato da altre abitudini di vita sane.

9. Prevengono l’invecchiamento prematuro

Invecchiamento prematuro semi di lino

Le vitamine con proprietà antiossidanti che si trovano nei semi di lino servono a mitigare il processo di invecchiamento prematuro. Quindi quello scatenato dall’azione dei radicali liberi.

Tra queste sottolineiamo:

  • Le vitamine del gruppo B, tra cui l’acido folico
  • La vitamina C
  • La vitamina E

Leggete anche: Prevenire l’invecchiamento prematuro della pelle

10. Combattono la ritenzione idrica

Grazie al loro importante contenuto di minerali e fibre, questo ingrediente stimola il funzionamento dei reni, aumentando così l’eliminazione di liquidi e di sodio.

Infatti la loro azione diuretica aiuta a sfiammare i tessuti e impedisce essi di trattenere un eccesso di acqua.

Inoltre queste proprietà si possono ottenere grazie ad un consumo quotidiano di semi di lino, prima e durante ogni pasto principale.

Quindi la cosa migliore è includere i semi di lino nella dieta quotidiana tritati per facilitarne la digestione. Potete aggiungerli alle insalate, alle zuppe, ai frullati e a tante altre ricette.

  • Morris, D. H. (2007). LINAZA Un Producto Premier de Salud y NutriciónLINAZA- Un Producto Premier de Salud y Nutrición (pp. 9–21). consejo Candiense de Linaza.
  • Adolphe, J., & Fitzpatrick, K. (2015). Linaza: Un estudio nutricional. Healthyflax.Org. https://doi.org/10.1109/ISSCC.2013.6487668
  • Glazer, A. W., & Nikaido, H. (1995). Lignina. In Microbial Biotechnology: fundamentals of applied microbiology (p. 340). W. H. Freeman. https://doi.org/10.1016/j.biomaterials.2003.10.075nS0142961203010160 [pii]
  • Mohammadi-Sartang, M., Mazloom, Z., Raeisi-Dehkordi, H., Barati-Boldaji, R., Bellissimo, N., & Totosy de Zepetnek, J. O. (2017). The effect of flaxseed supplementation on body weight and body composition: a systematic review and meta-analysis of 45 randomized placebo-controlled trials. In Obesity Reviews. https://doi.org/10.1111/obr.12550
  • Kristensen, M., Jensen, M. G., Aarestrup, J., Petersen, K. E. N., Søndergaard, L., Mikkelsen, M. S., & Astrup, A. (2012). Flaxseed dietary fibers lower cholesterol and increase fecal fat excretion, but magnitude of effect depend on food type. Nutrition and Metabolism. https://doi.org/10.1186/1743-7075-9-8
  • Ibrügger, S., Kristensen, M., Mikkelsen, M. S., & Astrup, A. (2012). Flaxseed dietary fiber supplements for suppression of appetite and food intake. Appetite. https://doi.org/10.1016/j.appet.2011.12.024
  • JD, B., WE, W., JE, L., J, H., L, N., E, W., & LU, T. (2004). Supplementation with flaxseed alters estrogen metabolism in postmenopausal women to a greater extent than does supplementation with an equal amount of soy. American Journal of Clinical Nutrition.
  • Kajla, P., Sharma, A., & Sood, D. R. (2015). Flaxseed—a potential functional food source. In Journal of Food Science and Technology. https://doi.org/10.1007/s13197-014-1293-y
  • Rodriguez-Leyva, D., Bassett, C. M. C., McCullough, R., & Pierce, G. N. (2010). The cardiovascular effects of flaxseed and its omega-3 fatty acid, alpha-linolenic acid. In Canadian Journal of Cardiology. https://doi.org/10.1016/S0828-282X(10)70455-4
  • Parikh, M., Maddaford, T. G., Austria, J. A., Aliani, M., Netticadan, T., & Pierce, G. N. (2019). Dietary flaxseed as a strategy for improving human health. In Nutrients. https://doi.org/10.3390/nu11051171
  • Rodriguez-Leyva, D., Weighell, W., Edel, A. L., Lavallee, R., Dibrov, E., Pinneker, R., Maddaford, T. G., Ramjiawan, B., Aliani, M., Guzman, R., & Pierce, G. N. (2013). Potent antihypertensive action of dietary flaxseed in hypertensive patients. Hypertension. https://doi.org/10.1161/HYPERTENSIONAHA.113.02094