Sindrome di Procuste: odiare le persone che spiccano

La sindrome di Procuste ci impedisce di crescere, poiché ci gestiamo solo a livello di critica, invece di cercare di crescere insieme agli altri. Si può superare?
Sindrome di Procuste: odiare le persone che spiccano

Ultimo aggiornamento: 23 luglio, 2022

Guardare e imitare ciò che fanno le altre persone intorno a noi può essere funzionale all’auto-miglioramento e alla motivazione. Tuttavia, quando ciò diventa causa di continui confronti, può essere una vera tortura. Chi ha la sindrome di Procuste vive la sua vita in questo modo.

La sindrome di Procuste prende in prestito il suo nome da una storia greca. Procuste era un oste che riceveva in casa sua i viaggiatori e tagliava loro gli arti superiori o inferiori se sporgevano dal letto. Questo ci dà già un’idea di quale sia il centro del discorso: ciò che spicca, che attira l’attenzione, infastidisce.

Questa sindrome può avere diverse origini. Ad esempio, quando durante l’infanzia, si viene privati dell’affetto e della vicinanza, mentre nostro fratello era il protagonista della scena. Un simile atteggiamento può farci pensare che non c’è abbastanza affetto per tutti. Pertanto, gli altri diventano dei potenziali concorrenti.

Caratteristiche di una persona con la sindrome di Procuste

Vale la pena chiarire che tutti possono provare invidia o gelosia per gli altri ad un certo punto della propria vita. Ciò che caratterizza la sindrome di Procuste è che si tratta di una situazione generalizzata, che compare costantemente, e che riguarda più persone.

Alcune delle caratteristiche di questa sindrome sono le seguenti:

  • Di solito sono detrattori, con il “no” facile. Un collega potrebbe aver trovato un’ottima soluzione per affrontare un problema, ma chi ha la sindrome di Procuste dice che l’idea non è così buona o nuova. Cioè, usa qualsiasi scusa per screditare il collega.
  • Molte volte, causano conflitti o maltrattamenti. Di solito non praticano una comunicazione assertiva e usano cattive maniere. In generale, boicottano le iniziative degli altri.
  • Hanno una bassa tolleranza per la frustrazione. Non sopportano quando gli altri hanno ragione o hanno idee migliori.
  • Sono capaci di andare contro ciò che pensano, per contraddire la persona che vedono come una minaccia.
  • Hanno difficoltà ad accettare le opinioni degli altri. Pertanto, il lavoro di gruppo è molto difficile per loro.
  • Sono persone molto rigide, con difficoltà ad adattarsi al cambiamento e che si esprimono e vivono nei termini delle proprie verità assolute.
L'invidia dell'ufficio per la sindrome di Procuste.
Questa sindrome, in azienda, ostacola il lavoro di squadra e rende difficile il raggiungimento degli obiettivi.

Cause e conseguenze

Uno dei primi motivi per cui ci risentiamo nei confronti di una persona che si distingue ha a che fare con la bassa autostima. Per questo ci sentiamo minacciati.

L’insicurezza ci perseguita e temiamo di essere lasciati all’ombra. Questo si estende alla sfera lavorativa, affettiva e familiare.

A lungo termine, la sindrome di Procuste interferisce con le relazioni interpersonali. Non riusciamo a creare una connessione autentica con gli altri. Evitiamo di condividere ciò che ci accade e mettiamo una certa distanza.

Comporta anche un enorme dispendio di energia. Siamo costantemente in allerta. Naturalmente, la nostra salute mentale ne risente, poiché siamo pieni di amarezza, rabbia e pessimismo.

Negli ambienti di lavoro, la sindrome di Procuste è molto dannosa. Soprattutto se la persona è in posizioni di leadership. Provoca grande demotivazione nei dipendenti.

Come affrontare la sindrome di Procuste?

Alcune delle chiavi per superare la sindrome di Procuste sono le seguenti:

  • Non prendere ciò che l’altra persona dice sul personale. Credere che tutto sia diretto verso di noi è un pregiudizio. È bene porsi domande del tipo “è possibile che ciò che mi ha detto sia stato sopravvalutato?”. In questo modo, l’obiettivo è mettere in discussione i nostri pregiudizi.
  • Stabilire accordi. Ad esempio, se in un luogo di lavoro sono presenti due persone che hanno partecipato allo sviluppo di un progetto, al momento della sua presentazione è possibile dividere la mostra in parti uguali. In questo modo evitiamo quelle situazioni che scatenano quella sensazione che qualcuno voglia oscurarci.
  • Identificare i propri punti di forza e imparare a fare affidamento sugli altri per migliorare le proprie debolezze. È importante riconoscere che tutte le persone possono dare il proprio contributo in un lavoro, in una squadra o in una relazione. Pertanto, è necessario esplorare ciò che abbiamo da offrire nelle aree in cui partecipiamo. Allo stesso tempo, possiamo aprirci agli altri per imparare da loro, per capire cosa fanno nelle situazioni difficili.
Lavoro di squadra per superare la sindrome di Procuste.
Il lavoro di squadra deve essere incoraggiato attraverso la partecipazione attiva. Imparare dagli altri aiuta a migliorarsi.

Più consapevoli degli altri, meno padroni di sé stessi

La sindrome di Procuste ci danneggia enormemente, poiché non solo manteniamo un atteggiamento negativo e pessimista verso gli altri, ma deviamo anche dal nostro percorso. Ci dimentichiamo di noi stessi e lavoriamo sui nostri punti di forza e migliorando le nostre debolezze.

In questo modo rimaniamo limitati e blocchiamo la nostra crescita. L’unica cosa a cui pensiamo è come far cadere l’altro, come danneggiarlo.

Così, ci chiudiamo allo scambio, facciamo orecchie da mercante a tutto ciò che viene dall’altra parte. Rimaniamo ancorati all’auto-illusione, come se fossimo gli unici ad avere la risposta corretta. Bisogna stare molto attenti! Possiamo sbagliare a causa del nostro orgoglio.

Potrebbe interessarti ...
Sindrome dell’impostore: cos’è, come rilevarla e cosa fare per affrontarla
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Sindrome dell’impostore: cos’è, come rilevarla e cosa fare per affrontarla

La sindrome dell'impostore ci impedisce di riconoscere i nostri risultati, di goderne e di progredire professionalmente o socialmente.



    • Young, Pablo. (2018). Síndrome de Procusto en la Medicina. Revista médica de Chile, 146(7), 943-944. https://dx.doi.org/10.4067/s0034-98872018000700943
    • Tamez Osollo, A. I. (2016). Integración de modelo cognitivo-conductual y terapia centrada en soluciones en un caso de falta de asertividad y baja autoestima (Doctoral dissertation, Universidad Autónoma de Nuevo León).
    • Llácer, B. G., & Julián, R. M. (2015). Celos y envidia en el trabajo: una revisión de los últimos 20 años. Apuntes de Psicología, 33(3), 127-136.
    • GIRBÉS LLÁCER, B., & MARTÍN JULIÁN, R. (2016). Celos y envidia en el trabajo: una revisión de los últimos 20 años. APUNTES DE PSICOLOGÍA, 33(3), 127–136. Recuperado a partir de https://apuntesdepsicologia.es/index.php/revista/article/view/569