Sintomi e cause della parodontite

La parodontite è una malattia delle gengive che può presentare forme gravi. I suoi sintomi si evolvono nel tempo e senza un intervento tempestivo può causare la perdita dei denti.
Sintomi e cause della parodontite
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 02 dicembre, 2022

Conoscere i sintomi e le cause della parodontite ci consente di adottare misure preventive contro questa malattia. In questo modo effettuiamo una consulenza immediata se notiamo qualcosa di strano nelle gengive. Non va ignorato che questa patologia può evolvere in presentazioni cliniche che complicano la salute orale e generale.

La sua origine, spesso, sono i batteri che si accumulano tra i denti e le gengive. Riescono a colonizzare l’area quando si moltiplicano eccessivamente. A questo proposito, come vedremo in seguito, l’igiene gioca un ruolo molto importante come misura preventiva.

Come si evolve la parodontite?

La parodontite presenta sintomi che dipendono dallo stadio in cui si riscontra l’evoluzione del quadro clinico. Non è una patologia che è presente in modo fisso o che persiste sempre uguale nel corpo.

La prima cosa che accade è un’infiammazione delle gengive, nota come gengivite. La solita cosa è che la persona che ne soffre si accorge quando si lava i denti e nota un’emorragia nel tessuto orale quando si strofina con lo spazzolino.

Insieme a questo, è possibile rilevare la placca batterica. Questa è una pellicola aderente alla superficie dentale che contiene batteri e detriti alimentari amalgamati. Si chiama biofilm, infatti, perché è attivo e non inerte, cioè in continua evoluzione.

Il passo successivo è la retrazione delle gengive. Ciò espone le parti inferiori degli elementi dentali che sono esposte all’esterno. Uno dei problemi della parodontite in questa fase è l’ipersensibilità causata dal contatto delle radici con il freddo, il caldo e il cibo.

Se l’evoluzione continua, l’infiammazione localizzata può diffondersi, prima al resto della bocca e poi a tutto il corpo. È noto che in alcuni pazienti il processo infiammatorio non si limita alle gengive, il che innesca reazioni in aree anatomiche distanti, come le ossa degli arti inferiori.

Come si evolve la parodontite?
La parodontite è una malattia dentale che si evolve quando non si interviene in tempo. Senza trattamento, può causare la perdita dei denti.

Continua a leggere: Sigaretta elettronica: come influisce sulla salute orale

I sintomi della parodontite

Come dicevamo, i sintomi e i segni della parodontite dipendono dallo stadio in cui si trova la persona affetta dalla malattia. In ogni caso, ci sono problemi che sono sempre basilari, come il sanguinamento delle gengive.

Questo sangue è rosso vivo e appare con un trauma minimo che, in condizioni normali, non viene rilevato. Lo spazzolamento è il principale agente causale, seguito dal bruxismo o dal digrignamento dei denti durante la notte. È normale che i pazienti si sveglino al mattino con il sangue intorno ai denti.

L’alitosi deriva dalla placca batterica e dalla sua costante attività. Anche i resti di cibo lì trattenuti fermentano e continuano un processo putrefattivo che si esprime nell’alitosi.

Il dolore o la sensibilità durante la masticazione è correlato alla retrazione delle gengive. Quando scendono troppo lontano e si allontanano dall’elemento dentale stesso, la radice è esposta. Quindi bevande calde e cibi molto freddi, come il gelato, irritano i nervi che prima non erano in contatto con il mondo esterno.

In casi estremi c’è la perdita di pezzi dentali. Se la retrazione delle gengive è eccessiva, la parodontite provoca la caduta spontanea dei denti, quando il supporto fibroso scompare.

Cause

Le cause della parodontite devono riferirsi alla formazione del biofilm che è la placca batterica. Quindi, non è sbagliato pensare che i batteri siano i principali protagonisti del problema, generato nella maggior parte dei casi da una scarsa igiene.

La normale flora batterica della bocca non è maligna. Al contrario, svolge funzioni essenziali di regolazione dell’ambiente interno della saliva e di protezione contro agenti infettivi e patogeni esterni. Ma il suo squilibrio porta problemi.

Quando c’è una cattiva tecnica di spazzolamento o non viene eseguita con la frequenza appropriata, i batteri si moltiplicano colonizzando le pareti dentali. A questo si aggiungono i detriti di cibo che sono intrappolati dal piatto.

Di fronte ad un accumulo di anni, il sistema immunitario risponde considerando che lì sono presenti agenti esterni dannosi. Il corpo quindi mobilita i globuli bianchi alle gengive per combattere il problema, portando all’infiammazione dei tessuti e alla successiva regressione.

La complicazione immediata è la formazione di spazi tra il dente e la gengiva, dovuti alla retrazione. Ciò significa che, se non ci sono cure, più batteri e più resti di cibo si depositano lì.

Va inoltre considerato che alcune situazioni di rischio favoriscono la comparsa della parodontite:

  • Tabacco: i fumatori hanno un rischio maggiore di contrarre la malattia rispetto al resto della popolazione.
  • Cambiamenti ormonali: nella donna, in particolare, le fasi della gravidanza e della menopausa alterano diversi sistemi, stimolando la formazione della placca e la risposta immunitaria delle gengive.
  • Carenza vitaminica: l’ipovitaminosi, in particolare la vitamina C, è correlata a malattie gengivali.
Il fumo provoca la malattia ostruttiva cronica
Il consumo di tabacco è uno dei fattori che aumentano il rischio di parodontite. La sua alta concentrazione di sostanze tossiche deteriora lo smalto dei denti.

Scopri di più: Abitudini nocive per i denti da evitare

Quando consultare un dentista?

La parodontite è una malattia che deve essere curata da un professionista. Prima viene eseguito l’approccio, più facile sarà contenere le complicazioni. Per quanto è stato detto, dobbiamo essere vigili nello lavarci i denti nel caso dovessimo notare un’emorragia.

Se appare del sangue sul pennello, merita un consulto. Questo potrebbe essere il primo segno dell’inizio della patologia. Allo stesso modo, se ci svegliamo ripetutamente con le gengive gonfie e arrossate al mattino, dopo una notte di riposo.

In caso di rilevare variazioni di colore sulla superficie del dente dovute alla presenza di placca, piuttosto che tentare di rimuoverla con la forza, sarà necessario farla controllare da un professionista. A volte, volendo esibirci a casa, ci facciamo male alle gengive nel tentativo di migliorare l’immagine.

Non bisogna aspettare. I denti sono importanti perché non c’è nessun sostituto per loro quando siamo adulti. Ci accompagnano per il resto della nostra vita.

Potrebbe interessarti ...
Calmare il mal di denti in modo naturale
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Calmare il mal di denti in modo naturale

Le proprietà di alcuni ingredienti naturali applicati localmente possono aiutare a calmare il mal di denti e a donare sollievo.



  • Amaro, Ilusión Melina Romero, et al. “Consideraciones periodontales de la hipersensibilidad dentinaria-Revisión de la literatura.” Acta odontológica venezolana 56.1 (2018): 13-14.
  • Ramos-García, V., E. M. Otero-Rey, and A. Blanco-Carrión. “Relación entre enfermedad periodontal y artritis reumatoide.” Avances en Periodoncia e Implantología Oral 28.1 (2016): 23-27.
  • Herrera, David, et al. “La nueva clasificación de las enfermedades periodontales y periimplantarias.” Revista científica de la Sociedad Española de Periodoncia 1.9 (2018): 94-110.
  • Duque, Andrés, and Carolina Tejada. “Halitosis: Un asunto del odontólogo (Halitosis: A matter of dentist).” CES Odontología 29.1 (2016): 70-81.
  • Soares, Renata de Souza Coelho, et al. “Movilidad dentaria en la periodontitis crónica.” Acta odontológica venezolana 49.4 (2011): 21-22.
  • Guilarte, Carolina, and Marianella Perrone. “Bacterias Periodontopatógenas: Bacilos Anaerobios gran negativos como agentes Etiológicos de la Enfermedad Periodontal.” Acta Odontológica Venezolana 43.2 (2005): 198-204.
  • Poyato Ferrera, Manuel María, et al. “La placa bacteriana: Conceptos básicos para el higienista bucodental.” Periodoncia, 11 (2), 149-164 (2001).
  • Rojas, Javier Patricio, L. A. Rojas, and R. Hidalgo. “Tabaquismo y su efecto en los tejidos periodontales.” Revista clínica de periodoncia, implantología y rehabilitación oral 7.2 (2014): 108-113.
  • Schlafer, Sebastian, et al. “Filifactor alocis-involvement in periodontal biofilms.” BMC microbiology 10.1 (2010): 1-13.
  • Aguilar-Cordero, María José, et al. “La Enfermedad Periodontal como factor de riesgo de complicaciones durante el embarazo y parto.”

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.