Eliminare l'alitosi attraverso la dieta

Poiché l'alitosi può essere causata da alcuni alimenti, è possibile combatterla attraverso la dieta. Inoltre, alcuni cibi aiutano a tenere sotto controllo questo problema. Li conoscete?
Eliminare l'alitosi attraverso la dieta

Ultimo aggiornamento: 18 luglio, 2021

L’alitosi può essere causata da diversi motivi, tra cui il consumo di determinati alimenti. In questo articolo spieghiamo come eliminare l’alitosi attraverso la dieta. Non esitate a mettere in pratica i nostri consigli!

L’alitosi, o alito cattivo, è un segno clinico minore, ma molto fastidioso. In generale, è causato dal rilascio di gas a seguito della fermentazione dei batteri. Se soffrite di questo problema, sappiate che non siete i soli: l’alitosi colpisce il 25% della popolazione mondiale.

Sebbene esistano molti tipi e diverse intensità di alito cattivo, circa il 90% dei casi è causato dai milioni di batteri che vivono nel cavo orale.

Durante la fermentazione del cibo, questi batteri possono produrre composti solforati che dal cattivo odore; per farvi un’idea, l’uovo marcio produce composti solforati.

Principali cause di alitosi

Donna con alito che puzza.
Esistono diversi fattori che contribuiscono alla comparsa di alitosi. I batteri della placca, come alcuni alimenti, possono essere i fattori scatenanti.

Placca dentale

La bocca è uno dei luoghi del corpo con il maggior numero e varietà di microbi. Per quanto riguarda il cattivo odore, la placca dentale è correlata alla putrefazione di un cocktail batterico che include residui di cibo, sangue, cellule e saliva.

Quando l’equilibrio microbico viene meno, la placca dentale può produrre molti composti solforici, diammine o acidi grassi a catena corta che causano questo sintomo.

Cibo

Anche diversi cibi sono stati collegati all’alitosi:

  • Cipolla e aglio: sono ricchi di composti solforati che, sia in bocca sia dopo, quando assorbiti ed eliminati dai gas polmonari, possono produrre questo caratteristico alito.
  • Latticini: diversi batteri che vivono nella bocca possono fermentare gli aminoacidi presenti nei latticini, generando residui con nomi suggestivi come cadaverina o putrescina.
  • Pesce in scatola: è impossibile confondere l’odore di pesce marcio. Durante la durata di conservazione, il pesce continua a degradarsi e a produrre ammine biogene associate a determinati tipi di alitosi.
  • Carboidrati a fermentazione rapida (FODMAP): sono molecole di carboidrati che vengono facilmente fermentate dai batteri naturalmente presenti nella bocca e nell’intestino, favorendo lo sviluppo di gas e gonfiore addominale, alterazioni del transito intestinale e, ovviamente, alitosi.

Per eliminare l’alitosi attraverso la dieta, bisogna evitare di consumare questi alimenti in grandi quantità. Ma attenzione, non si tratta di eliminarli del tutto, bensì di ridurre al minimo il loro consumo per prevenire l’alitosi. Allo stesso modo, va limitato il consumo di alcol e tabacco.

Tabacco e alcol

Un frequente consumo di bevande alcoliche potrebbe aumentare l’intensità dell’alitosi perché l’etanolo è un agente disidratante e provoca la volatilizzazione dei prodotti batterici. Il tabacco, inoltre, aumenta gli effetti dell’alcol.

Trattamento per eliminare l’alitosi attraverso la dieta

A volte è sufficiente rivedere le proprie abitudini alimentari e aumentare l’assunzione di acqua per combattere l’alitosi. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare l’igiene e i consigli del dentista.

Donna che beve acqua.
Bere molta acqua può aiutare, oltre ad essere sano!

Risalire alla causa dell’alitosi

Prima di iniziare qualsiasi trattamento, bisogna scoprire la causa principale dell’alitosi. Forse dovete solo stare attenti al consumo di aglio e cipolla o mantenere la bocca idratata.

Evitare il tabacco e l’alcol per eliminare l’alitosi

Come anticipato, il tabacco e l’alcol possono aggravare i sintomi dell’alitosi. Sarà essenziale evitarli per contrastare il problema.

Mangiare un massimo di tre volte al giorno

Maggiore è il numero di assunzioni giornaliere, maggiore è l’alterazione del pH orale, più a lungo viene somministrato il cibo ai batteri e maggiore è il rischio di accumulo di detriti alimentari. Inoltre, gli spuntini tra i pasti sono in molti casi dolci e appetibili per i batteri.

Eseguire una corretta igiene orale e risciacquare con olio di cocco

Secondo gli studi, più del dentifricio è importante lo spazzolino. Chi soffre di alitosi, inoltre, dopo aver lavato i detti dovrebbe fare periodici sciacqui con olio di cocco. Il grasso di cocco è ricco di acido laurico, sostanza che ha mostrato effetti positivi contro i vari agenti patogeni.

Quando finite di lavarvi i denti, prendete un cucchiaio di olio di cocco e risciacquate per 5 o 10 minuti. In seguito, potete estendere il tempo fino a 20 minuti. Al termine non ingoiate, ma sputate.

Masticare certe erbe per eliminare l’alitosi

Masticare prezzemolo, menta, chiodi di garofano, finocchio e alcune erbe aromatiche come l’erba medica, il cardamomo, la camomilla, la mirra, il rosmarino e la salvia, servono anche ad eliminare l’alitosi attraverso la dieta.

La menta per eliminare la alitosi.

Alcuni integratori alimentari per eliminare l’alitosi

  • Zinco: diversi studi dimostrano che il consumo di sali di zinco trasforma i composti dello zolfo in gas inodori.
  • Probiotici: in generale il batterio dovrebbe prevalere nella bocca delle persone sane è lo Streptococcus salivarius, invece nelle persone con alitosi sono stati individuati bassi livelli o addirittura assenza di questo batterio. Ecco perché si ritiene che i probiotici orali possano aiutare a eliminare l’alitosi attraverso la dieta.

In conclusione, se soffrite di alitosi, distanziate i pasti, moderate l’assunzione di fibre a fermentazione rapida e realizzate frequenti risciacqui con olio di cocco. In molti casi, queste misure sono sufficienti per combattere il problema. Se i sintomi persistono, consigliamo di consultare il dentista.

Potrebbe interessarti ...
Infezioni orali: prevenirle con l’olio di cocco
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Infezioni orali: prevenirle con l’olio di cocco

Sapevate che l'olio di cocco è un prodotto ideale sia per fare gli sciacqui che per spazzolare i denti e mantenere una buona igiene orale?



  • Kim JS, Park JW, Kim DJ, Kim YK, Lee JY. “Direct effect of chlorine dioxide, zinc chloride and chlorhexidine solution on the gaseous volatile sulfur compounds. “Acta Odontol Scand. 2014 Nov;72(8):645-50.
  • Jayakumar A, Padmini H, Haritha A, Reddy KP.” Role of dentifrice in plaque removal: a clinical trial.” Indian J Dent Res. 2010 Apr-Jun;21(2):213-7.
  • ratibha PK , Bhat KM, Bhat GS. “Oral malodor: a review of the literature.” J Dent Hyg. 2006 Summer;80(3):8.
  • Scully C, Rosenberg M. “Halitosis.” Dent Update. 2003 May;30(4):205-10.