6 sintomi del tumore della pelle da non ignorare

· 12 settembre 2017
Saper identificare i sintomi del tumore della pelle è fondamentale per poter ottenere una diagnosi precoce e attaccare la malattia prima che peggiori o si estenda

I casi di tumore della pelle sono aumentati in maniera allarmante negli ultimi anni. Colpisce con frequenza gli adulti di età superiore ai 50 anni, anche se questo non significa che i giovani non possano soffrirne.

La sua comparsa è relazionata alla continua esposizione alle radiazioni emesse dai raggi solari, ma anche a mutazioni del DNA nelle cellule epiteliali.

Sebbene si tratti di uno dei tumori più comuni, l’indice di mortalità si è ridotto significativamente, non solo perché i trattamenti si sono evoluti, ma anche perché è sempre più facile ricevere una diagnosi corretta.

Nella maggior parte dei casi, inoltre, non si tratta di melanoma, dunque è possibile tenere sotto controllo la malattia in modo più efficace, perché non provoca alterazioni nella base cellulare.

In ogni caso, è fondamentale riconoscerne i sintomi il prima possibile, poiché il tempo è fondamentale per evitare che diventi più aggressivo.

A tale proposito, a seguire vogliamo ripassare nel dettaglio 6 segnali che, essendo relazionati a questa malattia, non possono essere ignorati.

Scopriteli!

1. Comparsa di nei

La comparsa di nei nuovi, sopratutto dalla forma irregolare, è uno dei principali sintomi del tumore della pelle.

Compaiono all’improvviso, con caratteristiche evidenti per quanto riguarda le dimensioni, il colore e i bordi.

Mentre alcuni si formano come piccole macchie rosse, altri sono come piccole protuberanze dal colore scuro.

2. Cambiamenti dei nei

Quando i nei subiscono dei cambiamenti, non bisogna ignorarli. Esattamente come nel caso precedente, è fondamentale prestare attenzione alle variazioni che sviluppano con il passare del tempo.

Per questo, gli esperti hanno sviluppato la “regola dell’alfabeto” o “ABCD”, facendo riferimento alle caratteristiche di cui bisogna tener conto.

  • A per asimmetria: si riferisce a quei nei in cui una metà non corrisponde con l’altra.
  • B per bordi: i bordi dei nei sono irregolari, deformi o poco definiti.
  • C per colore: i nei presentano evidenti cambiamenti nel colore, possono diventare più scuri, estendersi o schiarirsi. Potrebbero anche acquisire tonalità diverse, ad esempio bluastro, rosso, rosa o tendente al grigio.
  • D per diametro: il neo raggiunge una dimensione di 6 millimetri di larghezza, anche se a volte potrebbe essere un po’ più piccolo.

3. Piaghe che non cicatrizzano

Quando le cellule godono di buona salute e non presentano alterazioni, sono in grado di rigenerare in poco tempo il derma da lesioni o piaghe.

Accade il contrario quando presentano alterazioni o diventano maligne, poiché la cicatrizzazione si riduce e difficilmente le lesioni si rimarginano del tutto.       

Se notate ferite e piaghe che non guariscono per molto tempo, potrebbe trattarsi di un sintomo di allerta del tumore della pelle.

4. Pigmenti delle macchie che si propagano

La comparsa di macchie sulla pelle può verificarsi a causa di molteplici fattori esterni ed interni. Tuttavia, il modo in cui si sviluppano potrebbe risultare determinante per comprendere se sono relazionate con questo tumore.

Ad esempio, quando i pigmenti dei bordi di una macchia si propagano nella pelle circostante, è importante controllare se si tratta di un’alterazione dell’attività cellulare.

5. Infiammazione ed arrossamento

La presenza di cellule maligne causa una reazione infiammatoria che può divenire evidente nei nei e in altre zone della pelle.

Questa si presenta in genere oltre il bordo dei nei ed è accompagnata da arrossamenti e sintomi simili a quelli delle comuni irritazioni. Ciò nonostante, a differenza di quest’ultime, si tratta di un fastidio persistente che, invece di migliorare, peggiora con il passare dei giorni.

6. Sensibilità e dolore

I cambiamenti nella sensibilità possono verificarsi in caso di tumore della pelle, anche se possono essere relazionati ad altri disturbi.

Il prurito ricorrente, il dolore al tatto e l’irritazione possono mettere in allerta rispetto ad un anormale sviluppo delle cellule, che dev’essere valutato.

Se notate uno qualsiasi dei sintomi appena menzionati, consultate subito il medico per comprendere se sono relazionati a questa malattia.

Ricordate che il tempo è fondamentale per ricevere un trattamento opportuno ed efficace. 

Guarda anche