Stai consumando troppe fibre? 5 segni

Stitichezza, gonfiore, aumento di peso: come per ogni eccesso, consumare troppe fibre può essere negativo per il nostro corpo.
Stai consumando troppe fibre? 5 segni

Ultimo aggiornamento: 06 gennaio, 2022

È noto che il consumo di fibre è essenziale per godere di una buona salute e per prevenire la stitichezza, ma esiste una situazione opposta? Vale a dire, si può arrivare a consumare troppe fibre? Sembrerebbe una domanda priva di senso, in realtà non lo è affatto.

Come per ogni eccesso, assumere fibre in modo esagerato può essere negativo per il nostro corpo, sebbene le conseguenze siano meno note.

Cosa significa “troppe fibre”?

Il consumo di fibre è benefico per la salute, poiché ci aiuta a mantenere la biodiversità del microbiota e una buona salute intestinale, oltre a prevenire malattie come il diabete di tipo 2.

La dose raccomandata è di 27-40 grammi al giorno. Nonostante molte persone siano al di sotto di questa quantità minima necessaria, c’è chi la supera. Ma anche un eccesso può portare a conseguenze negative.

Consumare più di 70 grammi al giorno di fibre è da considerare eccessivo.

Segnali di un consumo eccessivo di fibre

Per sapere se stai assumendo troppe fibre, prova a pensare al tipo di cibo che mangi. Quante volte alla settimana lo mangi?

A questo proposito, è importante prestare attenzione ai seguenti segni.

1. Gas e gonfiore

Mangiare troppe fibre può portare a gas e gonfiore addominale.

Mangiare una giusta quantità di fibre aiuta a eliminare i gas e ridurre il gonfiore. Ma anche un consumo eccessivo porta gli stessi sintomi.

Se hai recentemente cominciato una dieta più sana, potresti inizialmente imbatterti in questi problemi. Ma con il tempo dovrebbero scomparire. Tuttavia, se il malessere non si risolve, devi analizzare ciò che stai mangiando e consultare il medico.

Il corpo ha bisogno di moderazione e varietà nei cibi che mangi. Concentrarsi su un solo gruppo può essere dannoso. È sbagliato pensare che un eccesso di fibre compensi un’alimentazione sbilanciata.

Ti consigliamo di leggere anche: Combattere la flatulenza con 5 rimedi naturali

2. Feci molli e diarrea

Donna in bagno.

Un altro sintomo è la presenza di feci molli e diarrea. Questi segni compaiono perché il cibo non sosta abbastanza a lungo nel tratto digestivo.

Ricorda che il cibo deve seguire un preciso processo di scomposizione nello stomaco. Solo se permane il tempo necessario sarà possibile:

  • L’eliminazione delle tossine: perché il corpo riuscirà a separare i nutrienti dagli scarti.
  • Il corretto assorbimento dei nutrienti. Il tuo intestino ha bisogno di tempo per assorbire tutti i nutrienti forniti dal cibo. Consumare troppe fibre può causare la perdita di molti di questi nutrienti durante il processo.

I pasti devono essere equilibrati. Ciò significa includere proteine, fibre e carboidrati. Ogni alimento ha bisogno del suo tempo di digestione per essere utilizzato correttamente. La funzione della fibra è eliminare ciò che non serve senza rischi e senza fastidi.

Potrebbe interessarti anche: Probiotici per migliorare la digestione

3. Stipsi

Può essere difficile da credere, ma consumare troppe fibre può portare alla stitichezza. Questo perché una quantità eccessiva di fibra nello stomaco può ostruire il tratto digestivo.

Questo problema è molto comune se la fibra non è accompagnata da una quantità sufficiente di acqua. Per questo motivo si consiglia un apporto medio di acqua compreso tra 2 e 2.5 litri al giorno.

Assicurati che la fibra che mangi provenga da pane integrale, frutta o verdura. L’acqua deve essere naturale, senza zuccheri o additivi.

4. Disidratazione

Bere acqua.

Come abbiamo detto, un consumo insufficiente di acqua può portare alla stitichezza. Tuttavia, anche se non hai questo sintomo, un eccesso di fibra si farà notare attraverso i segni della disidratazione. Questo perché il tuo corpo ha bisogno di acqua per elaborare le fibre.

Se non assumi la quantità necessaria di acqua, verranno intaccate le riserve. Sentirai probabilmente molta sete e la pelle apparirà secca. Un modo per capire se sei disidratato è valutare la sete.

Evita le bibite e cerca sempre di bere acqua o, se proprio non riesci a berla, opta per succhi di frutta naturali, senza zuccheri aggiunti o dolcificanti.

5. Aumento di peso

Forse stai mangiando troppe fibre con l’intenzione di perdere peso. Tuttavia, se lo fai nel modo sbagliato, otterrai l’effetto opposto. Affinché la fibra ti aiuti a perdere peso, deve accelerare il metabolismo. Questo accade solo quando non ci sono eccessi, poiché questi possono impedire lo svuotamento dell’intestino.

Una cattiva strategia, ad esempio, è mangiare un’abbondante ciotola di cereali ricchi di fibre prima di andare a letto. L’attività fisica sarà nulla di notte e l’apparato digerente non digerirà correttamente questo spuntino.

Se, invece, il tuo attuale consumo di fibre è vicino allo zero, procedi lentamente. La prima settimana puoi consumare 10 grammi di fibra ogni giorno. La seconda settimana puoi aumentare a 15 grammi. Entro la terza settimana, 20 grammi saranno adeguati. In questo modo, il corpo si adatterà alla fibra e lavorerà con essa a beneficio della salute.

Un corretto consumo di fibre, scegliendo tra quelle giuste

Cereali con fibre

Molte persone comprano, per la colazione, i cereali in scatola. Il problema è che contengono troppi conservanti e zuccheri aggiunti che non sono salutari. Invece, cibi come fagioli, broccoli, pane integrale e papaia sono fonti naturali di fibre.

La regola generale è, quindi, seguire una dieta equilibrata e bere abbastanza acqua. Con questi due consigli e aggiungendo un po’ di sport, sarai in grado di mantenere un peso sano in modo naturale e facile.

This might interest you...
Mangiare troppe fibre: cosa succede?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Mangiare troppe fibre: cosa succede?

Mangiare troppe fibre alimentari può portare ad alcune complicazioni nell'organismo, anche seè un nutriente quasi sempre salutare.



  • Álvarez Escudero, E., González Sánchez, P. (2006). La fibra dietética. http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0212-16112006000500007
  • Escudero Álvarez y P. González Sánchez (2006). La fibra dietética. Nutr. Hosp. 21 (Supl. 2) 61-72.
  • Rubio, M. A. (2002). Implicaciones de la fibra en distintas patologías. Nutr. Hosp. XVII (Sup. 2) 17-29.
  • Ruiz-Roso B.; Pérez-Olleros L. (2010). Avance de resultados sobre consumo de fibra en España y beneficios asociados a la ingesta de fibra insoluble. Revista Española de Nutrición Comunitaria. 16(3): 147-153.
  • VV.AA (2011). Importancia del agua en la hidratación de la población española: documento FESNAD 2010. http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0212-16112011000100003