Tè Chai: il tè speziato con proprietà positive per la salute

Il tè Chai è una bevanda speziata di origine indiana con alcune proprietà per la salute. Ecco quali benefici può offrire e come prepararlo.
Tè Chai: il tè speziato con proprietà positive per la salute
Maria Patricia Pinero Corredor

Scritto e verificato da la nutrizionista Maria Patricia Pinero Corredor.

Ultimo aggiornamento: 26 maggio, 2022

Il tè Chai, originario dell’India, è una miscela di tè, erbe e spezie. In realtà, il suo nome è ridondante, poiché la parola hindi chai si traduce con “tè”. Tuttavia, è un termine popolare in tutto il mondo, sebbene sia anche conosciuto come masala chai, che significa “tè speziato”.

Per prepararlo, si uniscono alcune spezie al tè nero e al latte. Può variare a seconda delle spezie usate, ma alcuni ingredienti sono fissi. Il risultato è sempre un sapore dolce e aromatico.

Si pensa che sia stato inventato più di 2.500 anni fa per sfruttare le sue proprietà curative. Da allora, fa parte della medicina tradizionale cinese e della medicina olistica indiana o ayurvedica.

Origine e consumo del tè chai

L’origine del tè chai è antica. La sua ricetta originale si ispira a una formula chiamata masala, che in hindi significa “spezie. Fu creata, secondo la tradizione, più di 2.500 anni fa da un re indiano per ristabilire l’equilibrio tra mente, corpo e spirito.

A quel tempo, il tè chai era composto solo da spezie usate per alleviare disturbi minori. Alcuni secoli dopo, quando gli inglesi portarono le foglie di tè nero in India, questa cominciarono a essere aggiunte al tè chai. Nel corso del tempo, sono state anche realizzate versioni con tè verde e foglie di tè oolong.

Il boom commerciale del tè chai è iniziato nel XX secolo in India. Oggi è venduto quasi ovunque.

La ricetta classica è preparata con tè nero, acqua calda e l’aggiunta di spezie come zenzero, cannella, chiodi di garofano. Tuttavia, si può anche aggiungere del latte tiepido o mescolato con acqua.

Altre spezie includono cardamomo, pepe nero, finocchio, noce moscata e anice stellato. Si può anche abbinare al cioccolato. Pepe e zenzero gli danno una sensazione speziata, mentre cannella e chiodi di garofano gli danno una nota terrosa.

Pepe nero per il tè chai.
Il pepe nero conferisce al tè chai una nota speziata e piccante.

Possibili benefici del tè chai

Il tè, come l’acqua, è la bevanda più economica consumata dagli esseri umani. Bere tè è considerato un’abitudine salutare fin dai tempi antichi. Oggi, la ricerca sta cercando una base scientifica per questa convinzione.

È una fonte di antiossidanti

Il tè Chai potrebbe contenere una buona quantità di antiossidanti che neutralizzano i radicali liberi, grazie alla presenza di polifenoli nei suoi ingredienti. Alcune ricerche considerano il tè verde una fonte di catechine e teaflavine con attività antiossidante.

Anche la cannella, il cardamomo e i chiodi di garofano sono ricchi di queste sostanze. Alcuni autori menzionano la presenza di acido cinnaminco e cinnamato nella corteccia della cannella.

Può migliorare la digestione

Bere tè chai per alleviare i disturbi della digestione può essere una buona scelta. Ad esempio, lo zenzero aiuta ad alleviare la nausea, soprattutto durante la gravidanza. Altre spezie possono migliorare il processo digestivo.

Cardamomo, chiodi di garofano e cannella hanno tutti proprietà antibatteriche, quindi possono prevenire gravi infezioni gastrointestinali e aiutare il sistema digestivo a funzionare meglio.

Uno studio condotto sugli animali ha concluso che il pepe nero stimola in modo positivo gli enzimi digestivi se consumato in dosi cinque volti più alte del solito. Ma queste quantità non sono presenti nel tè chai e sono necessari ulteriori studi sull’uomo.

Favorisce la salute del cuore

È provato che gli ingredienti del tè chai aiutano a migliorare la salute del cuore. Uno di questi è la cannella. Alcuni studi hanno rilevato che l’assunzione di 1,3-6 grammi al giorno riduce il colesterolo totale del 26%, il colesterolo LDL o cattivo del 27% e i trigliceridi del 30%.

Tuttavia, come avviene per il pepe, le quantità di cannella necessarie a dare questo effetto sono superiori a quelle presenti nel tè chai. Sebbene una ricerca affermi che 120 milligrammi di cannella al giorno potrebbero essere sufficienti.

Il tè nero è stato testato su persone sane, sovrappeso e obese per valutare il suo effetto sui fattori di rischio cardiovascolare. È stata riscontrata una diminuzione del colesterolo totale e del colesterolo LDL, mentre il colesterolo buono o HDL non è cambiato.

Un gruppo di ricercatori è giunto alla conclusione che bere 4 o più tazze di tè nero al giorno può abbassare i livelli di pressione sanguigna. Mentre l’assunzione di 3 tazze potrebbe ridurre il rischio di malattie cardiache dell’11%.

Il tè nero contiene il 6% di polifenoli di catechina e il 12-18% di tearubigine. Questi principi attivi partecipano alla prevenzione delle malattie cardiovascolari e alla difesa generale della salute.

Può controllare il livello di zucchero nel sangue

Le spezie e il tè nero presenti nel tè chai possono aiutare a controllare i livelli di zucchero nel sangue. Un gruppo di ricercatori è giunto alla conclusione che il tè nero fa bene ai pazienti diabetici, poiché è una bevanda non zuccherata che migliora la risposta all’insulina.

Un altro studio ha scoperto che il tè nero può migliorare i livelli postprandiali di zucchero nel sangue in adulti sani e prediabetici. D’altra parte, altri studi riconoscono la capacità della cannella di migliorare la glicemia nei diabetici di tipo 2.

Un gruppo di medici ha concluso che la cannella è in grado di ridurre la resistenza all’insulina e la glicemia a digiuno tra il 10 e il 29%. Altri hanno registrato come la cannella abbia abbassato del 10% i livelli di zucchero nel sangue a digiuno nel diabete di tipo 2 scarsamente controllato.

Un’altra spezia considerata benefica per il diabete di tipo 2 è lo zenzero. Si è scoperto che il consumo di 2 grammi di zenzero nei pazienti diabetici di tipo 2 può essere in grado di migliorare la glicemia a digiuno.

Per ottenere gli effetti dimostrati in questi studi, è necessario consumare da 1 a 6 grammi di zenzero e cannella. Tuttavia una bustina di tè Chai ne fornisce meno del necessario.

Può agire come antinfiammatorio

Il tè Chai contiene alcune sostanze ad attività antinfiammatoria. In uno studio sperimentale sul tè nero, si è riscontrato un marcato effetto antinfiammatorio grazie alla presenza di flavonoidi. Questo potrebbe aiutare ad alleviare il dolore muscolare e cronico.

Allo zenzero viene attribuita la capacità di ridurre l’infiammazione. Uno studio ha dimostrato che l’olio essenziale e i componenti della resina dello zenzero sono coinvolti nelle vie metaboliche che vengono attivate durante l’infiammazione cronica.

D’altra parte, anche la cannella aiuta a ridurre l’infiammazione cronica e a prevenire il dolore. I componenti antinfiammatori più potenti della cannella sono la cinnamaldeide e la metossi-cinnamaldeide.

Aiuta a prevenire l’aumento di peso

Nel corso di uno studio controllato è stato scoperto che bere tre tazze di tè nero al giorno può inibire l’aumento di peso e ridurre l’aumento del grasso addominale. Tuttavia, sembra che questo effetto funzioni solo a breve termine.

Se siete amanti del tè chai, dovete stare attenti a non usare zucchero di alcun tipo. Alcune marche ne aggiungono quantità che annullano l’effetto descritto nella ricerca.

Ricette per il tè Chai

Ci sono diverse formulazioni di tè chai:

  • Masala chai: è la ricetta tradizionale e include tè nero, zenzero, chiodi di garofano e cannella. Potete aggiungere un po’ di latte caldo e miele come dolcificante. Se vi piace il piccante, al posto del latte aggiungete acqua tiepida.
  • Rooibos chai: è un mix di spezie variegato che accompagna il chai. Ad esempio, può contenere zenzero, coriandolo, pepe, cardamomo e cannella. Per ottenere un tè chai senza caffeina, il tè nero viene sostituito dal rooibos, un infuso rosso sudafricano.
  • Invernale: questo tipo di tè chai include fette di mela e arancia. Le spezie sono chiodi di garofano, cannella, cardamomo e pepe rosa. È speziato e fruttato.
Arancia per il tè chai.

Preparare il tè chai in casa

Il tè chai tradizionale è molto facile da preparare in casa. È meglio procurarsi delle spezie fresche da macinare sul momento e utilizzare latte intero perché dà più sapore.

Ingredienti

  • Cannella.
  • Chiodo di garofano.
  • 1/2 bicchiere d’acqua
  • 1 bustina di tè nero.
  • 1/2 tazza di latte caldo.
  • Miele, dolcificante o zucchero.
  • 1 pizzico di zenzero macinato o grattugiato.

Preparazione

  1. Riducete in polvere il chiodo di garofano.
  2. Aggiungete le spezie ad un pentolino contenente acqua e mettete a scaldare.
  3. Quando l’acqua bolle, abbassate la fiamma e lasciate cuocere per altri 10 minuti.
  4. Riducete ancora la fiamma e aggiungete la bustina di tè nero, il latte intero o il tipo di latte che preferite.
  5. Coprite il pentolino e lasciate ancora bollire per 5 minuti.
  6. Filtrate prima di servire e addolcite a piacere.
  7. Servite caldo.

Il tè Chai è una miscela interessante di spezie i cui componenti bioattivi sono stati individuati come salutari. Può aiutare a perdere peso, mantenere il cuore sano e controllare il diabete di tipo 2. È un tè antico, aromatico e speziato: più gli ingredienti sono di qualità, più sano sarà.

Potrebbe interessarti ...
Bere tè verde e tè nero riduce il rischio di ictus
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Bere tè verde e tè nero riduce il rischio di ictus

Oggi vi invitiamo a scoprire tutto quello che possono fare per la vostra salute il tè verde e il tè nero: sono preziosi anche nel prevenire l'ictus...



  • Philip Lutgendorf. Making tea in India: Chai, capitalism, culture. December 2012. Thesis Eleven 113(1):11-31. Disponible en: https://www.researchgate.net/publication/274463295_Making_tea_in_India_Chai_capitalism_culture
  • Khan N, Mukhtar H. Tea and health: studies in humans. Curr Pharm Des. 2013;19(34):6141-6147. doi:10.2174/1381612811319340008
  • Valenzuela B. Alfonso. EL CONSUMO TE Y LA SALUD: CARACTERÍSTICAS Y PROPIEDADES BENEFICAS DE ESTA BEBIDA MILENARIA. Rev. chil. nutr.  [Internet]. 2004  Ago [citado  2021  Nov  16] ;  31( 2 ): 72-82. Disponible en: http://www.scielo.cl/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0717-75182004000200001&lng=es.  http://dx.doi.org/10.4067/S0717-75182004000200001.
  • Peluso I, Serafini M. Antioxidants from black and green tea: from dietary modulation of oxidative stress to pharmacological mechanisms. Br J Pharmacol. 2017;174(11):1195-1208. doi:10.1111/bph.13649
  • Rao PV, Gan SH. Cinnamon: a multifaceted medicinal plant. Evid Based Complement Alternat Med. 2014;2014:642942. doi:10.1155/2014/642942
  • Viljoen E, Visser J, Koen N, Musekiwa A. A systematic review and meta-analysis of the effect and safety of ginger in the treatment of pregnancy-associated nausea and vomiting. Nutr J. 2014;13:20. Published 2014 Mar 19. doi:10.1186/1475-2891-13-20
  • Ooi, L. S. M., Li, Y., Kam, S.-L., Wang, H., Wong, E. Y. L., & Ooi, V. E. C. (2006). Antimicrobial activities of cinnamon oil and cinnamaldehyde from the Chinese medicinal herb Cinnamomum cassia Blume. The American Journal of Chinese Medicine, 34(3), 511–522.
  • Akrayi, H.F. (2012). Antibacterial Effect of Seed Extracts of Cardamom (Elettaria cardamomum) against Staphylococcus aureus and Proteus mirabilis. Tikrit Journal of Pure Science, 17, 14-18.
  • Ajiboye, T.O., Mohammed, A.O., Bello, S.A., Yusuf, I.I., Ibitoye, O.B., Muritala, H.F., & Onajobi, I. (2016). Antibacterial activity of Syzygium aromaticum seed: Studies on oxidative stress biomarkers and membrane permeability. Microbial pathogenesis, 95, 208-215 .
  • Srinivasan, K. (2007). Black Pepper and its Pungent Principle-Piperine: A Review of Diverse Physiological Effects. Critical Reviews in Food Science and Nutrition, 47, 735 – 748.
  • Allen, R., Schwartzman, E., Baker, W.L., Coleman, C.I., & Phung, O.J. (2013). Cinnamon Use in Type 2 Diabetes: An Updated Systematic Review and Meta-Analysis. The Annals of Family Medicine, 11, 452 – 459.
  • U, R., Yang, K., Li, S. et al. Effect of green tea consumption on blood lipids: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Nutr J 19, 48 (2020). https://doi.org/10.1186/s12937-020-00557-5.
  • Gardner, E.J., Ruxton, C.H., & Leeds, A.R. (2007). Black tea – helpful or harmful? A review of the evidence. European Journal of Clinical Nutrition, 61, 3-18.
  • Stangl V, Lorenz M, Stangl K. The role of tea and tea flavonoids in cardiovascular health. Mol Nutr Food Res. 2006;50:218–28.
  • Jing Y, Han G, Hu Y, Bi Y, Li L, Zhu D. Tea consumption and risk of Type 2 diabetes:A meta-analysis of cohort studies. J Gen Intern Med. 2009;24:557–62
  • Anderson RA, Polansky MM. Tea enhances insulin activity. J Agric Food Chem. 2002;50:7182–6
  • Butacnum A, Chongsuwat R, Bumrungpert A. Black tea consumption improves postprandial glycemic control in normal and pre-diabetic subjects:A randomized, double-blind, placebo-controlled crossover study. Asia Pac J Clin Nutr. 2017;26:59–64
  • Qin B, Panickar KS, Anderson RA. Cinnamon: potential role in the prevention of insulin resistance, metabolic syndrome, and type 2 diabetes. J Diabetes Sci Technol. 2010;4(3):685-693. Published 2010 May 1. doi:10.1177/193229681000400324
  • Mang, B., Wolters, M., Schmitt, B., Kelb, K., Lichtinghagen, R., Stichtenoth, D.O., & Hahn, A. (2006). Effects of a cinnamon extract on plasma glucose, HbA1c, and serum lipids in diabetes mellitus type 2. European Journal of Clinical Investigation, 36.
  • Khandouzi N, Shidfar F, Rajab A, Rahideh T, Hosseini P, Mir Taheri M. The effects of ginger on fasting blood sugar, hemoglobin a1c, apolipoprotein B, apolipoprotein a-I and malondialdehyde in type 2 diabetic patients. Iran J Pharm Res. 2015;14(1):131-140.
  • Chatterjee P, Chandra S, Dey P, Bhattacharya S. Evaluation of anti-inflammatory effects of green tea and black tea: A comparative in vitro study. J Adv Pharm Technol Res. 2012;3(2):136-138. doi:10.4103/2231-4040.97298
  • Grzanna, R., Lindmark, L., & Frondoza, C. G. (2005). Ginger – An herbal medicinal product with broad anti-inflammatory actions. Journal of Medicinal Food8(2), 125-132. https://doi.org/10.1089/jmf.2005.8.125
  • Gunawardena, D., Karunaweera, N., Lee, S., van der Kooy, F., Harman, D.G., Raju, R., Bennett, L.E., Gyengesi, E., Sucher, N.J., & Münch, G. (2015). Anti-inflammatory activity of cinnamon (C. zeylanicum and C. cassia) extracts – identification of E-cinnamaldehyde and o-methoxy cinnamaldehyde as the most potent bioactive compounds. Food & function, 6 3, 910-9 .
  • Bøhn, S.K., Croft, K.D., Burrows, S.A., Puddey, I.B., Mulder, T.P., Fuchs, D., Woodman, R.J., & Hodgson, J.M. (2014). Effects of black tea on body composition and metabolic outcomes related to cardiovascular disease risk: a randomized controlled trial. Food & function, 5 7, 1613-20.