Terapia di gruppo: come si svolge, vantaggi e svantaggi

La terapia di gruppo è una modalità efficace nel trattamento di numerosi disturbi psicologici. Come si svolge e quando è utile?
Terapia di gruppo: come si svolge, vantaggi e svantaggi
Montse Armero

Scritto e verificato da la psicologa Montse Armero.

Ultimo aggiornamento: 26 maggio, 2022

La terapia di gruppo è un trattamento diventato popolare per la sua efficacia. Si tratta di lavorare in modo collettivo con una serie di tecniche psicoterapeutiche. Come la terapia individuale, fornisce ai partecipanti strategie, risorse cognitive ed emotive e li segue nel processo di miglioramento o cambiamento.

Questo modello terapeutico nacque più di un secolo fa, per mano dell’internista Joseph Pratt, che stava svolgendo un lavoro psicoeducativo sulla tubercolosi. Tuttavia, la psicoterapia di gruppo divenne popolare solo decenni dopo, grazie a terapeuti come Jakob Levy Moreno, fondatore dello psicodramma, e lo psicoanalista Horst-Eberhard Richter.

Oggi, la terapia di gruppo è un trattamento consolidato e utilizzato sia in psicologia che in psichiatria. La sua efficacia è stata dimostrata e i suoi benefici sono vari.

Che cos’è la terapia di gruppo?

La terapia di gruppo è caratterizzata dall’essere composta da uno o al massimo due terapisti e da un piccolo gruppo di pazienti che solitamente si siedono in cerchio. Le sue dinamiche sono abbastanza lontane dalla terapia individuale. Sebbene entrambe condividano l’esposizione di problemi personali, trovarsi in un gruppo offre più sfumature.

Spesso, il terapeuta inizia la sessione ricapitolando l’incontro precedente, introducendo un argomento o commentando qualcosa che è successo che riguarda i membri del gruppo. Quindi, guida uno dei partecipanti a spiegare la sua situazione attuale. Il gruppo ascolta e alla fine dà un feedback.

A seconda di come si sviluppa la seduta, il terapeuta proporrà alcune attività. Possono essere, ad esempio, dinamiche di accettazione, esercizi di gioco di ruolo o la pratica di tecniche di coesione di gruppo.

Lo schema è solitamente abbastanza flessibile; così, in alcune sessioni si parla di più e in altre si fanno più esercizi. In genere la durata varia da un’ora e mezza a due ore, e la periodicità può essere settimanale, bisettimanale o mensile.

Terapia di gruppo
Nella terapia di gruppo, viene creata una rete di supporto tra i partecipanti che condividono la loro situazione personale.

Caratteristiche della terapia di gruppo

I gruppi terapeutici differiscono dalla terapia individuale per una serie di caratteristiche. All’inizio, la relazione tra i partecipanti assume grande rilievo. Il paziente non solo si impegna a cambiare per motivi personali, ma anche perché fa parte di un gruppo che si muove verso il cambiamento.

Il paziente all’interno del gruppo si sente supportato e non giudicato, poiché i membri si sostengono a vicenda. Questa coesione gli fornisce una forte motivazione e aumenta il suo impegno e la sua partecipazione al gruppo.

Inoltre, lo scenario di gruppo diventa esso stesso una strategia terapeutica in quanto i partecipanti danno e ricevono feedback. Tutto ciò rafforza la loro sicurezza, poiché è molto gratificante contribuire con idee o esperienze di vita e pensare che queste siano utili ad altre persone.

Tra l’altro, va detto che i membri di un gruppo terapeutico possono avere alcune caratteristiche in comune, ma non è sempre così. Alcuni gruppi sono eterogenei e formati da persone di età, personalità, origini e problematiche diverse.

Requisiti per partecipare a un gruppo terapeutico

La maggior parte delle persone può partecipare a questo tipo di trattamento. Tuttavia, l’ideale è che sia il terapeuta a valutare se, in virtù delle caratteristiche e della situazione personale, sia un buon momento far lavorare il paziente in un gruppo.

Naturalmente per partecipare alle sessioni è richiesto il rispetto di una serie di requisiti che favoriscano una buona dinamica. Tra questi:

  • Motivazione a entrare nel gruppo di lavoro.
  • Obiettivi simili al resto dei partecipanti.
  • Impegno a partecipare alle sessioni.
  • Puntualità.
  • Voglia di partecipare alle dinamiche.
  • Atteggiamento rispettoso verso le opinioni altrui: non si è nel gruppo per giudicare nessuno.
  • Riservatezza. Il partecipante accetta di non raccontare a nessuno cosa succede nelle sessioni.

Quali difficoltà vengono trattate nella terapia di gruppo?

Il trattamento di gruppo si applica con successo nella maggior parte dei disturbi psicologici o nelle difficoltà emotive più specifiche. Sono quindi noti gruppi terapeutici per le dipendenze da alcol o gruppi che lavorano sui disturbi alimentari, come l’anoressia e la bulimia.

Frequenti sono anche i programmi orientati alle seguenti condizioni:

  • Disturbo bipolare o schizofrenia.
  • Ansia e depressione.
  • Disturbo della personalità.
  • Gestione del lutto.
  • Situazioni a rischio suicidio.
  • Necessità di promuovere le proprie abilità sociali.

Allo stesso modo, i programmi di psicoterapia possono essere stabiliti su base ambulatoriale, in day hospital o gruppi di ricovero ospedaliero.

Svantaggi della terapia di gruppo

Sebbene la terapia di gruppo sia uno strumento molto efficace, non tutti si sentono a proprio agio. Alcuni degli aspetti negativi più avvertiti sono:

  • Sensazione di non appartenenza quando si entra in un gruppo già formato.
  • Frustrazione quando si osserva che alcuni compagni avanzano più velocemente.
  • Scarso coinvolgimento quando si affrontano questioni che non interessano il paziente.
  • Disinteresse per certe dinamiche.
  • Indifferenza verso il feedback di alcune persone.
  • Sensazione di esclusione se non si entra in sintonia con alcuni partecipanti.

Altri inconvenienti che possono sorgere quando si lavora in gruppo è che alcuni pazienti monopolizzino l’attenzione o che il loro impegno nel gruppo sia irregolare.

In questo caso, il terapeuta deve essere sufficientemente abile per gestire le dinamiche. Deve inoltre garantire che tutti i membri si sentano motivati e coinvolti verso il cambiamento.

Svantaggi della terapia di gruppo
Nonostante i benefici, la terapia di gruppo può avere alcuni inconvenienti, soprattutto se il paziente non si impegna abbastanza.

Considerazioni finali

La terapia di gruppo presenta vantaggi interessanti per un’ampia varietà di pazienti. È un tipo di trattamento che aiuta a non sentirsi soli di fronte ad un problema, sensazione di solito comune.

Il suo principale vantaggio è che è compatibile con altri trattamenti, siano essi individuali, di coppia o farmacologici. Tuttavia, ha lo svantaggio che non sempre il gruppo riesce ad adattarsi ed entrare in sintonia.

Ad ogni modo, al giorno d’oggi è possibile entrare a far parte di gruppi che lavorano online, il che rende facile trovare situazioni per ogni esigenza. In ogni caso, è un’opzione che non dovrebbe essere esclusa, poiché i suoi benefici sono piuttosto interessanti.

Potrebbe interessarti ...
Stigmi sociali nella salute mentale e consigli per superarli
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Stigmi sociali nella salute mentale e consigli per superarli

Gli stigmi sociali sono legati al possesso di una caratteristica o tratto personale su cui altre persone nutrono stereotipi e pregiudizi