6 modi di ridurre il sodio nella vostra dieta

· 29 marzo 2014

Anche se gli esperti di salute ancora non si sono messi d’accordo sulla quantità di sodio che una persona dovrebbe assumere attraverso la dieta, la verità è che la maggior parte di noi potrebbe sopravvivere consumando meno sale (la nostra maggiore fonte di sodio).

Togliere un po’ di sale dalla vostra dieta vi aiuterà a diminuire la pressione arteriosa e a mantenere il cuore, i reni e le ossa in perfetta salute. In questo articolo vi presenteremo i 6 modi più semplici di ridurre il sodio nella vostra dieta.

1. Mangiare in casa

I cibi dei ristoranti o delle catene di fast-food utilizzano alte quantità di sodio. Se volete ridurre il sale nella vostra dieta, l’ideale è cucinare in casa, in modo da poter misurare la quantità di sale che utilizzate. Un suggerimento: se fate fatica a cucinare tutte le sere, potete preparare una quantità un po’ maggiore di cibo (per esempio durante il weekend) e congelarla in porzioni singole, in modo da scongelarle quando sarà necessario.

2. Mangiate molta frutta e verdura

Se utilizzare poco sale vi sta dando dei problemi, provate ad aggiungere più frutta e verdura ai vostri pasti. Studi scientifici dimostrano che il consumo di alimenti ricchi di potassio aiuta a mitigare l’azione del sodio, attraverso la riduzione della pressione arteriosa e la dilatazione delle arterie. Se volete neutralizzare alcuni degli effetti negativi del sodio, mangiate alimenti ricchi di potassio come arance, banane, pomodori, albicocche secche, melone e fagioli.

3. Riducete il sale in modo graduale

Non c’è bisogno di dire addio al sale da un giorno all’altro: le piccole riduzioni di circa il 25% di sale passeranno più inosservate. Come accade con tutti i sapori, infatti, anche quello del sale è un gusto acquisito: quanto più ne consumiamo, più ci abituiamo a farlo.

4. Fate attenzione alle etichette dei cibi confezionati

L’ideale sarebbe eliminare pian piano gli alimenti altamente processati e scegliere quelli che hanno subito lavorazioni minime o quelli freschi. Se invece siete tra quelle persone che preferiscono i cibi processati, concentratevi sulle informazioni nutrizionali dell’etichetta per sapere quali alimenti hanno i livelli di sodio più bassi. Per migliorare i prodotti che mettete nel carrello, fate attenzione soprattutto alle etichette di quelli che comprate più spesso, come gallette o cracker, acqua, pane bianco, affettati e salame, formaggio, ecc.

5. Mangiate alcuni alimenti senza sale

Non è necessario rinunciare a tutti i prodotti salati per mantenere i livelli di sodio sotto controllo. Prendete in considerazione l’idea di utilizzare degli ingredienti senza sale quando preparate minestre, stufati o altri piatti caldi e aggiungete il sale quando il piatto sarà pronto, con moderazione. Anche le verdure surgelate sono semplici da preparare e vengono vendute senza sale, così come i fagioli secchi, i ceci e le verdure in scatola senza aggiunta di sale.

6. Utilizzate erbe fresche e spezie

Il sale è un ottimo potenziatore del sapore, ma gli alimenti salati non sono per forza i più saporiti. Invece di lasciare che sia il sale a predominare nei vostri piatti, provate a condire i cibi con spezie ed erbe fresche. Il curry, il peperoncino, il timo, l’aglio o la cipolla possono aiutarvi a migliorare il sapore dei vostri alimenti.

Immagine per gentile concessione di Markus.

Guarda anche