Allenare i muscoli in eccesso, quali conseguenze porta?

· 29 Dicembre 2018
Anche se fare esercizio è molto importante per la nostra salute, allenare i muscoli in eccesso può essere controproducente e sfociare in problemi gravi se non si riposa a sufficienza.

Quando includiamo l’esercizio fisico nella nostra routine notiamo grandi risultati per la nostra salute fisica, mentale ed emotiva. Ma se esageriamo con l’intensità dello sforzo rischiamo di mettere a repentaglio la nostra integrità. Quali sono le conseguenze dell’allenare i muscoli in eccesso?

La quantità e il tipo di esercizio varia sempre a seconda delle circostanze e delle capacità di ognuno, e dipende dall’età, dallo stile di vita o eventuali malattie.

In questo senso, l’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) raccomanda che gli adulti (dai 18 anni) pratichino almeno 150 minuti di attività fisica aerobica la settimana, di intensità moderata.

Altrimenti, è possibile eseguire 75 minuti di allenamento intensivo ogni settimana, per rinforzare i maggiori gruppi muscolari.

Andiamo ad analizzare le conseguenze dell’allenare i muscoli in eccesso. 

Allenare i muscoli in eccesso: quali conseguenze?

Allenare i muscoli in eccesso

I muscoli sono un tessuto contraibile e morbido che permette il movimento e la stabilità.

Danno struttura alle ossa e alle articolazioni del corpo. Ovviamente hanno diverse misure e dimensioni e rappresentano circa la metà del nostro peso.

La conseguenza di allenare i muscoli in eccesso è che il corpo viene pervaso dei cosiddetti dolori muscolari tardivi.

Sono provocati dalla contrazione dei muscoli (fase eccentrica). Spesso interessa le persone che non sono allenate o quando si intensifica notevolmente il tenore degli esercizi negli sportivi già abituati.

Non perdetevi: Alimentazione post allenamento: cosa mangiare?

A cosa si deve questo dolore muscolare?

Le contrazioni eccentriche si producono quando il muscolo si contrae, allo stesso tempo in cui si stende.

Un esempio chiaro di questo fenomeno è quello che succede quando una persona è abituata a correre, e decide di affrontare una pendenza a velocità sostenuta.

Il giorno dopo avvertirà dolore muscolare, dal momento che il corpo è abituato ad affrontare superfici piane.

Questi dolori sono causati da micro-strappi muscolari. Appaiono quando si esercita una resistenza maggiore sul muscolo stirandolo e contraendolo in eccesso durante l’allenamento.

Sforzando eccessivamente i muscoli si possono provocare lesioni, vere e proprie rotture o persino slogature.

Per questo motivo è necessario raggiungere la giusta armonia tra l’intensità degli esercizi. È importante fare in modo che il proprio allenamento sia sicuro per la propria integrità fisica.

Raccomandazioni per evitare il dolore muscolare

1. Non ignorate il dolore

Riducete l’intensità del vostro allenamento. Solo così sarete certi che il muscolo si recuperi e non sia esposto a nuove lesioni.

  • Se non rallentate il ritmo, i legamenti e le articolazioni non riposeranno abbastanza. In questo modo aumenta il rischio di soffrire di fratture e strappi

2. Alleviate il dolore e riposate

Fate un bagno con acqua calda o godetevi una sauna che aiuti a calmare i dolori muscolari e a rilassarli. Inoltre, il calore aiuta a far disperdere i liquidi ed elimina le tossine, mentre si liberano le endorfine

3. Freddo e calore

Prima di iniziare l’attività fisica, mettete una garza fredda nell’area interessata dal dolore muscolare.

Quindi, una volta terminato l’allenamento potete usare gel o creme con ingredienti lenitivi che saranno di grande aiuto per riprendersi dal fastidio.

Scoprite: Terza età: 4 tipi di allenamento importanti

4. Routine di riscaldamento

Oltre a evitare di allenare i muscoli in eccesso, per essere certi di alleviare i dolori muscolari seguite una routine di riscaldamento prima di iniziare i vostri esercizi. Anche quando terminate fate stretching per rilassare i muscoli.

Quando eseguite una routine di esercizi, incrementate poco a poco la loro intensità. È importante che vi alleniate con costanza.

In questo modo saranno poche le occasioni in cui potrete soffrire di dolore muscolare. È molto importante dare al corpo il tempo necessario perché risponda alle nuove esigenze.

Le persone che realizzano un allenamento fisico in maniera costante hanno minori possibilità di soffrire di malattie non trasmissibili che rappresentano il 70% delle cause di morte a livello mondiale. Tra queste troviamo:

  • Cancro
  • Diabete
  • Osteoporosi
  • Alzheimer
  • Insufficienza renale cronica
  • Malattie cardiovascolari
  • Demenza senile, tra le altre
  • Prendetevi cura di voi stessi
Accessori per allenamento

Se desiderate godere di una migliore qualità fisica, emotiva e mentale, ricordate che è imprescindibile amare, prendersi cura e rispettare il proprio corpo. Tutto nella maniera più sana e sicura possibile.

Non esigete al vostro corpo più di quello che può dare. Ogni eccesso procura dei danni: stabilite un programma di allenamento viario e completo. È importante che duri almeno mezzora al giorno e che si adatti alla vostra condizione fisica.

In questo modo riuscirete a incrementare gradualmente l’intensità dei vostri esercizi. Potrete quindi raggiungere gli obiettivi che vi siete prefissati. In più, farete in modo che la forza, il tono, l’ossigenazione, la flessibilità e il volume dei vostri muscoli cresca. Lo stesso faranno i vostri legamenti e i tendini.

Esercitare il corpo non migliora solo l’aspetto in generale, ma ne beneficia anche la postura.

Potrete contare su maggiore energia per portare a termine tutte le vostre attività di ogni giorno. E tutto questo senza allenare i muscoli in eccesso.

Artykuł na podstawie:

  • Donatelli R. (2011). Przeciążenia oraz uszkodzenia mięśni. [w:] Rehabilitacja w sporcie.
  • Mosteiro-Muñoz, F., & Domínguez, R. (2017). Efectos del entrenamiento con sobrecargas isoinerciales sobre la función muscular. Revista Internacional de Medicina y Ciencias de la Actividad Fisica y del Deporte.
  • Muñoz Ch., Sara. (2002). LESIONES MUSCULARES DEPORTIVAS: DIAGNOSTICO POR IMAGENES. Revista chilena de radiología8(3), 127-132. [online:] https://dx.doi.org/10.4067/S0717-93082002000300006
  • Verdugo P., Marco Antonio. (2004). CLASIFICACION ULTRASONOGRAFICA DE LOS DESGARROS MUSCULARES. Revista chilena de radiología10(2), 53-57. [online:] https://dx.doi.org/10.4067/S0717-93082004000200004