Aporofobia: il rifiuto e il disprezzo per i poveri

Perché alcune nazioni rifiutano gli immigrati? Perché sono stranieri o perché sono poveri? C'è chi sostiene che questa avversione è causata dalla loro condizione di povertà.
Aporofobia: il rifiuto e il disprezzo per i poveri
Maria Alejandra Morgado Cusati

Scritto e verificato da la filosofa Maria Alejandra Morgado Cusati.

Ultimo aggiornamento: 13 dicembre, 2022

Aporofobia è un neologismo formato dalla congiunzione di due termini greci: aporos (senza risorse) e phobos (paura). Significa odio, paura, disgusto o ostilità verso i poveri, i senza risorse o gli indifesi.

La prima ad utilizzare e diffondere questo nuovo concetto è stata la filosofa e professoressa dell’Università di Valencia, Adela Cortina, negli anni 90. Il suo obiettivo era quello di differenziare questo atteggiamento da altre manifestazioni discriminatorie, come la xenofobia o il razzismo. In questo senso, Cortina difende che atti di xenofobia, razzismo, rifiuto di immigrati o profughi, sono in realtà manifestazioni di un’avversione che non avviene per la loro condizione di stranieri, ma per il semplice fatto di essere poveri.

Come si manifesta l’aporofobia?

Nella vita di tutti i giorni, l’aporofobia si manifesta con un atteggiamento duale: la tendenza a schierarsi con i migliori, dai quali si può ottenere qualche vantaggio, da un lato; la propensione a ignorare i più vulnerabili, che sembrano incapaci di offrire qualcosa in cambio, dall’altro.

Il rifiuto degli immigrati non avviene a causa della loro condizione di stranieri, ma perché non hanno nulla da offrire. Ad esempio, nessuna nazione rifiuta a uno sceicco arabo di stabilirsi nel proprio paese, né a un famoso calciatore straniero viene negata la residenza. Inoltre gli yacht attraccano senza problemi sulla ricca costa del Mediterraneo, mentre gli esuli annegano nel tentativo di raggiungerla.

A questo punto Cortina si chiede cosa ci sia dietro questo doppio standard di accettazione e rifiuto degli immigrati. Alcune persone vengono allontanate perché sono straniere o perché sono povere?

L’autore risponde a questa domanda affermando che “i poveri vengono rifiutati, anche se appartengono alla propria famiglia”. In altre parole, i poveri, invece di suscitare ospitalità, ciò che suscitano è rifiuto e ostilità.

mani di un povero
La povertà genera rifiuto perché si presume che non si possa ottenere nulla in cambio.

Possibili cause

Le cause dell’aporofobia non sono molto chiare. Tuttavia, sono state avanzate alcune ipotesi.

Cervello xenofobo

Attingendo alle neuroscienze, Cortina afferma che il cervello ha una componente xenofoba come meccanismo di sopravvivenza. Cioè, le persone hanno una tendenza biologica a circondarsi di persone con cui sentiamo più affinità.

Ciò significa che tendiamo a raggrupparci con persone che parlano la nostra stessa lingua, che hanno una fisionomia simile, la stessa cultura, ecc. Pertanto, è probabile che coloro che differiscono promuovano il nostro rifiuto. Il cervello può interpretarli come una minaccia.

Tuttavia, questa spiegazione non giustifica di per sé la presenza di aporofobia. È importante sottolineare che l’essere umano è un animale razionale con una grande componente empatica. Siamo in grado di prenderci cura degli altri, indipendentemente dalle differenze.

Mancanza di reciprocità

Cortina afferma che l’aporofobia si basa sul principio della reciprocità e dello scambio economico. Le persone devono avere un programma di utilità nel sistema.

I poveri, senza risorse, sono rifiutati perché non hanno nulla da offrire alla società, da questo punto di vista. In altre parole, i poveri sono coloro che non hanno gli strumenti per restituire ciò che gli viene dato.

Dissonanza cognitiva

Da un punto di vista psicologico, è stato suggerito che l’aporofobia potrebbe essere la conseguenza della dissonanza cognitiva. Questo è definito come un disturbo psicologico sperimentato quando ci sono due idee incompatibili o un comportamento che è incompatibile con il nostro sistema di credenze.

Nel caso dell’aporofobia, si percepisce una discrepanza tra il modo in cui qualcuno vede se stesso ( “Sono una brava persona” ) e il suo comportamento ( “Non aiuto né distolgo lo sguardo quando incontro una persona vulnerabile” ). Questo conflitto può indurci a cercare giustificazioni per razionalizzare comportamenti dissonanti, creando motivi per rifiutare i poveri.

Ideologie politiche

Dal punto di vista ideologico, il pensiero neoliberista (basato su individualismo, competitività e meritocrazia) presuppone che il successo dipenda solo dalla volontà, dall’impegno e dal talento ; che le circostanze socioeconomiche non c’entrano nulla.

Pertanto, invece di intendere la povertà come un fallimento sociale, reagiamo disprezzando e incolpando i poveri per la loro situazione. O nel migliore dei casi, applicando loro una presunzione di responsabilità.

Impatto sociale e interpersonale

L’aporofobia è un fenomeno che alimenta il circolo vizioso dell’esclusione e dell’emarginazione. In primo luogo perché ha un impatto negativo sull’autostima delle persone, che si rialimenta nella spirale del degrado.

In secondo luogo perché il rifiuto ostacola il reinserimento sociale e lavorativo. La situazione di povertà è assunta come tratto permanente e immutabile dell’identità delle persone.

Il discorso basato sull’aporofobia porta alla disumanizzazione e all’oggettivazione delle persone. La sua versione più grave può provocare violenza verbale o fisica, con scherno, insulti, umiliazioni o aggressioni fisiche.

A loro volta, questi attacchi hanno un grave impatto sulla salute mentale delle vittime, che spesso provano una sensazione di impotenza e vulnerabilità, paura, ansia, depressione o persino idee suicide.

Stress dovuto all'aporofobia.
Le vittime di aporofobia entrano in una spirale di tristezza, depressione e stress a causa del costante rifiuto che subiscono.

Come superare l’aporofobia?

Adela Cortina propone che il modo migliore per porre fine all’aporofobia è attraverso l’educazione formale e informale (scuole, università, media, social network ). È lì che bisogna coltivare la compassione e l’altruismo.

Da parte loro, dobbiamo smantellare la falsa convinzione che i poveri non abbiano nulla da offrire. Cortina afferma che non c’è essere umano che non sia capace di offrire qualcosa di prezioso. Se non riusciamo a vederlo, è perché dobbiamo aguzzare maggiormente la vista.

La compassione e l’empatia vengono annullate quando crediamo che i poveri siano colpevoli della loro povertà. Ecco perché, per raggiungere un mondo più compassionevole, dobbiamo mettere in discussione e ripensare il nostro sistema di credenze e valori.

L’ideologia che sostiene che la povertà non è il risultato di condizioni strutturali, ma piuttosto il risultato di indolenza, errore individuale o colpa personale, incoraggia il povero ad essere percepito come una minaccia. In questo modo, biasimarli incoraggia a essere ignorati e persino perseguitati.

Potrebbe interessarti ...
Al povero mancano molte cose, all’avaro tutto
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Al povero mancano molte cose, all’avaro tutto

Il grande problema dell'avaro è, che per quanto possieda un'infinità di cose, desidera sempre altro e non si sente mai soddisfatto.



  • Cortina A. Aporofobia, el rechazo al pobre: Un desafío para la democracia. Barcelona: Paidós, 2017.
  • Del Prado, L. (2019). Adela Cortina: Aporofobia, el rechazo al pobre. Comunitania: Revista internacional de trabajo social y ciencias sociales, (17), 161-164.
  • Esquembre, C. O. (2019). La aporofobia como desafío antropológico. De la lógica de la cooperación a la lógica del reconocimiento. Daimon Revista Internacional De Filosofía, (77), 215-224.
  • Rojas D. Aporofobia, el rechazo al pobre. Rev. filos. [Internet]. 2018 [cosultado 19 oct 2021] 74: 319-321. Disponible en: https://www.scielo.cl/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0718-43602018000100319
  • Valverde, E. M. P., Librero, A. B. N., Ordaz, R. G., Macho, A. Y., & González, Á. J. (2019). Detección de la discriminación hacia los pobres,«aporofobia». Miscelánea Comillas. Revista de Ciencias Humanas y Sociales77(151), 417-430.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.