Ariboflavinosi o carenza di vitamina B2: quali conseguenze?

Ecco i sintomi e i problemi causati dalla carenza di vitamina B2 nella dieta. Questa è un nutriente presente negli alimenti di origine animale.
Ariboflavinosi o carenza di vitamina B2: quali conseguenze?
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 27 ottobre, 2022

L’ariboflavinosi o carenza di vitamina B2 è un problema raro, ma può influenzare significativamente lo stato di salute. I sintomi più comuni sono mal di gola e lesioni sulle labbra e sulla mucosa orale. C’è anche la possibilità di sperimentare la dermatite seborroica e persino l’anemia.

Nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata, è difficile sviluppare una patologia di questo tipo, poiché la maggior parte degli alimenti di origine animale contiene vitamina B2. Non a caso, sono poco comuni gli integratori a base di questo nutriente, ad eccezione dei multivitaminici.

Perché si verifica l’ariboflavinosi?

La carenza di vitamina B2 si verifica quando l’assunzione di cereali, latticini o prodotti animali è insufficiente. Sebbene sia possibile che una situazione di diarrea causi perdite di nutrienti, che ne riducono i livelli nell’organismo.

Anche il consumo di alcol in grandi quantità e cronico potrebbe essere uno dei principali fattori di rischio. Dopotutto, la sostanza funziona come un diuretico, il che potrebbe portare alla perdita della vitamina nelle urine.

Sintomi

In generale, i sintomi compaiono solitamente rapidamente e si presentano con pallore e macerazione delle mucose agli angoli della bocca. È possibile che in questo contesto si sviluppi un’infezione da candida, che provoca anche alterazioni della superficie della lingua.

Labbra secche a causa dell'ariboflavinosi.
La secchezza delle labbra favorisce l’insediamento di infezioni fungine, come la candidosi.

Diagnosi

Per confermare il problema, ciò che di solito viene misurato è l’escrezione urinaria di riboflavina. In questo modo è possibile diagnosticare la patologia.

Quindi sarà necessario orientare il consumo di integratori o la somministrazione del nutriente per via intramuscolare nei casi più gravi. Di solito si risolve con 5 o 10 milligrammi di vitamina per via orale, una volta al giorno.

Qual è la funzione della riboflavina?

La riboflavina ha diverse funzioni all’interno del corpo. Partecipa a molte reazioni fisiologiche differenti. Tra le altre cose, ha un effetto antiossidante e antinfiammatorio che può aiutare a prevenire l’invecchiamento precoce e la genesi di patologie croniche e complesse. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata sull’International Journal of Molecular Sciences.

Tuttavia, come con la maggior parte delle vitamine idrosolubili, non ci sono depositi nel corpo. È necessario garantirne il consumo giornaliero in quantità sufficienti.

Tuttavia, questo di solito non è un problema, purché si consideri una dieta variata. Anche nel caso delle linee guida vegane, non è un deficit frequente. Sì, di solito c’è un apporto inadeguato di vitamina B12 associato al vegetarianismo, come confermato da uno studio pubblicato su American Family Physician.

Quali sono gli alimenti con il più alto contenuto di vitamina B2?

I latticini sono una delle principali fonti di riboflavina. Ma anche uova, noci, fegato di vitello, lonza di maiale e manzo.

Tutti loro sono considerati alimenti ad alta densità nutrizionale. Hanno molte vitamine e minerali e proteine di alta qualità. Tra la frutta e la verdura vanno segnalati gli spinaci, i piselli, i funghi e i funghi.

Tuttavia, va sottolineato che i fabbisogni di B2 possono variare nel corso della vita. Mentre i bambini richiedono in genere circa mezzo milligrammo al giorno, gli adulti superano il fabbisogno giornaliero di 1 grammo.

Latticini con vitamina B2.
I latticini sono un’ottima fonte di vitamine del gruppo B.

L’ariboflavinosi è una condizione raro

L’ariboflavinosi è un problema raro, causato da un deficit di vitamina B2. Questo nutriente svolge diverse funzioni all’interno dell’organismo, partecipando anche al metabolismo energetico e alla comunicazione del sistema nervoso centrale.

Tieni presente che i bisogni nutrizionali devono essere sempre soddisfatti attraverso il cibo. Ad un certo punto si possono inserire degli integratori per soddisfare un maggior contributo, ma non è l’ideale. Sarà sempre necessario garantire che vengano consumati prodotti di gruppi diversi in modo da coprire le quantità giornaliere raccomandate di vitamine e minerali.

Potrebbe interessarti ...
Vitamina D e perdita di peso: come sono correlati?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Vitamina D e perdita di peso: come sono correlati?

La vitamina D e la perdita di peso sono strettamente correlate tra loro, condizionandosi a vicenda in modo significativo.



  • Suwannasom N, Kao I, Pruß A, Georgieva R, Bäumler H. Riboflavin: The Health Benefits of a Forgotten Natural Vitamin. Int J Mol Sci. 2020;21(3):950. Published 2020 Jan 31. doi:10.3390/ijms21030950
  • Langan RC, Goodbred AJ. Vitamin B12 Deficiency: Recognition and Management. Am Fam Physician. 2017;96(6):384-389.