4 consigli per smettere di bere alcolici

Il consumo di alcol può danneggiare gravemente sia la singola persona che chi la circonda. Bisogna smettere di bere prima possibile.
4 consigli per smettere di bere alcolici
Maryel Alvarado Nieto

Scritto e verificato da la dottoressa Maryel Alvarado Nieto.

Ultimo aggiornamento: 16 settembre, 2022

Smettere di bere alcolici è molto difficile. Un po’ perché la vendita di alcol è legale in moltissimi paesi e socialmente accettata, ma soprattutto perché crea dipendenza.

L’alcol colpisce negativamente diverse aree della vita di una persona, generando il caos più assoluto. Per questo motivo, è importante fare di tutto per liberarsi di questo brutto vizio e riprendere il controllo.

Lo scopo di questo articolo è supportare quelle persone che vogliono smettere di bere alcolici, attraverso degli utili consigli per aiutarle ad affrontare questa situazione così complicata. Tuttavia, non vuole essere una guida alla disintossicazione dall’alcol, né incoraggiare il paziente a non ricercare l’aiuto di un professionista.

Cercheremo di fornire informazioni oneste e veritiere sulla difficile strada da percorrere, ma sottolineando che il supporto di un terapeuta è comunque fondamentale.

1. Riconoscere che bere alcolici è un problema

Il primo passo per cambiare è il più difficile: riconoscere che il consumo di alcol è diventato un problema. Essere in grado di visualizzare il danno generato può essere un punto dolente da affrontare.

Tuttavia, può trasformarsi in un autentico impulso a voler superare il problema. Per questo, è necessario essere consapevoli dell’effetto che ha il consumo di alcol e della frequenza con cui viene ingerito.

Allo stesso modo, è necessario fermarsi e valutare oggettivamente i diversi ruoli che la persona svolge: partner, padre, figlio, fratello, amico, lavoratore, capo, tra gli altri. Mentre si riflette su questi aspetti, la realtà nascosta inizierà a emergere.

Questo percorso è irto di discussioni costanti, problemi finanziari e bassa produttività. Sono una chiara prova che qualcosa non va. E saperlo deve spingere verso il cambiamento.

2. Accettare la realtà e cercare aiuto

Uno dei grandi tabù difficili da infrangere in molte società è riconoscere che l’alcolismo è una malattia a tutti gli effetti e non un vizio o una mancanza di carattere. Il vero vantaggio di questa prospettiva è che l’alcolista cessa di essere il colpevole ultimo del caos e diventa un essere umano che ha bisogno del sostegno da parte di chi lo circonda.

Allo stesso modo, entrare a far parte degli Alcolisti Anonimi è molto utile. In questi gruppi, l’aiuto viene da persone che affrontano lo stesso problema.

Pertanto, sanno per certo cosa stanno facendo. Il sostegno reciproco su cui si basano queste associazioni aiuta a non bere, a patto di frequentare gli incontri almeno una volta alla settimana.

Isolamento per alcolismo.
L’alcolismo può portare all’isolamento, il che rende più difficile affidarsi alle reti di supporto sociale.

Compassione e consumo di alcol

Molte volte diventa difficile per le persone intorno all’alcolista avere la disposizione sincera di aiutarlo senza stabilire un giudizio di valore. La difficoltà maggiore in questo dipende dal grado di coinvolgimento che il consumo di alcol ha avuto sulla vita familiare, poiché di solito si registrano danni frequenti e costanti a ciascuno dei membri; soprattutto nei bambini.

Per questo motivo, è comune che ci siano sentimenti contrastanti nei confronti dell’alcolista che contravvengono al desiderio di vedere il proprio parente guarito. Un modo utile per avvicinarsi a questo è attraverso la compassione. Sebbene ci siano diverse tecniche per farlo, tutte mirano a smantellare la figura del mostro offensivo che l’alcolista rappresenta.

Coltivare la compassione per l’altro e per se stessi è un punto chiave per smettere di bere alcolici. Perché nel migliore dei casi, la difficile strada verso l’astinenza risulta spianata quando c’è il supporto della famiglia.

Tuttavia, se ciò non accade, essere in grado di assumere una posizione compassionevole e onesta aiuterà a evitare che la situazione diventi una scusa per bere di nuovo.

3. Individuare i fattori scatenanti

Il consumo continuo di alcol è spesso una copertura sia per il mondo che per l’alcolista stesso. L’abitudine di bere fornisce una sorta di sollievo riguardo alcuni aspetti che la persona non ha la capacità di affrontare.

Pertanto, è essenziale riflettere sul motivo per cui sta bevendo. Il momento migliore per farlo è quando compare la necessità di bere.

Scrivendo un diario personale, ad esempio, è possibile registrare le percezioni che si tengono al riguardo e metterle per iscritto. In primo luogo, la mente sarà occupata da qualcosa di diverso dalla voglia di bere. Inoltre, in questo modo si sta prendendo coscienza di alcune delle cause alla base del consumo.

4. Trovare dei modi per affrontare l’ansia

Uno dei problemi che una persona in via di guarigione deve affrontare sono i sintomi di astinenza, che includono l’ansia. Sono disponibili varie tecniche di rilassamento e meditazione per consentire al paziente di ridurre i propri livelli di stress. L’obiettivo è prevenire la ricaduta nel consumo di alcol.

Sottovalutare la sindrome da astinenza è un errore comune.

Per questo motivo è necessario rivolgersi ad un professionista specializzato nelle dipendenze, affinché questi possa scegliere il trattamento migliore. La valutazione e il costante follow-up dei pazienti in un programma ambulatoriale di disintossicazione dall’alcol devono essere rigorosi. Il paziente avrà così a disposizione le opzioni terapeutiche di cui ha bisogno, compreso l’uso di farmaci.

Sindrome da astinenza.
La sindrome da astinenza è molto difficile da affrontare. Alcuni pazienti passano dall’abuso di alcol a quello dei farmaci che alleviano i sintomi.

Leggete anche: Farmaci per l’ansia: ansiolitici e antidepressivi

I punti chiave per smettere di bere alcolici

Anche se sembra ovvio, apportare alcuni cambiamenti nello stile di vita avrà un impatto positivo sul difficile compito di liberarsi dall’abitudine all’alcol. Questi suggerimenti sono utili, poiché creeranno motivazione. Tuttavia, richiedono perseveranza e disciplina da parte del paziente.

Alcuni dei consigli includono quanto segue:

  • Rimuovere qualsiasi bottiglia dalla casa.
  • Adottare una routine di esercizio fisico.
  • Evitare gli incontri sociali in cui la priorità è bere alcolici.
  • Pianificare orari fissi per i pasti e il riposo notturno.

Smettere di bere alcolici significa rialzarsi ancora e ancora

La strada verso la sobrietà è un percorso tortuoso, con continue battute d’arresto. Per questo motivo, è normale che gli ostacoli appaiano così difficili da superare che la via più semplice per uscirne è arrendersi.

Questo potrebbe essere vero a breve termine. Tuttavia, è l’alcolismo che offusca la visione dei benefici dell’astinenza, soprattutto nel tempo.

Il principale nemico del processo è il sentimento di sconfitta. Sebbene per molti sia costituita dalla stessa ricaduta, è non riuscire a rimanere sobri tutte le volte che è necessario il vero fallimento.

Potrebbe interessarti ...
Bere alcol a stomaco vuoto: effetti sull’organismo
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Bere alcol a stomaco vuoto: effetti sull’organismo

È capitato a tutti di bere alcol a stomaco vuoto, magari dopo il lavoro, durante un pomeriggio con gli amici o in altre situazioni.



  • Pascual, F.; Alcoholismo y Ayuda Mutua. De la Necesidad a la Evidencia; Adicciones; 25 (4): 243 – 245; 2015.
  • Ramírez, A.; Naal, A.; Salinas, E.; Pérez, C.; Una Visión del Alcoholismo del Padre desde la Mirada de los Hijos; Health and Addictions; 14 (2): 109 – 120; 2014.
  • Carreras, A.; Intervenciones en el Consumo de Alcohol: de los Grupos de Autoayuda a la Regulación de la Propia Conducta. ¿Métodos Complementarios o Antagónicos?; Colegio Oficial de Psicólogos de Madrid; Clínica Contemporánea; 2 (3): 249 – 269; 2011.
  • Montes, R.; Rabuñal, R.; Guía de Práctica Clínica: Tratamiento del Síndrome de Abstinencia Alcohólica; Galicia Clínica; 72 (2): 51 – 64; 2011.
  • Zgierska, A.; Burzinski, C.; Mundt, M.; McClintock, A.; Cox, J.; Coe, C.; Miller, M.; Fleming, M.; Mindfulness-based Relapse Prevention for Alcohol Dependence: Findings from a Randomized Controlled Trial; Journal of Substance Abuse Treatment; 100: 8 – 17; 2019.
  • Siñol, N.; Martínez, E.; Guillamó, E.; Campos, M.; Efectividad del Ejercicio Físico como Intervención Coadyuvante en las Adicciones: Una Revisión; Adicciones; 2013.