Baccalà gratinato con maionese: una ricetta semplice

14 Gennaio 2021
Il baccalà è particolarmente consigliato agli sportivi o a chi sta cercando di perdere peso. Scoprite una ricetta dalle preziose qualità organolettiche.

Oggi spieghiamo come cucinare il baccalà gratinato con maionese: una ricetta semplice, sana e saporita. Questo piatto contiene proteine e nutrienti essenziali che garantiscono un valido apporto nutrizionale.

Gli esperti in nutrizione consigliano il consumo di pesce rispetto a quello della carne poiché meno calorico, ma altrettanto, o più, salutare. Il baccalà, inoltre, è un ingrediente molto versatile in cucina.

Baccalà: un pesce da inserire nella dieta

Il baccalà presenta ottimi valori nutrizionali: poche calorie (circa 78 calorie ogni 100 grammi), povero di grassi e ricco di acidi grassi omega 3.

I lipidi essenziali contenuti nel baccalà si sono dimostrati utili nel controllo dell’infiammazione sistemica, con conseguente riduzione del rischio di patologie cardiovascolari. Nonostante negli anni i grassi siano stati demonizzati, oggi sappiamo con certezza che il nostro organismo ha bisogno di assumerli regolarmente.

Il valore proteico del baccalà supera quello di altri tipi di pesce dello stesso gruppo. Per questo, si tratta di un alimento che non può mancare nella dieta delle persone sportive o dimagrante.

Ricordiamo che le proteine sono nutrienti essenziali nella dieta, il cui apporto giornaliero va garantito. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Advances in Nutrition, il consumo di queste sostanze non dovrebbe essere inferiore agli 0,8 grammi per kg di peso al giorno, con un margine di aumento pari a 2-3 grammi per kg di peso nel caso degli sportivi.

Baccalà gratinato con maionese

Ingredienti per 4 persone

  • 4 filetti di baccalà fresco e dissalato. Possiamo anche optare per il baccalà congelato o salato, ma andrà immerso in acqua per un paio di giorni, cambiandola 2-3 volte al giorno.
  • 1,2 kg di patate.
  • 2 pomodori maturi.
  • 1 uovo.
  • Olio extravergine d’oliva.
  • Sale.
  • Aceto o limone.
Baccalà gratinato con maionese.

Preparazione della maionese

Per questa ricetta, dovrete preparare la maionese con grassi di qualità quali l’olio extravergine d’oliva. Potete anche optare per l’olio di girasole, ma a livello nutrizionale quello d’olio d’oliva è migliore.

Se volete evitare una maionese dal sapore troppo intenso, potete usare varietà di olio extravergine d’oliva meno acide. I passaggi da seguire per la preparazione della maionese sono i seguenti:

  • Frullate insieme uovo, aceto (o limone) e salate a piacimento.
  • Quando gli ingredienti saranno ben amalgamati, frullate aggiungendo l’olio di oliva extravergine poco per volta in modo da emulsionarlo, ma senza eseguire movimenti dall’alto verso il basso.
  • Quando la salsa sarà emulsionata, potrete procedere con movimenti dall’alto verso basso.
  • Una volta pronta, mettete da parte la maionese fin quando non ne avrete bisogno.

Per saperne di più: Maionese vegana: ecco come prepararla

Maionese fatta in casa.

Preparazione del baccalà gratinato con maionese

  • Attendete che il forno raggiunga i 180 °C. Nel frattempo, sbucciate e tagliate le patate a fette.
  • In una teglia di vetro mettete un cucchiaio e mezzo di olio extravergine d’oliva e le patate. Infornatele.
  • Proseguite tagliando i pomodori. Quando le patate avranno una consistenza morbida, aggiungete alla teglia il pomodoro tagliato e i filetti di baccalà sul letto di pomodoro e patate.
  • Fate cuocere in formo il baccalà per circa 10-15 minuti. Nel frattempo, preparate la maionese seguendo i passaggi sopradescritti.
  • Una volta cotto il baccalà, aggiungere un po’ di maionese su ogni filetto.
  • Accendete la modalità grill del forno e infornate di nuovo.
  • Lasciate cuocere il baccalà in forno fino a doratura. Togliete dal forno et.. voilà!

Potrebbe interessarvi anche: Anisakis: cos’è e quali pesci lo contengono?

Baccalà per migliorare la dieta

Il piatto presentato è una proposta per inserire il pesce nella propria dieta in modo gustoso, ma non limitatevi a questo. Sono tante le modalità di preparazione dei prodotti ittici.

La maggior parte presentano eccellenti qualità organolettiche, motivo per cui sono ampiamente apprezzati. Non esitate a sperimentare in cucina per introdurre il pesce nella vostra alimentazione.

  • Watanabe Y., Tatsuno I., Omega 3 polyunsaturated fatty acids for cardiovascular diseases: present, past and future. Expert Rev Clin Pharmacol, 2017. 10 (8): 865-873.
  • Wolfe RR., Ciflli AM., Kostas G., Kim IY., Optimizing protein intake in adults: interpretation and application of the recommended dietary allowance compared with the acceptable macronutrient distribution range. Adv Nutr, 2017. 8 (2): 266-275.