Cenere spinosa: quali sono le sue applicazioni medicinali?

La cenere spinosa possiede proprietà antinfiammatorie, analgesiche e diuretiche. Quali sono i suoi usi medicinali? Scoprili!
Cenere spinosa: quali sono le sue applicazioni medicinali?

Ultimo aggiornamento: 21 novembre, 2022

La cenere spinosa (nome scientifico Zanthoxylum clava-herculis) è un arbusto che appartiene alla famiglia del genere Rutaceae. Presenta rami spinosi marroni e foglie verde scuro che si distinguono per il loro aroma pungente. Dai grappoli ascellari emergono fiori giallo-verdastri e piccoli frutti che vanno dal verde al bruno-rossastro quando raggiungono la maturità.

Sebbene sia originaria degli Stati Uniti, di solito cresce nelle zone umide, nei boschi e nelle foreste del Canada e dell’Europa. Indipendentemente da dove provenga, viene spesso usato come integratore a base di erbe per il sollievo da disturbi, infezioni e disturbi circolatori. Quali sono le sue proprietà e applicazioni medicinali?

Quali sono gli usi medicinali della cenere spinosa?

La cenere spinosa ha una lunga storia come rimedio tradizionale, poiché le vengono attribuite molteplici proprietà.

Secondo un articolo pubblicato su Frontiers in Pharmacology, ciò è in gran parte dovuto al suo contenuto di alcaloidi, flavonoidi, terpenoidi e lignani. Questi, a loro volta, gli conferiscono attività antibatterica, antimicotica, antivirale, antinfiammatoria e antiossidante.

Sebbene la sua corteccia e le sue foglie siano spesso usate come tè, è anche disponibile in capsule, estratti, tinture e polvere. La sua fama di integratore è spesso legata ad effetti positivi sulla salute articolare, dentale e circolatoria.

Tuttavia, le prove sono ancora limitate.

Come altri rimedi erboristici, questo ingrediente va usato con cautela, solo come integratore. Non ci sono studi sufficienti per confermare che serva come trattamento di prima scelta.

La letteratura popolare rileva che la cenere spinosa era usata dalle tribù dei nativi americani per curare disturbi muscolari, disturbi polmonari, raffreddori e febbri. Nel tempo, si è scoperto che esercita effetti positivi anche contro il colera, il mal di denti e la febbre tifoide. Cosa dice la scienza?

Mal di denti da curare con cenere spinosa.
La cenere spinosa è efficace contro il mal di denti.

Leggi anche: Olio essenziale di Ravintsara, quali sono i suoi benefici?

Ricerca sulla cenere spinosa

La rivista Molecular Science s afferma che nella cenere spinosa sono stati identificati almeno 140 composti bioattivi. Tra questi, gli alcaloidi, i terpenoidi, i flavonoidi e gli acidi grassi liberi sono i più importanti. Quindi, è collegato a diversi benefici per la salute.

Secondo questa pubblicazione, sia gli estratti che i composti di questa pianta hanno attività biologica come antinfiammatoria, analgesica, antiossidante, antibatterica e antitumorale. Ciò spiegherebbe i suoi usi nella fitoterapia tradizionale, che comprende quanto segue:

  • Agente antinausea.
  • Rimedio antimicotico.
  • Rimedio antireumatico.
  • Stimola la circolazione sanguigna e linfatica.
  • Calma i disturbi digestivi (dolore addominale, diarrea, tra gli altri).

Tuttavia, molti di questi usi non sono stati convalidati dalla ricerca attuale.

I ricercatori ritengono che siano necessari più studi clinici per determinare la relazione tra i composti chimici della pianta e i loro effetti. Anche per stabilirne il profilo di sicurezza e nuove applicazioni cliniche.

Per ora, solo uno studio in vitro condiviso dal Journal of Traditional and Complementary Medicine ha riportato che il fico d’India ha proprietà antimicotiche, utili contro Aspergillus flavus e Trichophyton longifusis. Pertanto, potrebbe giovare al trattamento di lievi infezioni fungine.

Intanto un articolo pubblicato su Natural Product Communications commenta che gli oli volatili del fico d’India favoriscono una migliore circolazione sanguigna stimolando la dilatazione delle vene. Ciò è spiegato dal suo contenuto di alcaloidi.

Per quanto riguarda le sue qualità antitumorali, le prove sono molto limitate. Uno studio in provetta pubblicato su Phytotherapy Research ha riportato gli effetti citotossici del fico d’India e la sua capacità di inibire le cellule leucemiche umane. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche.

Eventuali rischi

A causa della mancanza di studi, non si segnalano gravi effetti collaterali dall’uso di questo arbusto. Si consiglia comunque di moderarne il consumo e limitare le dosi a quanto suggerito dal produttore dell’integratore.

In eccesso, può portare a tossicità epatica e anafilassi. Alcuni sintomi di avviso sono i seguenti:

  • Allergia cutanea.
  • Vertigini.
  • Dolore al petto.
  • Respirazione difficoltosa.
  • Disturbo del ritmo cardiaco.
  • Gonfiore della gola o della lingua.

In presenza di queste manifestazioni cliniche, la consultazione per le emergenze mediche è fondamentale. Tuttavia, può accadere solo in rari casi.

Altre controindicazioni sono le seguenti:

Orticaria da cenere spinosa.
In presenza di allergie dopo il consumo di cenere spinosa, meglio consultare il medico.

Dosaggio e preparazione

Per ora non ci sono linee guida definite per l’uso della cenere spinosa. Gli integratori spesso suggeriscono dosi di 400 milligrammi al giorno.

Tuttavia, questo può variare a seconda del produttore e del tipo di prodotto. Pertanto, è necessario consultare l’etichetta.

La corteccia e la polvere sono spesso usate nei tè. Basta aggiungere mezzo cucchiaino di prodotto in polvere (3 grammi) in una tazza di acqua bollita. Può anche essere trasformato in decotti per uso topico in compresse. Quest’ultima opzione è solitamente un rimedio tradizionale per dolori muscolari e articolari.

Da ricordare

La cenere spinosa è un arbusto originario del Nord America. È apprezzata per il suo abbondante contenuto di composti bioattivi, tra i quali spiccano alcaloidi, terpenoidi, flavonoidi e acidi grassi. Si ritiene che questi esercitino effetti antinfiammatori, antireumatici, antitumorali e digestivi.

Tuttavia, per ora non ci sono prove scientifiche sufficienti a sostegno delle sue applicazioni. La maggior parte dei suoi usi sono spiegati in modo tradizionale e non con validità scientifica. Pertanto, come altre erbe officinali, va usata con cautela, solo come integratore e preferibilmente sotto controllo medico.

Potrebbe interessarti ...
Le migliori piante medicinali e utilizzi
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Le migliori piante medicinali e utilizzi

resentiamo le migliori piante medicinali e i loro impieghi. Sono diverse le piante a nostra disposizione per affrontare diverse situazioni.



  • Okagu IU, Ndefo JC, Aham EC, Udenigwe CC. Zanthoxylum Species: A Review of Traditional Uses, Phytochemistry and Pharmacology in Relation to Cancer, Infectious Diseases and Sickle Cell Anemia. Front Pharmacol. 2021 Sep 15;12:713090. doi: 10.3389/fphar.2021.713090. PMID: 34603027; PMCID: PMC8479109.
  • Zhang, M., Wang, J., Zhu, L., Li, T., Jiang, W., Zhou, J., Peng, W., & Wu, C. (2017). Zanthoxylum bungeanum Maxim. (Rutaceae): A Systematic Review of Its Traditional Uses, Botany, Phytochemistry, Pharmacology, Pharmacokinetics, and Toxicology. In International Journal of Molecular Sciences (Vol. 18, Issue 10, p. 2172). MDPI AG. https://doi.org/10.3390/ijms18102172
  • Bhatt, Vinod & Sharma, Sushila & Kumar, Neeraj & Sharma, Upendra & Singh, Bikram. (2017). Chemical Composition of Essential Oil among Seven Populations of Zanthoxylum armatum from Himachal Pradesh: Chemotypic and Seasonal Variation. Natural product communications. 12. 1643-1646. 10.1177/1934578X1701201030.
  • Alam, F., & us Saqib, Q. N. (2017). Evaluation of Zanthoxylum armatum Roxb for in vitro biological activities. In Journal of Traditional and Complementary Medicine (Vol. 7, Issue 4, pp. 515–518). Elsevier BV. https://doi.org/10.1016/j.jtcme.2017.01.006
  • Ju, Y., Still, C. C., Sacalis, J. N., Li, J., & Ho, C.-T. (2001). Cytotoxic coumarins and lignans from extracts of the northern prickly ash (Zanthoxylum americanum). In Phytotherapy Research (Vol. 15, Issue 5, pp. 441–443). Wiley. https://doi.org/10.1002/ptr.686