Che cos'è la dieta mono e perché è sconsigliata?

In alcuni casi, chi ha iniziato la dieta mono con lo scopo di perdere peso, ha ottenuto risultati a medio termine insoddisfacenti. Ecco come funziona.
Che cos'è la dieta mono e perché è sconsigliata?
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio, 2023

La dieta mono è un regime alimentare in cui si consuma un solo tipo di alimento a ogni pasto. Viene suggerita per perdere peso rapidamente, ma in realtà presenta molti inconvenienti. Un approccio alimentare sano è caratterizzato dalla varietà e dall’equilibrio energetico.

I piani alimentari restrittivi di solito non funzionano a medio e lungo termine. Hanno infatti problemi di aderenza. Inoltre, una perdita di peso efficace dipende anche da altri fattori, come l’esercizio fisico regolare.

È necessario puntare in primo luogo sull’aumento della massa muscolare, in modo che in seguito sia più facile mantenere un deficit energetico. È inoltre necessario adottare altre abitudini salutari. Tornando all’argomento principale, quali sono i problemi della dieta mono?

Come funziona la dieta mono?

In realtà, le informazioni sulla dieta mono sono discordanti. Alcune persone asseriscono che si possa consumare un solo alimento nel corso della giornata. Secondo altri, si sceglie ad ogni pasto.

In ogni caso, si tratta di un sistema molto restrittivo che porta a carenze nutrizionali considerevoli. Per prima cosa, si assisterà a un indebolimento della massa muscolare. Per mantenere la massa muscolare, è essenziale garantire un apporto proteico minimo giornaliero, cosa difficile con uno schema monoalimentare.

Secondo una ricerca pubblicata su Annals of Nutrition & Metabolism, per una corretta funzione muscolare sono necessari almeno 0,8 grammi di proteine per chilo di peso corporeo. Negli atleti, il fabbisogno si moltiplica facilmente per 2 o 3.

dieta mono
La dieta mono è restrittiva e tende a causare deficit nutrizionali che mettono a rischio la salute.

Come seguire una dieta mono?

Esistono diversi tipi di dieta mono, quindi diversi approcci. Tuttavia, si basa in genere su un solo tipo di alimento per ogni pasto: possono essere patate, mele, uova, ecc.

È anche possibile introdurre una maggiore varietà utilizzando alimenti dello stesso gruppo. Ad esempio, cereali di diverso tipo, carni magre, verdura o frutta.

Attualmente non è stato definito per quanto tempo sia sicuro prolungarla. Ma a causa della sua natura restrittiva, non deve durare più di due settimane. Altrimenti, i deficit nutrizionali inizieranno a mettere a repentaglio la salute.

In questo lasso di tempo, la perdita di peso può già avvenire. E sebbene ciò sia appariscente, in realtà è accompagnata da altri effetti negativi sulla salute fisica e mentale.

Dopo due settimane, si reintroducono gradatamente altri alimenti come zuppe, insalate e frullati. Il passo successivo consiste nel tornare a una dieta equilibrata e varia, con alimenti di tutti i gruppi alimentari e senza restrizioni.

Tra gli alimenti più comunemente inclusi nella dieta mono troviamo le patate, le uova, le mele, le banane, il cioccolato e il pompelmo. Tuttavia, è possibile realizzarla anche con la carne o con i legumi.

La dieta mono aiuta a dimagrire?

Contrariamente a quanto affermano i suoi sostenitori, la dieta mono non è un’opzione efficace per la perdita di peso. È vero che si può perdere qualche chilo, ma una parte di essi sarà costituita da glicogeno e liquidi.

Nel frattempo, una parte del tessuto muscolare è distrutta, aspetto considerato negativo per la salute e la composizione corporea a medio termine. Pertanto, quando si riprende il normale schema alimentare, il peso è destinato ad aumentare di nuovo, anche più di prima di iniziare questa dieta.

Tali diete restrittive tendono a generare un effetto rebound, portando così la persona ad un stato peggiore rispetto al punto di partenza. È sempre meglio orientarsi alle buone abitudini e non ai piani miracolosi.

Controindicazioni della dieta mono

A parte la perdita di massa muscolare e il conseguente effetto rebound, la dieta mono ha un’altra serie di controindicazioni che vale la pena conoscere. È importante notare che un apporto insufficiente di acidi grassi condiziona l’ambiente ormonale.

Ad esempio, se i grassi non vengono consumati in quantità ottimali, i livelli di testosterone si riducono, il che influisce sulla vitalità, forza e salute, secondo uno studio pubblicato su The Journal of Steroid Biochemistry and Molecular Biology.

Sorgeranno inoltre problemi nel controllare la formazione dei radicali liberi, poiché l’apporto di antiossidanti non sarà sufficiente. Ciò comporta un’accelerazione del processo di invecchiamento e un aumento del rischio di sviluppare malattie croniche.

Gradualmente si verifica una disfunzione a livello mitocondriale e aumenta l’infiammazione, che provoca danni a livello cellulare e del DNA.

Altre opzioni per la perdita di peso

Quando si decide di perdere peso, non è necessario adottare approcci così restrittivi. È preferibile soddisfare il fabbisogno proteico nell’ambito di uno schema vario, anche se leggermente carente di energia.

Ciò che fa davvero la differenza è l’attività fisica. È molto difficile perdere peso riducendo solo l’energia, senza incidere sul dispendio giornaliero. Tuttavia, è opportuno praticare anche altre abitudini salutari, come le seguenti:

  • Ridurre la presenza di alimenti trasformati nella dieta.
  • Migliorare la qualità del sonno.
  • Aumentare il consumo di acqua.
  • Introdurre il lavoro di forza nella routine.
Perdere peso
La perdita di peso richiede un approccio multidisciplinare e personalizzato. Le diete miracolose non sono una buona opzione.

Uno schema restrittivo assolutamente sconsigliato

In breve, la dieta mononucleare non è raccomandata per la perdita di peso. Si tratta di una dieta restrittiva e insostenibile che porterà a deficit di nutrienti essenziali. Pertanto, ad alterazioni del normale funzionamento dell’organismo. A sua volta, aumenta il rischio di malattie croniche e di invecchiamento precoce.

Qualsiasi dieta con caratteristiche miracolose tende ad avere effetti collaterali sulla salute. Nonostante promettano grandi risultati in breve tempo, di solito portano a un successivo effetto di rimbalzo, oltre a diversi pericoli durante la loro applicazione.

È meglio pensare a medio termine e mettere in pratica una scelta sostenibile che sia più facile da seguire. E data la complessità di ogni organismo, è meglio farsi consigliare un piano personalizzato da un esperto di nutrizione.

Potrebbe interessarti ...
Dieta degli astronauti: analisi e rischi da conoscere
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Dieta degli astronauti: analisi e rischi da conoscere

La dieta degli astronauti è una dieta ipocalorica che comporta numerosi rischi per la salute. In questo articolo vi diciamo perché.



  • Richter M, Baerlocher K, Bauer JM, et al. Revised Reference Values for the Intake of Protein. Ann Nutr Metab. 2019;74(3):242-250. doi:10.1159/000499374
  • Whittaker J, Wu K. Low-fat diets and testosterone in men: Systematic review and meta-analysis of intervention studies. J Steroid Biochem Mol Biol. 2021;210:105878. doi:10.1016/j.jsbmb.2021.105878
  • Singh RK, Kumar P, Mahalingam K. Molecular genetics of human obesity: A comprehensive review. C R Biol. 2017;340(2):87-108. doi:10.1016/j.crvi.2016.11.007
  • Tahreem A, Rakha A, Rabail R, Nazir A, Socol CT, Maerescu CM, Aadil RM. Fad Diets: Facts and Fiction. Front Nutr. 2022 Jul 5;9:960922. doi: 10.3389/fnut.2022.960922. PMID: 35866077; PMCID: PMC9294402.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.