Dieta verticale: cos'è e quali sono gli svantaggi

Ti mostriamo in cosa consiste la dieta verticale, se è efficace ma soprattutto sicura per perdere peso.
Dieta verticale: cos'è e quali sono gli svantaggi

Ultimo aggiornamento: 13 novembre, 2022

La dieta verticale si basa sulla scelta di cibi integrali e mira a migliorare la salute intestinale per garantire il corretto funzionamento dell’organismo. Promette di correggere squilibri ormonali e carenze nutrizionali, oltre ad aumentare i livelli di energia e ottimizzare il recupero.

In effetti, è una linea guida che si concentra sulla fornitura di nutrienti biodisponibili per esso. È stato progettato dal bodybuilder Stan Efferding per aiutare altri atleti e sollevatori di pesi a raggiungere i loro obiettivi di aumento muscolare e perdita di peso. Tuttavia, il piano ha preso piede con altri pubblici. In cosa consiste?

Alimenti consentiti e vietati nella dieta verticale

In generale, la dieta verticale consente il consumo di cibi freschi. In questo modo possono essere inclusi carne rossa, riso, noci, uova, verdure, pesce e latticini. Tutti sono caratterizzati dall’avere un’elevata densità nutritiva, che aiuterà a soddisfare i bisogni.

In particolare, dà priorità all’assunzione di proteine, che aiutano a prevenire la perdita muscolare, come esposto da uno studio pubblicato sulla rivista Nutrients. Tuttavia, implica anche evitare o limitare alcuni alimenti, tra i quali ci sono gli alimenti ultralavorati, gli oli raffinati, la soia e i suoi derivati.

In particolare, è necessario limitare i prodotti ad alto contenuto di FODMAP come cavoli, cipolle e asparagi. Questi hanno dimostrato di causare gonfiore o disagio nelle persone che sono sensibili o hanno malattie gastrointestinali.

Nel frattempo, è consentita una moderata assunzione di farina d’avena e legumi germinati o messi a bagno, poiché sono più facili da digerire in questo modo.

carne di bisonte
La carne rossa è la protagonista della dieta verticale.

Leggi anche: Dieta blue zone: aumenta la longevità?

La dieta verticale è salutare?

La dieta verticale ha uno svantaggio; non sempre copre i requisiti di fibra. Pertanto, può avere un impatto negativo sulla salute. Questa sostanza è fondamentale per il mantenimento della salute intestinale e, infatti, è consigliata la presenza di almeno 25 grammi nella dieta quotidiana.

Una ricerca pubblicata sulla rivista Nature Reviews mostra che se questa dose non viene soddisfatta, aumenta il rischio di problemi come la stitichezza.

Del resto si tratta di un regime restrittivo che potrebbe non generare un’adeguata aderenza. Per questo motivo non è adatto a tutti. Ci sono quelli che possono provare ansia e noia, che possono portare a successive abbuffate o all’effetto di rimbalzo.

Sia per aumentare la massa muscolare che per dimagrire è necessario adattare la dieta alle esigenze individuali. Questo, tra l’altro, ne garantisce la sostenibilità.

Nonostante quanto sopra, è vero che la dieta verticale può essere ben indicata per le persone con malattie infiammatorie intestinali in fase acuta e per gli atleti con obiettivi specifici. Naturalmente, a volte è necessaria un’integrazione di supporto per evitare carenze nutrizionali essenziali.

La dieta verticale serve a dimagrire?

La dieta verticale non è progettata per causare riduzioni di peso corporeo. È vero che può essere considerato da un punto di vista ipocalorico come causa di questo effetto, ma non è il suo scopo principale.

Se si intende migliorare la composizione corporea, sarà necessario garantire un deficit energetico. Il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è aumentare il livello di attività fisica e moderare le porzioni di cibo che mangi durante il giorno.

Perdere peso
Questo modello alimentare non è il più adatto per dimagrire, poiché è difficile da sostenere nel tempo.

Potrebbe interessarti anche: Dieta vegetariana per diabetici: consigli per pianificarla

Una dieta restrittiva

Insomma, bisogna riconoscere che la dieta verticale è molto restrittiva con fibre e cibi vegetali. Per questo motivo, nella maggior parte dei casi, non è una buona alternativa.

Ed è che il consumo di frutta e verdura si associa a un minor rischio di morte per qualsiasi causa e a una riduzione dell’incidenza delle patologie croniche. Si consigliano 5 porzioni di questi prodotti ogni giorno.

Se si verificano sintomi di tipo intestinale, è meglio consultare uno specialista per ricevere una diagnosi accurata e poter preparare un menu appropriato. Ci sono integratori che aiutano a gestire il processo, come i probiotici.

Anche ridurre temporaneamente l’assunzione di fibre può essere positivo, ma è fondamentale ricominciare a consumarle dopo alcune settimane. Se ci sono dubbi al riguardo, è meglio affidarsi alle mani del nutrizionista.

Potrebbe interessarti ...
Quali sono gli svantaggi della dieta crudista?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Quali sono gli svantaggi della dieta crudista?

La dieta crudista presenta diversi svantaggi che a medio termine possono incidere gravemente sulla salute. Leggi bene quali sono.



  • Prokopidis K, Cervo MM, Gandham A, Scott D. Impact of Protein Intake in Older Adults with Sarcopenia and Obesity: A Gut Microbiota Perspective. Nutrients. 2020;12(8):2285. Published 2020 Jul 30. doi:10.3390/nu12082285
  • Bellini M, Tonarelli S, Nagy AG, et al. Low FODMAP Diet: Evidence, Doubts, and Hopes. Nutrients. 2020;12(1):148. Published 2020 Jan 4. doi:10.3390/nu12010148
  • Gill SK, Rossi M, Bajka B, Whelan K. Dietary fibre in gastrointestinal health and disease. Nat Rev Gastroenterol Hepatol. 2021;18(2):101-116. doi:10.1038/s41575-020-00375-4