75 hard challenge: resisterete a questa sfida sportiva?

La nuova sfida virale di Tik Tok mette alla prova la nostra capacità di superamento, ma comporta anche alcuni rischi. Scoprite che cos'è la 75 hard challenge.
75 hard challenge: resisterete a questa sfida sportiva?

Scritto da Cristian Minich

Ultimo aggiornamento: 10 gennaio, 2023

Ancora una volta, i social network propongono una challenge che mette alla prova la prestanza fisica. Molte persone accettano la sfida come segno di miglioramento personale, “sotto gli occhi di tutti”, anche se ciò significa correre seri rischi. Scoprite in cosa consiste la 75 hard challenge: siete pronti?

La 75 hard challenge è un programma di fitness, alimentazione e disciplina. L’obiettivo è raggiungere i risultati desiderati in 75 giorni. È stata ideata nel 2019 da Andy Frisella, un imprenditore che lavora nel settore della produzione e della vendita di integratori per l’aumento della massa muscolare.

La cosa curiosa è che non è un allenatore sportivo o uno specialista della salute. Tuttavia, questo piano ha guadagnato popolarità tra i giovani che cercano di mostrare agli altri ciò che sono in grado di ottenere.

In che cosa consiste la 75 hard challenge?

La 75 hard challenge prevede il completamento di cinque attività critiche di auto-miglioramento ogni giorno per 75 giorni. Se in uno di questi giorni non riuscite a completare la sfida, dovrete ricominciare da capo. Ecco le attività suggerite: pensate di potercela fare?

1. Seguire un piano nutrizionale

L’obiettivo è seguire una sana alimentazione, anche se la sfida non specifica quale tipo di dieta dovrebbe essere effettuata o in che modo. Questo punto è a discrezione di ciascuno. Naturalmente, viene chiarito che non sono ammessi “trasgressioni” o alcol.

La cosa migliore da fare è consultare un nutrizionista e indicargli le attività che si vogliono svolgere, in modo che possa elaborare un piano alimentare in base alle caratteristiche individuali e al livello di impegno fisico.

75 hard challenge: resisterai a questa sfida sportiva?
Una delle sfide principali della 75 hard è adottare e mantenere una dieta sana.

2. Due sessioni di allenamento ogni giorno

L’organizzazione quotidiana sarà essenziale per raggiungere i vostri obiettivi. Sappiamo che per molte persone è già difficile dedicare un po’ di tempo ogni giorno all’attività fisica e, in questo caso, sarà necessario trovare il tempo per due sessioni. In questa voce sono specificate due linee guida:

  • Ogni sessione di allenamento durerà 45 minuti.
  • Almeno una delle due deve essere all’aperto.

3. Tre litri e mezzo d’acqua al giorno

L’acqua è fondamentale per la pratica sportiva, in quanto aiuta a mantenere un livello ottimale di idratazione. Ma quanto liquido occorre bere? Secondo Frisella, la sfida è bere un gallone, cioè 3,5 litri di acqua al giorno.

Questa raccomandazione è alquanto controversa, poiché il fabbisogno di liquidi dipende da diversi fattori. In uno studio pubblicato nel 2010, la dose giornaliera di liquidi suggerita per gli uomini è di 3.000 millilitri (3 litri) e di 2.200 (2,2 litri) per le donne.

Il consumo eccessivo di acqua ha effetti controproducenti. Per questo motivo è meglio consultare un medico per stabilire la quantità giusta per ogni caso. 

Leggete anche: Fa bene bere acqua frizzante tutti i giorni?

4. Leggere 10 pagine di un libro

La lettura consente di esercitare il cervello, oltre a conoscere e apprendere innumerevoli argomenti. La 75 hard challenge propone di leggere 10 pagine ogni giorno. Dovrebbe essere una lettura educativa o di auto-miglioramento.

Uno dei requisiti è che sia non-fiction. La gamma di possibilità è ampia, siete liberi di scegliere il vostro libro, poiché non ci sono ulteriori indicazioni o raccomandazioni al riguardo.

5. Scattarsi una foto ogni giorno

Può sembrare irrilevante, ma scattare una foto giorno per giorno è importante per seguire l’evoluzione e notare i cambiamenti fisici che iniziano a verificarsi man mano che il programma procede.

Naturalmente, non contribuisce particolarmente sull’aspetto psichico e questo punto potrebbe anche essere omesso. Tuttavia, è anche vero che farlo non costa nulla e che potete trarne vantaggio.

75 hard challenge: vantaggi

Questo tipo di programma, ovviamente, non è per tutti. Tuttavia, chi è disposto e preparato ad affrontarlo raccoglierà sicuramente molti frutti.

La sfida è raggiungere la disciplina necessaria per attenersi al piano completo e quindi migliorare la forma fisica e la salute mentale. Ecco alcuni vantaggi:

  • Aiuta a perdere peso.
  • Migliora l’idratazione.
  • Rafforza la massa muscolare.
  • Aiuta a liberare la mente.
  • Incoraggia la lettura e la conoscenza.
  • Migliora la fiducia e l’autostima.
  • Agisce contro lo stress.

Svantaggi del programma Frisella

Prima abbiamo citato Andy Frisella come ideologo della 75 hard challenge e abbiamo chiarito che è un imprenditore e non uno specialista. Per questo motivo, va notato che il programma presenta alcuni problemi. Questi sono alcuni svantaggi di cui dobbiamo tenere conto al momento di decidere se realizzarla o optare per un altro piano.

Improvviso cambiamento di vita per un breve periodo

Una delle domande ricorrenti è cosa succede una volta terminato il programma. Se lo completiamo, è vero che le modifiche fisiche si rifletteranno nella figura.

Tuttavia, è necessario realizzare un piano per continuare gli allenamenti una volta terminata la sfida. Diversamente, è probabile che torneremo alle nostre abitudini di pre-allenamento e inizieremo a perdere i benefici acquisiti.

Poche linee guida specifiche

Per rispettare la 75 hard challenge, non vengono fornite routine né viene raccomandato alcun esercizio specifico, quindi dovremo trovarli da soli o farci consigliare attività adatte alla nostra condizione.

Non vengono forniti consigli dietetici e bisognerà selezionare i testi per la sfida delle 10 pagine.

Mancanza di flessibilità

La routine da seguire è impegnativa, poiché prevede due mesi e mezzo di attività fisica due volte al giorno. Uno dei principali punti deboli del programma è che è stato omesso il riposo, sempre consigliato nella pratica sportiva, in quanto il sovrallenamento può esporci a un maggior rischio di infortuni.

Oltre a quanto sopra, essere attivi due volte al giorno per 75 giorni sembra un obiettivo molto difficile da raggiungere. È tipico che sorgano imprevisti che costringono la giornata a essere modificata o interrotta e dover, quindi, ricominciare da capo.

Squat laterale in HIIT.
La 75 hard challenge non fornisce raccomandazioni specifiche sulla dieta e l’esercizio fisico. Occorre trovarli da sè.

Avete il coraggio di affrontare la 75 hard challenge?

La prima cosa che dovreste chiedervi è se la 75 hard sia un programma appropriato per voi. Se lo portate a termine, otterrete sicuramente molti vantaggi.

Consideratelo piuttosto come un obiettivo per migliorare la forma fisica e la salute, perché non dovete dimostrare nulla a nessuno. Se siete disposti a seguirla, è meglio elaborare il piano di allenamento e la dieta con l’aiuto di un professionista.

Tenete presente che questa è una sfida molto impegnativa e che potreste scegliere un altro tipo di allenamento per raggiungere i vostri obiettivi. Forse l’opzione migliore è fare una prova e decidere se continuare o abbandonare la sfida. Siete pronti per la challenge?

Potrebbe interessarti ...

Dry scooping, i pericoli di questa sfida virale di TikTok
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Dry scooping, i pericoli di questa sfida virale di TikTok

Dry scooping è la nuova sfida virale che mette a rischio i giovani su TikTok. Consiste nell'assunzione di integratori in polvere non diluiti.



  • Cena H, Calder PC. Defining a Healthy Diet: Evidence for The Role of Contemporary Dietary Patterns in Health and Disease. Nutrients. 2020;12(2):334. Published 2020 Jan 27. doi:10.3390/nu12020334
  • Meinders AJ, Meinders AE. Hoeveel water moeten we eigenlijk drinken? [How much water do we really need to drink?]. Ned Tijdschr Geneeskd. 2010;154:A1757. Dutch. PMID: 20356431. Disponible en: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20356431/
  • Murray SB, Pila E, Mond JM, Mitchison D, Blashill AJ, Sabiston CM, Griffiths S. Cheat meals: A benign or ominous variant of binge eating behavior? Appetite. 2018 Nov 1;130:274-278. doi: 10.1016/j.appet.2018.08.026. Epub 2018 Aug 23. PMID: 30144490. Disponible en: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30144490/

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.