Colazione con avena e semi di chia per appiattire il ventre

15 Dicembre 2015
Oltre ad essere più ricchi di vitamine e minerali rispetto ad altri semi, quelli di chia contengono anche fibra che, aggiunta a quella contenuta nell’avena, aiuterà a regolare il transito intestinale

Dato che molte donne sono in cerca di un integratore alimentare per dimagrire e appiattire il ventre più facilmente, oggi condivideremo questa deliziosa colazione con avena e semi di chia che permetterà di notare la differenza sin dal primo pasto della giornata. Prendete appunti!

Nello sforzo di mantenere un ventre piatto, ogni donna deve impegnarsi al massimo. Sfortunatamente, proprio in quest’area del corpo si accumulano con più facilità grasso e altre sostanze in eccesso che il corpo non riesce a eliminare bene.

In generale si consiglia di adottare un piano alimentare sano e una routine di esercizi fisici che includa movimenti specifici per l’addome. In ogni caso, per dare un ulteriore input ai risultati ottenuti tramite queste due buone abitudini, sarebbe adeguato cominciare anche ad assumere con frequenza alcuni ingredienti dalle proprietà dimagranti.

La combinazione di avena e semi di chia è diventata molto popolare in tutto il mondo come buona opzione per sostituire le nostre abituali colazioni. Entrambi gli ingredienti presentano principi nutritivi essenziali che stimolano la perdita di peso, soprattutto nella zona dell’addome.

Colazione con avena e semi di chia

colazione con avena

Questa ricetta contiene tutto ciò che è necessario per iniziare la giornata al meglio. Infatti è ricca di proteine, vitamine, minerali e fibre necessarie ad attivare il metabolismo e a far aumentare la sensazione di sazietà per il resto della giornata.

Grazie alla facilità con cui può essere preparata, si tratta di un’alternativa perfetta per coloro che non hanno molto tempo. Inoltre si impiegheranno circa 15 minuti per prepararla e la cosa migliore è che gli ingredienti necessari non sono così costosi come altri alimenti.

Come risultato, otterremo una colazione con avena perfetta da includere in una dieta ipocalorica. Infatti è povera di calorie e ricca di principi nutritivi utili a migliorare la nostra salute.

Visitate questo articolo: I benefici di mangiare avena ogni giorno

Ingredienti

  • 500 ml d’acqua
  • 1 tazza d’avena (105 gr)
  • 2 cucchiai di essenza di vaniglia (20 gr)
  • 1 cucchiaio di cannella in polvere (10 gr)
  • 2 cucchiai di miele (50 gr)
  • 1 pizzico di sale
  • 4 cucchiai di semi di chia (40 gr)

Preparazione

  • In una pentola piccola, far bollire l’acqua, la cannella e la vaniglia a fuoco alto
  • Una volta in ebollizione, aggiungete l’avena e continuate a cuocere, ma a fuoco basso per altri 5 minuti
  • Successivamente, ritirate dal fuoco, coprite la pentola e lasciate riposare per altri 5 minuti
  • Aggiungete il miele, il sale e mescolate bene per integrare tutti gli ingredienti
  • Servire in una tazza e spolverizzare con semi di chia
  • Opzionalmente si può aggiungere frutta secca, fragole, more, banane, ecc.
  • Si consiglia di non aggiungere latte perché si tratta di un ingrediente difficile da digerire

Quali sono i benefici di una colazione con avena e semi di chia?

Anche se per ottenere un ventre piatto occorre per prima cosa avere uno stile di vita sano, questa semplice ricetta per la colazione può essere di grande aiuto grazie alle proprietà dei suoi due ingredienti principali.

Benefici dell’avena

benefici-dell'avena

Contiene betaglucani, fibra solubile e polifenoli conosciuti per la loro azione antiossidante che stimola la pulizia naturale del corpo.

Possiede un apporto di fibra che aiuta a regolare i livelli di zucchero nel sangue e fa diminuire la sensazione di appetito per evitare l’ingestione eccessiva di calorie.

È ottima per regolare il movimento intestinale e facilitare l’evacuazione, cosa che a sua volta previene la stitichezza.

Migliora il rendimento fisico e mentale fornendo un apporto significativo di fibre, vitamine e minerali essenziali.

Benefici dei semi di chia

semi-di-chia

Inoltre il consumo regolare di semi di chia può aiutare a perdere peso. Infatti si tratta di un alimento dalle incredibili proprietà sazianti e di una fonte di principi nutritivi che stimolano il buon funzionamento del corpo.

Infatti contengono acidi grassi omega 3 e 6, il doppio delle proteine rispetto ad altri semi, fibra, minerali e composti antiossidanti che proteggono l’organismo da varie malattie.

Grazie al loro valore nutrizionale, inserirli nella dieta può essere utile per ottenere un ventre piatto perché:

Non dimenticate di leggere: Semi di chia, come includerli nell’alimentazione e i benefici

  • Migliorano il rendimento fisico per ottimizzare l’esercizio
  • Aiutano a mantenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue ed eliminano l’ansia di mangiare
  • Inoltre stimolano la depurazione dell’organismo e prevengono la stitichezza

Godetevela! Infatti sono molti i benefici che otterrete includendo in modo regolare questa colazione con avena e chia nella vostra dieta. Anche se l’obiettivo principale è quello di appiattire il ventre, tramite il suo consumo miglioreranno anche la salute digestiva e quella cardiovascolare.

  • Gómez-Martnez, S., Martnez-Gómez, D., Perez De Heredia, F., Romeo, J., Cuenca-Garcia, M., Martn-Matillas, M., … Marcos, A. (2012). Eating habits and total and abdominal fat in Spanish adolescents: Influence of physical activity. the AVENA study. Journal of Adolescent Health. https://doi.org/10.1016/j.jadohealth.2011.08.016
  • Arendt, K., & Zannini, E. (2013). 7 – Oats. In Cereal grains for the food and beverage industries. https://doi.org/10.1533/9780857098924.243
  • Ryan, L., Thondre, P. S., & Henry, C. J. K. (2011). Oat-based breakfast cereals are a rich source of polyphenols and high in antioxidant potential. Journal of Food Composition and Analysis. https://doi.org/10.1016/j.jfca.2011.02.002
  • Mohd Ali, N., Yeap, S. K., Ho, W. Y., Beh, B. K., Tan, S. W., & Tan, S. G. (2012). The promising future of chia, Salvia hispanica L. Journal of Biomedicine and Biotechnology. https://doi.org/10.1155/2012/171956