Come consumare la crusca di frumento: consigli e benefici

Vi mostreremo i principali benefici derivanti dall'assunzione regolare di crusca di frumento, un alimento con fibre e minerali essenziali.
Come consumare la crusca di frumento: consigli e benefici
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 20 dicembre, 2022

La crusca di frumento è un prodotto che può fornire numerosi benefici per la salute se inclusa nella dieta su base regolare. Si tratta di un alimento ad alto contenuto di fibre che aiuta a migliorare il funzionamento dell’apparato digerente. Affinché sappiate come consumarlo correttamente, vi diamo una serie di indicazioni chiave.

Prima di iniziare, dobbiamo precisare che aumentare la presenza di fibre nella dieta è considerato molto positivo per garantire l’omeostasi nell’ambiente interno. Tuttavia, nella maggior parte dei casi l’assunzione raccomandata di 25 grammi al giorno non è coperta. Ciò potrebbe causare problemi come costipazione o condizioni infiammatorie nel tempo.

Benefici della crusca di frumento

Come consumare la crusca di frumento: consigli e benefici
La crusca di frumento fornisce acidi grassi insaturi, minerali e fibre alla dieta.

Innanzitutto, la crusca di frumento possiede una quota significativa di acidi grassi insaturi che contribuiscono a migliorare il profilo lipidico dell’organismo umano. Questi elementi sono determinanti per raggiungere un equilibrio per quanto riguarda l’infiammazione. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata su International Journal of Molecular Sciences. Naturalmente sarà sempre determinante mantenere un equilibrio tra omega 3 e omega 6 nella dieta per massimizzare i benefici.

D’altra parte, la crusca di frumento è un alimento che può fornire una quantità significativa di minerali essenziali. Soprattutto, di fosforo e ferro. Quest’ultimo elemento è determinante per evitare alterazioni nel trasporto dell’ossigeno attraverso il sangue. È stato infatti dimostrato che un suo deficit prolungato nel tempo genera anemia, patologia che provoca stanchezza e affaticamento cronico.

Inoltre, questo alimento contiene dosi interessanti di fibre. Questo elemento aiuta a prevenire patologie digestive di vario tipo. Non serve solo a migliorare il transito ed evitare la stitichezza, ma aiuta anche a consolidare un buono stato a livello di microbiota. Infatti funge da substrato energetico per i batteri che abitano il tubo digerente, facilitandone la crescita.

Dai processi di fermentazione che svolgono, grazie alla fibra, viene sintetizzata un’elevata quantità di acidi grassi a catena corta. Questi composti sono antinfiammatori, secondo le prove più recenti. Aiutano a prevenire lo sviluppo di problemi come la sindrome dell’intestino irritabile e altri tipi di malattie autoimmuni.

Come consumare la crusca di frumento?

Come consumare la crusca di frumento: consigli e benefici
Potete preparare ogni tipo di ricetta con la crusca di frumento o consumarla direttamente con yogurt e frutta.

La crusca di frumento è disponibile in qualsiasi supermercato o negozio di alimenti naturali. Normalmente viene commercializzato in buste ed è importante controllare l’etichettatura per verificare che sia un edibile privo di additivi e prodotti chimici.

In questo modo, la sua sicurezza è assicurata. È fondamentale sottolineare che un’elevata assunzione di questa classe di prodotti nella dieta potrebbe finire per danneggiare la diversità a livello del microbiota.

Il modo migliore per consumare la crusca di frumento è introdurla a colazione. Sono molte le ricette per sfruttarne al meglio le caratteristiche organolettiche. Si abbina molto bene con lo yogurt e con vari tipi di frutta. Così, la presenza di fibra nel piatto viene ulteriormente aumentata, combinandola con probiotici e altri composti antiossidanti che saranno davvero benefici per l’ambiente interno.

Potrebbe interessarvi anche: Pane senza glutine di grano saraceno e riso

Un buon compagno per la farina d’avena

Uno dei cereali che meglio si combina con la crusca di frumento è la farina d’avena, un prodotto che fornisce una grande quantità di fibre solubili. Quelle presenti nell’avena si chiamano beta-glucani. Sono chiamati composti prebiotici, poiché sono particolarmente benefici per il microbiota.

La miscela di crusca e avena stimolerà al massimo i processi intestinali. Tuttavia, dobbiamo tenere a mente che la fibra agisce anche come antinutriente, riducendo la disponibilità di alcune vitamine e minerali. Per questo motivo, non è consigliabile superare le quantità giornaliere consigliate.

Crusca di frumento, un prodotto di qualità con numerosi vantaggi

Come abbiamo visto, l’inclusione della crusca di frumento nella dieta è considerata molto benefica per la salute. È un prodotto biologico di buona qualità che può essere consumato quotidianamente per aiutare a soddisfare il fabbisogno di fibre.

Pertanto, è possibile prevenire lo sviluppo di varie patologie croniche e complesse, come quelle che influenzano il funzionamento del tubo intestinale. In effetti, queste stanno diventando sempre più frequenti nelle popolazioni dei paesi sviluppati.

Infine, va notato che in determinate situazioni può essere utile limitare temporaneamente l’assunzione di fibre. Un esempio potrebbe essere la comparsa di un processo di disbiosi. Tuttavia, in questi casi ciò che si dovrebbe fare è rivolgersi ad un nutrizionista professionista per seguire un piano adeguato che permetta di ripristinare l’omeostasi nell’ambiente interno con il minimo rischio possibile.

Potrebbe interessarti ...
Germe di grano: cos’è e come si prepara
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Germe di grano: cos’è e come si prepara

Il germe di grano è un tipo di farina ottenuta dalla parte più tenera del grano. Ecco come prepararlo e godere dei suoi benefici.



  • Ravaut, G., Légiot, A., Bergeron, K. F., & Mounier, C. (2020). Monounsaturated Fatty Acids in Obesity-Related Inflammation. International journal of molecular sciences22(1), 330. https://doi.org/10.3390/ijms22010330
  • Cappellini, M. D., Musallam, K. M., & Taher, A. T. (2020). Iron deficiency anaemia revisited. Journal of internal medicine287(2), 153–170. https://doi.org/10.1111/joim.13004
  • Sivaprakasam, S., Prasad, P. D., & Singh, N. (2016). Benefits of short-chain fatty acids and their receptors in inflammation and carcinogenesis. Pharmacology & therapeutics164, 144–151. https://doi.org/10.1016/j.pharmthera.2016.04.007

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.