Quando è necessario seguire una dieta povera di fibre?

Come regola generale, è positivo garantire la presenza di fibre nella dieta. Tuttavia, ci sono delle eccezioni. Ti diciamo quali sono in questo articolo.
Quando è necessario seguire una dieta povera di fibre?
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 25 agosto, 2022

In alcune situazioni è necessario seguire una dieta povera di fibre. Si tratta di una sostanza importante per mantenere una corretta salute intestinale. Tuttavia, in determinati momenti, può avere delle controindicazioni. Sarà necessario limitarne l’assunzione in via temporanea per gestire adeguatamente alcuni problemi di salute che menzioneremo di seguito.

Prima di iniziare, va precisato che l’ideale è garantire un consumo giornaliero di 25 grammi di fibra. In questo modo, l’ambiente interno funziona in modo ottimale, almeno per quanto riguarda la salute dell’intestino e dell’apparato digerente. La sua assimilazione non solo previene la stitichezza, ma è anche la chiave per l’assorbimento di alcuni nutrienti. Quindi, in quali casi bisogna ridurre l’assunzione di fibre?

Quando seguire una dieta povera di fibre?

Il primo degli scenari in cui si deve ridurre il consumo di fibre è quello della disbiosi intestinale. Di solito si verifica con una crescita eccessiva batterica di microrganismi patogeni, che dà origine a problemi digestivi.

Dopotutto, la fibra è il principale substrato energetico per i batteri che abitano il tubo, ma la crescita che promuove non è selettiva. Se quelli nocivi per l’uomo abbondano, la presenza di tale sostanza nella dieta sarà controproducente.

Ci sono diversi tipi di disbiosi. Alcuni sono causati da una perdita di densità complessiva di microrganismi. In questo contesto, non sarebbe necessario limitare l’apporto di fibre, ma il contrario.

Naturalmente, in quasi tutte le situazioni di questo stile, è consigliabile integrare con probiotici. Questi prodotti hanno dimostrato di esercitare effetti molto positivi sulla funzione digestiva, poiché riescono a recuperare l’equilibrio in termini di microrganismi.

In ogni caso, prima di ricorrere ad una strategia dietetica di questo tipo, è sempre consigliabile consultare un nutrizionista. Potrebbe essere necessario eseguire una coltura delle feci per conoscere con precisione la causa del problema ed essere in grado di attaccarlo in modo efficiente.

Non va ignorato che ci sono molte patologie intestinali che presentano sintomi simili, quindi ottenere una diagnosi accurata sarà determinante.

Batteri nel corpo umano e nel cibo.
Nella maggior parte dei casi di disbiosi intestinale, è essenziale limitare l’assunzione di fibre. Altrimenti, la situazione potrebbe peggiorare.

Per saperne di più: Carboidrati fibrosi: cosa sono e dove trovarli

Limitare le fibre in caso di malattie infiammatorie intestinali

Quando sono presenti patologie intestinali di tipo infiammatorio, è anche necessario moderare il consumo di fibre. Questi tipi di malattie hanno solitamente una componente autoimmune e sono ancora sconosciuti in molti aspetti della loro fisiologia.

Quello che si sa è che la soppressione di elementi come glutine e fibre nel regime potrebbe migliorare il trattamento, poiché favorisce il controllo dei sintomi. Lo conferma uno studio pubblicato sul Journal of Gastroenterology and Hepatology.

Tuttavia, dipenderà molto dalla tolleranza a livello individuale. Per alcune persone con questo tipo di malattie, le fibre provocano gonfiore, dolore addominale e gas intestinali. Ma non è sempre così. In altri casi sono ben tollerate, soprattutto quelle di tipo solubile.

Questo dipenderà molto dal tipo specifico di patologia che si è sviluppato e dalle caratteristiche genetiche di ciascuno. Anche trattamento farmacologico.

D’altra parte, è fondamentale evidenziare che la riduzione di fibre nella dieta ha conseguenze negative sulla salute a medio termine. Come abbiamo accennato, questa sostanza è il principale substrato energetico dei batteri che abitano il tubo.

Pertanto, se non si riproducono, è possibile che i processi digestivi siano condizionati negativamente, come evidenziato da una ricerca pubblicata su The Journal of Medical Investigation.

Ostruzione intestinale e dieta povera di fibre

Non dobbiamo nemmeno trascurare le situazioni di occlusione intestinale. In questo caso solitamente ci troviamo di fronte ad un problema che non permette il corretto passaggio del bolo fecale attraverso il tubo digerente.

In alcune occasioni richiede un intervento chirurgico, ma è sempre necessario adattare la dieta. È meglio garantire assunzioni frequenti e piccole in termini di volume, con poca fibra.

Va ricordato che la fibra è una sostanza non digeribile che aumenta notevolmente il volume del bolo. Questo è positivo perché permette la stimolazione dei meccanocettori dell’intestino e migliora i movimenti peristaltici per evitare la stitichezza.

Nonostante quanto sopra, in caso di stenosi o ostruzione meccanica, potrebbe essere un problema, poiché può bloccarsi. Tuttavia, sarà il medico o il nutrizionista a determinare quanto limitare il consumo di fibre.

In generale, è opportuno adeguare la dieta e reintrodurre la sostanza progressivamente man mano che il problema si risolve, per evitare mali maggiori. Infatti, la mancanza di fibra in molte diete è più preoccupante della sua presenza in certi casi patologici.

Alimenti con fibre alimentari per combattere la stitichezza nei bambini.
Limitare o meno l’assunzione di fibre dipende da ogni singolo caso. Pertanto, si consiglia di consultare un medico.

Leggi anche: 3 gustosi frullati ricchi di fibra per iniziare la giornata

Quali alimenti contengono fibre?

Sta a noi decidere quali sono gli alimenti con la maggior quantità di fibre. Spesso sono a base vegetale, come le seguenti opzioni:

  • Cereali integrali.
  • Frutta.
  • Verdura.
  • Legumi.
  • Noci e frutta secca.

Naturalmente, non in tutti questi prodotti c’è la stessa relazione tra fibra solubile e fibra insolubile. Detto questo, alcune verdure (come le crucifere) e cibi come i legumi hanno al loro interno un tipo di fibra che ha un’elevata capacità di fermentazione nel tubo.

Di solito provocano gas, quindi le persone con una predisposizione a soffrire di questo sintomo dovrebbero fare attenzione al loro consumo, soprattutto quando causano dolore e disagio.

Non è sempre necessario consumare molte fibre nella dieta

Come avete visto, ci sono una serie di casi in cui sarebbe positivo ridurre temporaneamente il consumo di fibre per migliorare la gestione delle varie patologie e prevenire le complicazioni associate.

Grazie a questa strategia, il gas e il dolore addominale saranno ridotti, tra gli altri problemi. Naturalmente, la diagnosi deve essere corretta e la strategia sempre supervisionata da un professionista.

Potrebbe interessarti ...
Stai consumando troppe fibre? 5 segni
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Stai consumando troppe fibre? 5 segni

Come per ogni eccesso, assumere fibre in modo esagerato può essere negativo per il nostro corpo, sebbene le conseguenze siano meno note.



  • Judkins, T. C., Archer, D. L., Kramer, D. C., & Solch, R. J. (2020). Probiotics, Nutrition, and the Small Intestine. Current gastroenterology reports22(1), 2. https://doi.org/10.1007/s11894-019-0740-3
  • Gibson P. R. (2017). Use of the low-FODMAP diet in inflammatory bowel disease. Journal of gastroenterology and hepatology32 Suppl 1, 40–42. https://doi.org/10.1111/jgh.13695
  • Kataoka K. (2016). The intestinal microbiota and its role in human health and disease. The journal of medical investigation : JMI63(1-2), 27–37. https://doi.org/10.2152/jmi.63.27