Importanza del microbiota cutaneo per la salute della pelle

Ci sono milioni di batteri, funghi e virus che vivono sulla pelle. Il microbiota cutaneo combatte quotidianamente per proteggere il corpo dalle aggressioni esterne. Ne parliamo in questo articolo.
Importanza del microbiota cutaneo per la salute della pelle

Ultimo aggiornamento: 08 settembre, 2022

La pelle umana è più di un rivestimento esterno: è un grande organo indispensabile per la sopravvivenza. Questo è il piano di scambio e di connessione tra l’ambiente interno e l’ambiente. In essa risiede un ecosistema di microrganismi benefici per la salute. Che ne dici di scoprire l’importanza del microbiota cutaneo per la salute della pelle? Continua a leggere.

Come altre aree del corpo, la pelle ha il suo microambiente unico composto da milioni di batteri, funghi e virus. Il microbiota cutaneo, chiamato anche microflora o microbioma, è costituito da un insieme di microrganismi invisibili che proteggono il corpo umano dalle aggressioni esterne.

In questo senso, è fondamentale mantenere un microbioma equilibrato per evitare un gran numero di malattie e condizioni. Questo ecosistema varia a seconda dell’età, dello stato generale di salute, dell’ambiente e dell’immunità di ogni persona.

Cos’è il microbiota cutaneo?

Con il termine microbiota si indica una comunità di microrganismi viventi appartenenti ad una specifica nicchia ecologica, costituita da specie stabili ed altre transitorie. È essenziale per l’organismo e mantiene una relazione simbiotica o reciprocamente vantaggiosa con il corpo umano.

Questo ecosistema è composto da oltre 100 trilioni di microrganismi distribuiti in tutto il corpo. Infatti, il loro numero supera fino a 10 volte le nostre cellule e comprende almeno 1000 tipi di specie batteriche conosciute. La pelle è l’organo con il più grande microbiota, dopo l’intestino.

Gli studi affermano che i batteri formano circa il 95% del microbiota cutaneo, di cui il 60% appartiene alla famiglia degli Actinobacteria e il 25% ai Firmicutes. I principali rappresentanti sono i seguenti:

  • Corinebatteri.
  • Propinobatteri.
  • Stafilococchi.

Allo stesso modo è comune la presenza sulla pelle di funghi del genere Malassezia, la cui eccessiva proliferazione favorisce la forfora e la pitiriasi. È possibile mostrare parassiti, come gli acari, nei follicoli piliferi della pelle.

Ci sono alcuni microrganismi che abitano la pelle per tutta la vita e formano il microbioma residente. D’altra parte, c’è anche un gruppo di agenti transitori che non sempre vi risiedono.

Microbiota cutaneo residente

Sono microrganismi detti commensali, poiché sopravvivono a spese dell’ospite senza causare malattie. In generale, sono quelli incaricati di attaccare i germi estranei che cercano di rubare i loro nutrienti o di replicarsi. I più comuni sono Staphylococcus epidermidis e Malassezia spp.

Microbiota cutaneo.
I microrganismi possono risiedere sulla pelle in modo permanente o abitarla occasionalmente.

Microbiota cutaneo transitorio

Questa flora si stabilisce temporaneamente sulla pelle a seconda dell’ambiente, delle condizioni meteorologiche e delle attività quotidiane. Di solito sono microrganismi innocui, principalmente saprofiti, che si nutrono di materia in decomposizione.

Allo stesso modo, il microbiota cutaneo transitorio include anche agenti patogeni opportunisti in grado di causare malattie quando l’immunità è depressa. Uno dei più frequenti è lo Staphylococcus aureus, che è responsabile di diverse condizioni, come la cellulite.

Importanza del microbiota cutaneo

La microflora cutanea fa parte della prima barriera di difesa del corpo umano contro le aggressioni e gli agenti patogeni esterni. Attualmente, gli studi affermano che ci sono microrganismi che partecipano attivamente per allertare il sistema immunitario di potenziali infezioni.

Questo ecosistema impedisce la moltiplicazione dei germi nocivi, riducendo il rischio di colonizzazione e invasione. Infatti i batteri del microbiota sono in grado di produrre sostanze tossiche, dette batteriocine, destinate a distruggere altre specie batteriche.

Allo stesso modo, i microrganismi cutanei svolgono un ruolo importante nella modulazione dell’infiammazione. Questo è il risultato di una continua interazione tra il sistema immunitario e il microbioma.

Secondo studi scientifici, il sistema immunitario modula le esacerbazioni del microbiota attraverso peptidi, come la catelicidina. Allo stesso modo, i batteri residenti sulla pelle hanno la capacità di bloccare il rilascio di mediatori infiammatori.

Come se non bastasse, favoriscono la guarigione delle ferite cutanee, riducono il danno ossidativo e riducono al minimo l’esposizione a sostanze allergizzanti.

Inoltre, è uno dei pilastri della cosmetologia e della medicina antietà, poiché il microbiota cutaneo è responsabile di mantenere la pelle umida, morbida e liscia. Riduce anche gli effetti dannosi dei raggi ultravioletti (UV).

Per questo motivo, se l’ecosistema cutaneo è alterato (disbiosi), è più probabile che si manifestino problemi come dermatite atopica, psoriasi e rosacea. In caso di disbiosi cutanea verrebbe compromessa la barriera di protezione esterna e aumenterebbe il rischio di infezioni.

Dove vive il microbiota cutaneo?

Gli agenti della microflora sono distribuiti in tutta la pelle, con grande affinità per i follicoli piliferi e le ghiandole, secondo la ricerca.

All’interno delle regioni anatomiche con il più alto volume di microrganismi si trovano le seguenti:

  • Pieghe del gomito e dell’ascella.
  • Avambracci e gambe.
  • Sotto il seno.
  • Palme e piante.
  • Tra le dita.
  • Inguine.

Allo stesso modo, il cuoio capelluto, il collo e il tronco sono zone ricche di ghiandole sebacee che favoriscono la riproduzione e la crescita del microbiota cutaneo. È il caso di alcuni cutibatteri, acari del genere Demodex e vari funghi.

Le ascelle hanno il microbiota cutaneo.
A volte la disbiosi sotto le ascelle favorisce la produzione di un odore sgradevole.

Variazioni della microflora cutanea

La microflora della pelle inizia a formarsi dal momento in cui nasciamo. In caso di parto vaginale, l’ecosistema cutaneo del neonato sarà rifornito dal microbiota vaginale.

Nei bambini nati con parto cesareo, invece, questo microambiente sarà forgiato dallo scambio cutaneo con la madre e dall’esposizione all’ambiente.

Attualmente, il microbiota cutaneo è considerato un marcatore unico che varia in quantità e contenuto da una persona all’altra. È influenzato da età, sesso, sistema immunitario, pH, ormoni, umidità e temperatura corporea. In questo senso, il pH degli uomini è solitamente più acido di quello delle donne, quindi tendono ad avere un numero maggiore di microrganismi.

Fattori che potrebbero danneggiarlo

Nel corso degli anni, la ricerca ha dimostrato che l’ uso eccessivo di antibiotici, la scarsa igiene e l’uso di più farmaci possono danneggiare il microbiota intestinale. Qualcosa di simile accade con la microflora della pelle.

In generale, l’uso di disinfettanti e saponi antisettici è benefico, poiché riduce il rischio di molte malattie. Tuttavia, un’igiene eccessiva con sostanze chimiche alcaline può causare disbiosi cutanea.

Allo stesso modo, anche la mancanza di esposizione all’ambiente durante la crescita genera problemi nella proliferazione del microbiota nativo. Quest’ultimo favorisce una minore immunità e un maggiore rischio di infezioni e allergie.

Gli studi hanno dimostrato che tutto ciò che colpisce il microbioma intestinale comprometterà anche la salute dell’ecosistema cutaneo, il prodotto dell’asse intestino-pelle. Inoltre, un fattore che compromette ampiamente la salute del microbioma cutaneo è lo stile di vita moderno.

L’ambiente urbano favorisce una flora cutanea meno diversificata e meno funzionale. Uno studio recente ha dimostrato che l’esposizione all’aperto di routine è benefica per la microflora in tutto il corpo trasferendo i microrganismi ambientali.

Ulteriori raccomandazioni

È possibile sfruttare le dinamiche di cambiamento e rinnovamento del microbiota cutaneo per riparare eventuali danni dovuti allo stile di vita. Alcuni consigli per prendersi cura della salute del microbioma cutaneo sono i seguenti:

  • Utilizzare i probiotici sotto indicazione medica per ripristinare la microflora intestinale e cutanea.
  • Ridurre la frequenza del lavaggio delle mani, soprattutto con metodi aggressivi.
  • Utilizzare prodotti per l’igiene con un pH salutare di circa 5,5.
  • Mantenere una dieta ricca di proteine, grassi buoni e verdure.
  • Evita di mangiare cibi trasformati e ricchi di zucchero.
  • Pratica esercizi 2 o 3 volte a settimana.
  • Consuma molta acqua ogni giorno.
  • Evita le situazioni stressanti.

Una barriera naturale contro le aggressioni esterne

Il microbiota cutaneo è costituito da milioni di batteri, virus, funghi e parassiti che fungono da barriera di difesa naturale. In generale, è un ecosistema equilibrato che offre grandi benefici per la salute.

Tuttavia, la disbiosi cutanea aumenta il rischio di infezioni. Per questo motivo è fondamentale prendersi cura della flora cutanea.

Potrebbe interessarti ...
L’alimentazione influisce sul microbiota: come?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
L’alimentazione influisce sul microbiota: come?

Volete scoprire in che modo l'alimentazione influisce sul microbiota intestinale e quale dieta dobbiamo seguire? Scopritelo in questo articolo.



  • Beltrán M. Microbiota autóctona. Farmacia Profesional. 2017; 31(2): 17-21.
  • Selway C, Mills J, Weinstein P, Skelly C, et al. Transfer of environmental microbes to the skin and respiratory tract of humans after urban green space exposure. Environment International. 2020;145:106084.
  • Nakatsuji T, Chiang HI, Jiang SB, Nagarajan H, et al. The microbiome extends to subepidermal compartments of normal skin. Nat Commun. 2013;4:1431.
  • Kim JE, Kim HS. Microbiome of the Skin and Gut in Atopic Dermatitis (AD): Understanding the Pathophysiology and Finding Novel Management Strategies. J Clin Med. 2019 Apr 2;8(4):444.
  • Okada H, Kuhn C, Feillet H, Bach JF. The ‘hygiene hypothesis’ for autoimmune and allergic diseases: an update. Clin Exp Immunol. 2010 Apr;160(1):1-9.
  • Salem I, Ramser A, Isham N, Ghannoum MA. The Gut Microbiome as a Major Regulator of the Gut-Skin Axis. Front Microbiol. 2018 Jul 10;9:1459.
  • Swaney M, Kalan L. Living in Your Skin: Microbes, Molecules, and Mechanisms. Infection and Immunity. 2021;89(4).