Come insegnare ai bambini a essere persistenti?

Uno dei vantaggi di insegnare ai bambini a essere persistenti è che impareranno a cercare soluzioni ai problemi. Scoprite come accompagnarli in questo percorso.
Come insegnare ai bambini a essere persistenti?

Ultimo aggiornamento: 25 febbraio, 2022

“Tutti vedono il tuo successo, ma non i tuoi sforzi.” Questa frase si riferisce al fatto che molte volte il raggiungimento dell’obiettivo offusca o oscura lo sforzo quotidiano; quei piccoli passi chiamati persistenza. Di cosa si tratta? Quando si sviluppa? Come insegnare ai bambini a essere persistenti? Scopritene un po’ di più in questo articolo.

Cosa significa essere persistenti?

La persistenza ha a che fare con la costanza, la perseveranza, lo stare sul pezzo. Implica non arrendersi quando le cose diventano difficili e incoraggiarsi a fare di più, superando le sfide.

La persistenza è anche legata alla tenacia e allo sforzo. Richiede una visione a lungo termine, un obiettivo più grande, al di là della gratificazione della quotidianità.

Significa imparare a scegliere, poiché molte volte dobbiamo rinunciare ad alcune cose. Ad esempio, se voglio fare un buon allenamento il sabato mattina, dovrò riposarmi bene il venerdì sera, anche se vorrei trattenermi a quella festa fino a tardi.

Il vantaggio di essere persistenti

La persistenza ha il vantaggio di andare di pari passo con la soddisfazione. Di aver raggiunto la meta o almeno averci provato.

Lungo la strada, impariamo molte cose, specialmente su noi stessi. Sviluppiamo diverse abilità e a volte conosciamo persone nuove.

In generale, la persistenza tende ad avere un saldo positivo. Tuttavia, affinché ciò avvenga, è sempre consigliabile lavorare sulle diverse emozioni coinvolte nel processo, in modo da sviluppare anche una certa tolleranza alla frustrazione.

Qual è il vantaggio di insegnare ai bambini a essere persistenti? Innanzitutto, il fatto che incontrare difficoltà lungo la strada consentirà loro di cercare soluzioni. In questo modo impareranno a risolvere problemi, qualcosa di molto utile che potranno applicare in altri campi, come la scuola.

Insegnare ai bambini a essere persistenti.
Nel passaggio alla scuola è molto importante che i bambini conoscano la persistenza e sappiano come usarla.

Le chiavi per aiutare i bambini a essere persistenti

È molto importante insegnare ai bambini a essere persistenti, poiché è un valore che li accompagnerà per tutta la vita, nella sfera personale e professionale. Ecco una piccola guida per i genitori:

  • Aiutateli a regolarsi (in modo che possano farlo da soli in seguito). È importante che i bambini sappiano che se sono stanchi o succede qualcosa, possono prendersi una pausa. Perseveranza significa avere continuità, ma non a tutti i costi. A volte, per andare avanti, occorre sapere quando fermarsi. Il processo deve essere più prezioso e divertente del risultato stesso.
  • Non interrompeteli. Quando i bambini sono occupati in un compito, spesso li interrompiamo e chiediamo loro di fare qualcos’altro. Questo li deconcentra e li disconnette da ciò che stanno facendo; qualcosa che va contro il beneficio della persistenza.
  • Accompagnateli. Uno dei modi migliori per stimolare la perseveranza è pensare ad attività da fare insieme per motivarli e farli sentire appoggiati. Ad esempio, se al bambino piace molto il tennis, ma è pigro e non ha voglia di andare a lezione, potete cogliere l’occasione per fare un’attività nello stesso circolo ed essere di compagnia.
  • Visualizzare l’obiettivo. Se li aiutate a visualizzare come ci si sente a raggiungere un obiettivo, se possono fantasticare su quel risultato, saranno sicuramente più motivati.
  • La fiducia è la base. Per insegnare ai bambini a essere persistenti, è importante che abbiano fiducia in se stessi. Ma per fare questo dovranno vedere che anche noi ci fidiamo di loro. A questo scopo è importante farli partecipare ai lavori domestici in modo che imparino ad assumersi le proprie responsabilità. Per non frustrarli si possono proporre attività di complessità via via crescente.
  • Ogni bambino ha il suo tempo. Questo è essenziale da capire, poiché imporre i tempi del mondo adulto al suo ritmo riflette impazienza e provoca ansia.
  • Congratulatevi con loro per i successi e per lo sforzo. Naturalmente, oltre a lodare l’obiettivo raggiunto, è anche necessario riconoscere lo sforzo, il tempo e la perseveranza.

È bene stimolare lo spirito di miglioramento e di crescita, ma è altrettanto importante imparare a gestire le emozioni quando le cose non vanno come vorreste. D’altra parte, bisognerà anche insegnare al bambino il rispetto. Non è necessario “passare sui cadaveri degli altri” per raggiungere gli obiettivi. Cioè, educhiamoli alla sana competizione.

Madre insegna al figlio a essere persistente.
Accompagnare i bambini nelle loro attività è un modo per condividere con loro la tenacia.

Non romanticizzare la persistenza nei bambini

È importante riconoscere i benefici della persistenza, ma occorre anche ammettere che spesso è difficile e costosa. Parliamone con i bambini e le bambine.

Ci saranno giorni in cui sarà molto più gratificante stare a letto che alzarsi per fare i compiti. Non dovrebbero sentirsi in colpa per questo. Quello che possiamo fare è offrire loro risorse e alternative per motivare la persistenza e percepire il beneficio.

In questo senso è importante che gli adulti di riferimento non si sentano frustrati o si arrendano davanti ai bambini, poiché questi ultimi potrebbero ricevere il messaggio di non essere capaci. Perciò è necessario che anche gli adulti rivedano lo stile di educazione che utilizzano sui più piccoli.

Ad esempio, i genitori con uno stile autoritario tenderanno a frustrare e scoraggiare più facilmente i propri figli. Mentre quelli che hanno uno stile democratico saranno un’importante fonte di motivazione.

Potrebbe interessarti ...
Stimolare l’autostima nei bambini, 4 strategie
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Stimolare l’autostima nei bambini, 4 strategie

Stimolare l'autostima nei bambini è un percorso che conduce all'autonomia, alla responsabilità, alla forza. Ecco come affrontare questa sfida impor...



  • Castillo, S., Sibaja, D., Carpintero, L., & Romero-Acosta, K. (2015). Estudio de los estilos de crianza en niños, niñas y adolescentes en Colombia: un estado del arte. Búsqueda2(15), 64-70.
  • Lacunza, A. B., & de González, N. C. (2011). Las habilidades sociales en niños y adolescentes. Su importancia en la prevención de trastornos psicopatológicos. Fundamentos en humanidades12(23), 159-182.
  • Foster, S. L., Brennan, P., Biglan, A., Wang, L., & al-Gaith, S. (2006). Prevención de problemas de conducta: lo que sí funciona. CENEVAL.
  • Pacho, Z. R., & Triñanes, E. R. (2011). Programas de entrenamiento para padres de niños con problemas de conducta: una revisión de su eficacia. Anales de Psicología/Annals of Psychology, 27(1), 86-101.