Dieta a basso contenuto di carboidrati: menù giornalieri

27 Gennaio 2020
Se il nutrizionista lo ritiene opportuno, seguire una dieta a basso contenuto di carboidrati può aiutare a perdere peso più facilmente. Per questo è indispensabile consultare un professionista.

L’adozione di una dieta a basso contenuto di carboidrati è una delle tendenze più attuali per perdere peso in modo sano. Consiste nel ridurre al massimo i cibi che contengono questa sostanza nutritiva, optando per fonti che hanno un apporto minimo di carboidrati, come frutta e verdura.

Tuttavia, per compensare, si propone di aumentare l’assunzione di proteine ​​e grassi “buoni” insaturi. Inoltre, grazie al loro alto valore energetico, stimolano le funzioni metaboliche ottimizzando il consumo dei grassi.

Una dieta a basso contenuto di carboidrati offre un piano alimentare molto completo, poiché riduce solo i carboidrati, non li elimina del tutto. Quali sono i vantaggi? Come pianificare i menu?

In questo articolo vogliamo rivedere alcuni dei benefici di questa dieta e le semplici linee guida per metterla in pratica. Ma prima, ricordate che i menu proposti dovrebbero essere seguiti solo per 7 giorni, passato questo periodo dovete riprendere una dieta completamente bilanciata.

Scoprite anche: Infuso di carciofo ed equiseto anticellulite

Quali sono i vantaggi di una dieta a basso contenuto di carboidrati?

In una dieta a basso contenuto di carboidrati bisogna limitare il consumo di alimenti come riso, pasta e pane, al fine di perdere peso più facilmente. Non è un programma alimentare restrittivo, poiché include alcune fonti di carboidrati complessi, proteine ​​e acidi grassi.

Perdere peso

I carboidrati, chiamati anche glucidi, sono uno dei macronutrienti alla base della piramide nutrizionale. Tuttavia, quando si tratta di perdere peso, è necessario limitarne l’assunzione e scegliere gli alimenti che li contengono in quantità minime.

Seguendo una dieta a basso contenuto di carboidrati, si producono anche altri benefici nel corpo. Si tratta, infatti, di un’ottima scelta alimentare per ridurre i rischi cardiovascolari che spesso si presentano a causa dell’obesità.

Dieta a basso contenuto di carboidrati: cibi consentiti e vietati

Di fatto, per una dieta a basso contenuto di carboidrati, è importante imparare conoscere gli alimenti consentiti e quali andrebbero limitati. In questo modo, si possono reperire altre fonti di energia per il corpo e i menu giornalieri saranno più vari.

Dieta a basso contenuto di carboidrati: cibi consentiti e vietati

Cibi consentiti

  • Uova
  • Olio d’oliva
  • Latticini a basso contenuto di grassi
  • Frutta e verdura fresca
  • Legumi e frutta secca
  • Avocado (sia il frutto che l’olio)
  • Caffè e infusi senza zucchero
  • Carni magre (carne, pollo e pesce)
  • Semi sani (chia, lino, sesamo, ecc.)
  • Condimenti ed erbe fresche

Alimenti vietati

  • Patate e riso
  • Mais e derivati
  • Zucchero raffinato
  • Frutta sciroppata
  • Cioccolato e derivati
  • Dessert zuccherati
  • Pasta e cereali integrali
  • Bevande analcoliche e zuccherate
  • Latte intero e latticini aromatizzati
  • Dolci e prodotti da forno industriali

Menù settimanale per una dieta a basso contenuto di carboidrati

Salmone

L’obiettivo di questa dieta a basso contenuto di carboidrati, è pertanto quello di ottenere una riduzione del grasso corporeo. Così, si sfruttano le proprietà di altri macronutrienti, come proteine ​​e grassi, che diventano la principale fonte di energia. Pertanto, è consigliabile moderare le calorie totali in generale, poiché in eccesso impediscono di ottenere buoni risultati.

Lunedì

  • Colazione: un bicchiere di latte scremato, una tazza di fragole e due uova sode.
  • Pranzo: una porzione di pollo o pesce, pomodoro a fette con olio d’oliva e porzione di legumi.
  • Cena: insalata verde con pezzi di petto di pollo o prosciutto e infuso a piacere.

Martedì

  • Colazione: un pompelmo, una fetta di pane integrale con burro di arachidi e caffè a piacere.
  • Pranzo: una bistecca alla griglia, insalata mista con pomodoro, mela verde e tè freddo.
  • Cena: una porzione di tonno con insalata di crescione e infuso.

Mercoledì

  • Colazione: uova strapazzate con peperoncino e cipolla, pane tostato e caffè nero.
  • Pranzo: una porzione di petto di pollo arrosto, insalata di lattuga e pomodoro, una fetta di kiwi e tè.
  • Cena: insalata di spinaci e peperoni verdi con formaggio e prosciutto di tacchino, infusione a piacere.

Giovedì

  • Colazione: frullato di fragole e mirtilli con latte di cocco e fetta di pane integrale con formaggio fresco.
  • Pranzo: una porzione di pesce con erbe aromatiche, pomodorini e avocado e infuso a piacere.
  • Cena: un hamburger di carne alla griglia, insalata verde e tè.

Venerdì

  • Colazione: mezza ciotola di more, yogurt scremato e noci.
  • Pranzo: una porzione di carne maiale e insalata di lattuga, pomodoro e cipolla.
  • Cena: insalata di tonno, una fetta di pane integrale e un mandarino.

Sabato

  • Colazione: un uovo sodo, latte scremato e una tazza di fragole o mirtilli.
  • Pranzo: insalata mista con verdure e noci, una porzione di pesce e tè freddo.
  • Cena: due fette di prosciutto di tacchino, cetriolo con limone e tè a piacere.

Domenica

  • Colazione: un bicchiere di yogurt con mandorle e mezza tazza di more.
  • Pranzo: una porzione di salmone, insalata di lattuga e cetriolo, avocado e tè freddo.
  • Cena: insalata mista con fesa di tacchino, infusione e mezzo pompelmo.

Spuntini consentiti

  • Una manciata di frutta secca
  • Infusi alle erbe
  • Yogurt magro naturale
  • Macedonia di frutta
  • Bevande vegetali

Nota: questi menu sono solo un modello per una dieta a basso contenuto di carboidrati. Possono variare includendo sempre gli alimenti consentiti. Pertanto, se l’obiettivo è quello di perdere peso, l’ideale è seguire i consigli di nutrizionista e mantenere uno stile di vita attivo.

Potrebbe interessarvi: 12 alimenti per combattere l’artrite

Conclusioni

Infine, una dieta a basso contenuto di carboidrati è un semplice piano alimentare che può fornire molti vantaggi. Nonostante ciò, non è conveniente prolungarla a lungo, perché questi macronutrienti sono una delle principali fonti di energia per l’organismo.