Dieta degli astronauti: analisi e rischi da conoscere

Hai mai sentito parlare della dieta degli astronauti? Vi raccontiamo i rischi che la pratica può comportare e cosa comporta per la vostra salute.

Ultimo aggiornamento: 21 luglio, 2022

Secondo l’ Organizzazione Mondiale della Sanità, l’aumento del sovrappeso e dell’obesità miete molte vite ogni anno nel mondo. Questo, a sua volta, aumenta l’interesse per la perdita di peso attraverso diete dimagranti. Tuttavia, molte di queste finiscono per essere piuttosto aggressive, come nel caso della cosiddetta dieta degli astronauti.

Una cosa sono le esigenze nutrizionali di coloro che viaggiano nello spazio e un’altra di coloro che vivono sulla terra e vogliono perdere peso. Questo modello di alimentazione è progettato per soddisfare il fabbisogno calorico e nutrizionale richiesto a questi professionisti per il loro lavoro. Quindi non ha nulla a che fare con la perdita di peso. Allora perché è diventato così popolare?

Come altre diete “miracolose”, il numero di seguaci è aumentato grazie al supporto di alcuni personaggi famosi, che hanno contribuito a diffondere i suoi controversi benefici attraverso i social network. In ogni caso, è importante sapere perché la dieta degli astronauti è sconsigliata e quali sono i suoi rischi.

Cos’è la dieta degli astronauti?

Il nome dato a questa dieta dimagrante miracolosa non ha nulla a che fare con la NASA. L’alimentazione degli astronauti è rigorosa e controllata. Per anni si nutrono per ridurre gli effetti negativi della microgravità, come l’osteoporosi e il deterioramento muscolare.

I nutrizionisti devono pianificare attentamente la dieta per gli astronauti, poiché questa è fondamentale per mantenersi in salute prima, durante e dopo la missione spaziale. In generale, include piccole porzioni di energia attraverso cibi o pillole di semiliquidi liofilizzati.

È probabile che le dimensioni delle porzioni siano state utilizzate come esempio per dare il nome alla dieta degli astronauti. Pertanto, è un nome di fantasia senza somiglianze con l’assunzione di nutrienti ed energia.

restrizione alimentare
La dieta degli astronauti è estremamente restrittiva. Pertanto, a lungo termine può portare a gravi conseguenze per la salute.

In cosa consiste?

La dieta degli astronauti è un modello alimentare ipocalorico che promette di perdere fino a un chilo di peso al giorno, per 13 giorni. È piuttosto restrittiva e il numero di calorie ingerite – indipendentemente dall’attività, dall’età o dal sesso – è compreso tra 500 e 700 chilocalorie. Per questo motivo, non dovrebbe durare più a lungo del tempo stabilito.

Questa dieta propone un menù limitato senza grandi variazioni. Per citare un esempio, può essere il seguente:

  • Colazione: un bicchiere di latte scremato.
  • Pranzo: un’insalata verde accompagnata da un uovo sodo.
  • Cena: carne e insalata.

Mangiare 6 banane al giorno significa mangiare 530 calorie. Quindi bisogna stare attenti con la frutta in eccesso. Dopo aver completato 13 giorni, si consiglia di riposare per 2 o 3 settimane, quindi riprendere la dieta per ottenere la perdita di peso desiderata.

Rischi della dieta degli astronauti

L’estrema restrizione che la dieta degli astronauti comporta mette a rischio la salute, poiché la quantità di calorie ingerite è di gran lunga inferiore a quella necessaria. Mentre è vero che c’è una rapida perdita di peso, può essere pericolosa.

Il metabolismo basale non è compensato

L’apporto calorico giornaliero è di sole 500 chilocalorie, che è il 30% di quanto richiede un adulto medio per mantenere il metabolismo basale. Ciò significa che c’è uno squilibrio di energia che mantiene funzionali cellule, tessuti e organi.

La dieta degli astronauti promuove un consumo fino a 5 volte inferiore a quello che dovrebbe fornire una dieta normale, almeno per mantenere le funzioni vitali.

È squilibrata e poco varia

La restrizione dietetica vieta alcuni gruppi di alimenti come zuccheri e carboidrati, per non aumentare le calorie.

Tuttavia, questo significa sacrificare le vitamine, gli antiossidanti e i minerali forniti dalle fonti di amido di frutta e verdura. Anche le noci sono limitate a causa del loro alto contenuto di grassi.

Provoca l’effetto rimbalzo

La perdita di peso da 10 a 13 chili si verifica solo in 13 giorni. Questa rapidità può portare all’effetto rimbalzo, con un recupero del peso perso o forse più del previsto. Va ricordato che prima della restrizione dell’assunzione, il corpo è preparato a sopravvivere e compensare.

Può influenzare l’umore

Nella dieta degli astronauti, l’apporto energetico alle cellule è compromesso. La sensazione di fame può causare demotivazione, irritabilità, ansia o depressione. Inoltre, aumentare di peso dopo aver trascorso quasi 15 giorni senza mangiare è molto deludente.

Può causare “fame nascosta”

Trascorrere tanti giorni mangiando in modo squilibrato in quantità e qualità, porta a quella che viene definita “fame nascosta”. In questo caso si hanno carenze nutrizionali a livello cellulare, soprattutto se non viene integrato con alcuni oligoelementi e vitamine che normalmente si consumano con la dieta abituale.

Sebbene la fame nascosta abbia caratteristiche di cronicità, ripetere il processo della dieta degli astronauti fino al raggiungimento del peso desiderato può produrre una carenza di micronutrienti.

Donna debole dalla dieta
Questo tipo di dieta può portare a un deficit nutritivo e, successivamente, all’effetto rebound.

Leggete anche: Combattere la fame ansiosa e imparare a riconoscerla

Vale la pena perdere peso con la dieta degli astronauti?

La dieta degli astronauti comporta rischi per la salute, quindi il costo della perdita di peso è considerevole. Le diete ipocaloriche, personalizzate e prescritte dai professionisti della salute e della nutrizione sono le migliori per dimagrire in sicurezza.

In ogni caso la formula migliore per avere un peso ideale è quella di sempre: seguire una dieta sana, mangiare frutta e verdura, ridurre gli alimenti ultra-elaborati e gli zuccheri e fare esercizio fisico quotidianamente.

Potrebbe interessarti ...
Dieta lazy cheto: cos’è e quali sono i suoi rischi
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Dieta lazy cheto: cos’è e quali sono i suoi rischi

La dieta "lazy keto" è una versione estrema della dieta chetogenica che è molto restrittiva per quanto riguarda i carboidrati.