Dieta durante la gravidanza multipla: cosa bisogna sapere

Ecco una serie di punti chiave a cui vale la pena prestare attenzione per ottimizzare la dieta durante la gravidanza multipla.
Dieta durante la gravidanza multipla: cosa bisogna sapere
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 25 settembre, 2022

La dieta durante la gravidanza multipla deve subire una serie di aggiustamenti nutrizionali per garantire il corretto sviluppo dei feti. In questo caso è necessaria maggiore energia, al fine di soddisfare le richieste nutrizionali.

Inoltre, alcune vitamine e minerali potrebbero dover essere consumati in quantità maggiori. Ti diremo tutto ciò che devi sapere per regolare il modello in modo ottimale in questa fase.

Prima di iniziare, basti dire che le gravidanze multiple sono aumentate negli ultimi anni. Ciò è dovuto in parte all’avvento delle terapie riproduttive, che a volte portano allo sviluppo di due feti, invece di uno. D’altra parte, con l’aumentare dell’età della donna, aumenta anche la probabilità di una gravidanza multipla.

Il fabbisogno energetico durante la gravidanza multipla

Quando parliamo di dieta durante la gravidanza multipla dobbiamo porre un’enfasi speciale sulla maggiore richiesta di energia durante questo periodo, che è importante compensare attraverso l’alimentazione in modo che lo sviluppo dei feti avvenga in modo efficiente. Non a caso, molte donne aumentano tra i 16 e i 20,5 chili durante l’intero processo, a seconda del peso iniziale prima della gravidanza.

Ciò che è chiaro è che le calorie devono provenire da alimenti freschi di buona qualità. È importante evitare le calorie vuote, presenti negli alimenti industriali ultralavorati ad alto contenuto di zuccheri semplici.

Questi potrebbero aumentare il rischio di sviluppare il diabete gestazionale, come indicato dalla ricerca pubblicata sulla rivista Nurients. I carboidrati devono essere sempre di tipo complesso.

Per quanto riguarda i carboidrati a basso indice glicemico, di solito non ci sono molti problemi. Questi hanno una dose significativa di fibra, che assicura una migliore salute a livello intestinale.

Ed è proprio che questa sostanza è in grado di ridurre l’incidenza della stitichezza, facilitandone anche l’approccio durante la gravidanza. Lo conferma uno studio pubblicato sulla rivista BMJ Clinical Evidence.

Diabete gestazionale.
Le donne che stanno portando avanti una gravidanza multipla hanno un rischio generale più elevato di soffrire di patologie associate alla loro condizione, come il diabete gestazionale.

Per saperne di più: 6 odori intollerabili durante la gravidanza e perché succede

L’assunzione di proteine

Per quanto riguarda i macronutrienti, deve essere garantito un apporto sufficiente di proteine di alta qualità. Questi sono necessari per lo sviluppo dei tessuti e, in molte occasioni, il fabbisogno giornaliero non viene coperto.

Almeno il 20% dell’energia giornaliera totale deve provenire da questi elementi. Naturalmente bisogna tener conto che la qualità di quelli di origine animale è superiore a quelli di origine vegetale.

È dovuto a due motivi. Innanzitutto, le proteine animali hanno al loro interno tutti gli amminoacidi essenziali.

Parliamo invece di nutrienti che hanno un punteggio elevato in termini di digeribilità. Esiste infatti una porzione importante di proteine vegetali che non viene utilizzata.

Nel contesto di una gravidanza multipla, dovrebbe essere consumato almeno 1 grammo di proteine per chilo di peso al giorno. Ciò garantirà che i feti crescano correttamente, formando tutti gli organi in modo ottimale.

Il consumo di grassi è vitale

Infine, parleremo della necessità di includere lipidi di qualità nel regime durante la gravidanza multipla. Dovrebbero essere evitati solo quelli di tipo trans, poiché hanno dimostrato di aumentare i livelli di infiammazione nell’ambiente interno e l’incidenza di molte patologie croniche e complesse.

È importante che non appaiano in eccesso. Per questo sarà necessario limitare il consumo di alimenti trasformati di bassa qualità o prodotti che sono stati sottoposti a processi termici molto aggressivi, come i cibi fritti.

Soprattutto, va posto l’accento sul contributo degli acidi grassi della serie omega 3. Questi sono importanti per lo sviluppo del cervello e per prevenire la genesi di problemi di tipo autoimmune nelle fasi successive, come le allergie.

Sono in grado di modulare i livelli di infiammazione e aiutano a mantenere l’omeostasi nell’ambiente interno. Si trovano soprattutto nel pesce azzurro.

Pesce azzurro per la gravidanza.
Le donne incinte dovrebbero preferire i piccoli pesci grassi, che hanno meno probabilità di contenere metalli pesanti.

La dieta durante la gravidanza multipla

Ci sono diversi punti chiave nell’alimentazione che devono essere presi in considerazione nel contesto di una gravidanza multipla. Pertanto, i feti si svilupperanno correttamente.

D’altra parte, alcuni micronutrienti, come ferro, acido folico, calcio e vitamina C, possono richiedere assunzioni maggiori. Il ferro e l’acido folico sono solitamente integrati in qualsiasi gravidanza, ma gli altri due elementi non lo sono. La cosa più appropriata sarà valutare ogni dieta individualmente.

Per finire, va notato che non solo il cibo è importante durante le gravidanze multiple. Ci sono altre abitudini di vita che saranno decisive e che segneranno in modo significativo la salute dei bambini. Sarà necessario evitare totalmente il consumo di tossine, come alcol e tabacco. Allo stesso modo, si raccomanda di mantenere un certo ritmo di attività fisica.

Potrebbe interessarti ...
Superfetazione o rimanere incinta in gravidanza
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Superfetazione o rimanere incinta in gravidanza

La superfetazione è un fenomeno molto raro in cui una donna già incinta rimane nuovamente incinta di un altro feto di età diversa.



  • Mustad, V. A., Huynh, D., López-Pedrosa, J. M., Campoy, C., & Rueda, R. (2020). The Role of Dietary Carbohydrates in Gestational Diabetes. Nutrients12(2), 385. https://doi.org/10.3390/nu12020385
  • Tabbers, M. M., & Benninga, M. A. (2015). Constipation in children: fibre and probiotics. BMJ clinical evidence2015, 0303.
  • de Souza, R. J., Mente, A., Maroleanu, A., Cozma, A. I., Ha, V., Kishibe, T., Uleryk, E., Budylowski, P., Schünemann, H., Beyene, J., & Anand, S. S. (2015). Intake of saturated and trans unsaturated fatty acids and risk of all cause mortality, cardiovascular disease, and type 2 diabetes: systematic review and meta-analysis of observational studies. BMJ (Clinical research ed.)351, h3978. https://doi.org/10.1136/bmj.h3978

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.