Dieta estiva: cosa mangio per non ingrassare?

27 Giugno 2020
Nella dieta estiva è particolarmente importante bere acqua, mangiare frutta e verdura e... godersi le vacanze!

Sapete qual è la dieta estiva perfetta per non prendere chili? L’estate è la stagione dell’anno in cui ci preoccupiamo di più del nostro fisico, ma è anche il momento più difficile per fare una dieta. Il caldo, le vacanze, gli amici, tutto ci invita a trascorrere più tempo all’aria aperta e questo può incidere sulla nostra alimentazione.

Sappiate tuttavia che non è impossibile mantenere le buone abitudini acquisite durante l’anno. La dieta estiva è semplice e dovremo solo seguire qualche semplice consiglio per non ingrassare. Volete saperne di più? Leggete il nostro articolo di oggi.

Dieta estiva: cosa mangiare per non ingrassare

1. Regola numero uno della dieta estiva: iniziare il pasto con le verdure

D’estate abbiamo voglia di mangiare cose fresche e leggere, per questo un’ottima abitudine per la dieta estiva è quella di iniziare il pranzo con una buona insalata o un gazpacho, ovvero una zuppa fredda. Mangiare un piatto di verdura all’inizio del pasto farà ci farà avere meno fame quando arriverà il secondo, che in genere è più calorico.

Questo si deve al fatto che le fibre vegetali aumentano la sensazione di sazietà e riducono l’indice glicemico degli alimenti. Si rallenta pertanto l’intero processo digestivo. Per non prendere qualche chilo di troppo d’estate, iniziate il pasto con le verdure.

Verdure per la dieta estiva
Il consumo di verdure fresche d’estate contribuisce a mantenere la sensazione di sazietà, e a evitare che si ecceda con i piatti più calorici. Per questo sono fondamentali nella dieta estiva.

2. Mangiate frutta di stagione

La frutta estiva, oltre a essere dolce, rinfrescante e colorata, contiene anche poche calorie ed è ricca d’acqua. Scegliete le vostre preferite fra:

  • Albicocche
  • Pesche
  • Pesche noci
  • Pesche tabacchiere
  • Prugne gialle
  • Melone

L’arancione e il giallo della frutta indicano che sono ricche di caroteni e carotenoidi, i precursori della vitamina A, che rafforzano le difese e aiutano a mantenere in perfetta salute la vista e la pelle.

Se mangiamo frutta rossa come il cocomero, le ciliegie e le prugne, invece, faremo il piene di magnesio e licopene, sostanze che proteggono il cuore.

Per la dieta estiva, mangiate la frutta a merenda, portatela in spiaggia o in piscina. E, se volete, potete mangiarla anche dopo i pasti. Ricordate che la frutta non fa ingrassare se mangiata dopo i pasti, sono i gelati e i dolci che fanno ingrassare.

Seguire la dieta estiva non significa chiudersi in casa

Se andate in vacanza al mare, approfittatene per mangiare del buon pesce fresco, meglio se alla piastra o con una salsa leggera. Potete anche optare per i frutti di mare. Questi ultimi, come il pesce, sono ricchi di proteine di alta qualità e, per la maggior parte, contengono pochi grassi; inoltre, sono ricchi di minerali e vitamine.

Dovrete tuttavia fare attenzione ai frutti di mare se avete il colesterolo alto, perché alcuni – come il calamaro, i gamberi, i gamberoni e le cicale di mare- sono ricche di colesterolo, soprattutto nella parte della testa. Se invece andate in un altro paese, fate qualche ricerca e stilate una lista di ristoranti per evitare di finire in un fast food.

Potrebbe interessarvi anche: Organizzare una giornata in spiaggia con i bambini

3. Il contenitore, il miglior amico della dieta estiva

Quando siamo in vacanza, spesso passiamo fuori l’intera giornata. Vi consigliamo dunque di portare sempre con voi qualche spuntino salutare per non arrivare all’ora dei pasti con una fame da lupi. Potete portare frutta secca, cruda o tostata, frutta fresca, cracker integrali o un panino leggero e salutare.

E se vi viene voglia di un gelato? Preparate la vostra versione fatta in casa o, ancora meglio, scegliete un’opzione con meno calorie mangiando un ghiacciolo! Se farete questi spuntini, riuscirete a seguire la vostra dieta estiva senza problemi.

Frutta secca come spuntino nella dieta estiva
La frutta secca può essere lo spuntino ideale per calmare la fame d’estate, senza ingrassare. Tuttavia, non vanno mangiati in quantità esagerate.

4. Bere molta acqua

È importantissimo essere ben idratati con le alte temperature. In genere, una persona ha bisogno di circa 2 litri d’acqua al giorno. D’estate, questa quantità deve aumentare di circa 300 ml per ogni grado di temperatura superiore ai 37°C.

Vi consigliamo di portare sempre con voi una bottiglia per assicurarvi di avere l’acqua a portata di mano ed evitare di comprare altre bevande meno salutari.

5. Via l’alcol dalla dieta estiva

Esistono molte altre bevande rinfrescanti, invece di bere bevande alcoliche. Anche se spesso sono presenti nelle feste e celebrazioni estive, è meglio evitarle se non vogliamo ingrassare.

Che bevande senza alcol possiamo bere? L’acqua è sempre la scelta migliore, ma potete optare anche per l’acqua gassata, un tè o un infuso freddo, uno smoothie, una limonata o un succo di pomodoro.

Scoprite anche: I 7 migliori succhi naturali per rallentare l’invecchiamento

Qualche raccomandazione finale…

  • Aumentate il vostro consumo energetico quotidiano. Se andate in viaggio, pianificate un giro a piedi o in bicicletta. Se andate al mare o in montagna, fate qualche sport che vi piaccia o che vi piacerebbe provare.
  • Prenotate un appartamento con la cucina, così potrete controllare meglio cosa mangiate.

Non volete ingrassare quest’estate? E allora mettete in pratica le nostre raccomandazioni e seguite questa dieta estiva senza privarvi dei piccoli piaceri delle vacanze.

  • Jesús Román Martínez. Carlos Iglesias Rosado. El libro blanco de la hidratación. Sociedad Española de Dietética y Ciencias de la Alimentación. 2006.
  • Martínez Álvarez, J. R., et al. “Recomendaciones de bebida e hidratación para la población española.” Nutr Clin Diet Hosp 28 (2008): 3-19.
  • Ochoa C, Muñoz Muñoz G. Hambre, apetito y saciedad. RCAN Rev Cubana Aliment Nutr 2014;24(2):268-279.
  • CECOPESCA. Gobierno de España. Ministerio de Agricultura, Alimentación y Medio Ambiente.  “Las cualidades nutricionales de los productos procedentes de la pesca extractiva y de la acuicultura: binomio riesgo-beneficio”.