Dieta paleolitica per i bambini: va bene?

La dieta paleolitica è un piano alimentare che ha origini antichissime. In questo articolo spieghiamo se è consigliabile per i bambini e quali vantaggi offre.
Dieta paleolitica per i bambini: va bene?

Ultimo aggiornamento: 31 agosto, 2021

Se la dieta paleolitica ha reso possibile l’evoluzione dell’uomo dall’era paleolitica, da 2,5 milioni a 10000 anni fa, perché non è adatta a tutti, compresi i bambini? Alcuni specialisti, di fatto, propongono la dieta paleolitica per i bambini.

Si tratta di un piano alimentare che cerca di imitare la dieta dei nostri antenati pre-agricoli, che cacciavano, pescavano e raccoglievano il cibo. Si tratta di mangiare prodotti freschi e poco lavorati, contribuendo a ridurre il consumo di cibi pronti e alcune opzioni di alimenti integrali e legumi.

È anche conosciuta come dieta paleo, dieta dell’età della pietra, dieta dei cavernicoli o dieta dei cacciatori-raccoglitori. Nel caso dei bambini, come qualsiasi altra linea guida nutrizionale, i genitori devono assicurarsi che i bambini ricevano tutti i nutrienti di cui hanno bisogno.

La dieta paleolitica

In generale, la dieta paleolitica comprende carni magre, pesce, verdure, frutta, frutta secca, semi, grassi e oli sani. Si basa sull’idea che gli esseri umani non sono adatti a mangiare e metabolizzare il cibo prodotto dell’agricoltura moderna.

Come altri esperti, il Dottor Loren Cordain è giunto alla conclusione che la dieta moderna è associata a un aumento delle malattie croniche non trasmissibili, come il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari, l’obesità, l’ipertensione e l’osteoporosi. I cibi inclusi nella dieta paleolitica sono i seguenti:

  • Frutta e verdura. Preferibilmente quella tropicali, come ananas, papaya, mango e mela fuji.
  • Pesce e crostacei non allevati in allevamento.
  • Uova di gallina, quaglia e oca provenienti da allevamenti biologici.
  • Pollame e carni rosse, compresa la selvaggina. Hanno la priorità gli animali di piccola taglia, ad esempio il vitello.
  • Patate dolci.
  • Pane fatto con grano saraceno. È uno pseudo cereale senza glutine.
  • Noci e frutta secca, tranne le arachidi, poiché è un legume.
  • Funghi come champignon, finferli, shitake, tra gli altri.
  • Miele come dolcificante.
  • Olio di cocco, olio d’oliva e avocado per assumere grasso sano.
  • Aglio, porro, olive, cipolla, erbe aromatiche e spezie come condimento.
Patata dolce arrosto.
La patata dolce è uno degli ingredienti principali della dieta paleolitica, soprattutto se viene da un orto ecologico e biologico.

Cibi da evitare nella dieta paleolitica

La dieta paleo evita i cibi che non provengono dalla caccia o dal raccolto. Pertanto, esclude gli alimenti trasformati e ultra trasformati, come quelli contenenti grassi trans, cereali per la colazione, bevande gassate, pasti preparati, tra gli altri classificati dannosi per la salute dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

In una presentazione sulla dieta paleolitica spiegano che sono vietati anche altri alimenti naturali, come cereali, legumi e latticini.

Uno dei motivi è che non facevano parte dell’era paleolitica e possono causare infiammazioni e problemi di digestione, come afferma il T. Colins Campbell Center for Nutrition StudiesI cibi da evitare, quindi, sono i seguenti:

  • Patate e legumi, come lenticchie, semi di soia, arachidi, ceci, piselli, fagioli di Lima e tutte le varietà di fagioli.
  • Latticini, come latte di capra, formaggi, yogurt, kefir e semifreddi. Sono vietati anche il latte di mandorle, di soia e di quinoa.
  • Cereali, come quinoa, amaranto, mais, miglio, segale, avena, riso, frumento, cracker, pizza, pasta, pane, gnocchi.
  • Semi come chia, girasole, sesamo o zucca.
  • Zucchero raffinato, dolcificanti e qualsiasi altro derivato.
  • Bevande gassate e zuccherate, come vino, birra, bibite, liquori, coca-cola.
  • Frutti simili a bacche. Cioè, che contengono dei piccoli semi che non vengono digeriti, come kiwi, peperone e fragole.
  • Oli di semi vegetali e tutti i loro derivati.

Vantaggi della dieta paleolitica per i bambini

I bambini possono beneficiare della dieta paleolitica più degli adulti, perché le loro abitudini alimentari si stanno ancora formando. Questa dieta fornisce una densità di nutrienti che supporta la necessità di crescita e sviluppo, adattandola alle esigenze nutrizionali.

Le proteine ​​possono essere ottenute dalle carni magre, dal pesce e dal pollo, che contengono gli aminoacidi essenziali per sintetizzare i tessuti durante lo sviluppo.

Come fonte di energia per la loro crescita, possono consumare una miscela di carboidrati complessi e zuccheri semplici, attraverso frutta, zucca, patate dolci e pane di grano saraceno. L’olio d’oliva, famoso per i suoi benefici per la salute, insieme all’avocado, sarà in grado di integrare le calorie.

Un altro vantaggio della dieta paleolitica per i bambini è il contributo degli acidi grassi Omega 3 per lo sviluppo visivo e cerebrale e la costruzione cellulare, come puntualizza il Chilean Journal of Nutrition. Il pesce grasso, come il salmone, lo sgombro, il tonno, le sardine e le noci sono ottime fonti di questo tipo di grasso sano.

D’altra parte, l’Università Complutense di Madrid espone l’ampio spettro di vitamine, minerali, antiossidanti e sostanze fitochimiche contenuti dalle verdure centrali per questo tipo di dieta. Non a caso, sono coadiuvanti dei processi metabolici, favoriscono un sistema immunitario ottimale e un corpo sano.

All’interno delle restrizioni, anche l’OMS sostiene la diminuzione dei cibi raffinati e degli zuccheri fin dalla tenera età. In questo modo, è possibile ridurre il rischio di obesità, sovrappeso, diabete e malattie cardiovascolari in età adulta.

Questa dieta evita anche i cereali, fonti di glutine e antinutrienti dai legumi, in quanto possono essere dannosi per l’apparato digerente ancora immaturo del bambino.

Tuttavia, l’Associazione Spagnola di Pediatria raccomanda di introdurre il glutine e i legumi nella dieta a partire dai 6 mesi di età, durante l’alimentazione complementare.

Possibili conseguenze ed effetti collaterali

Pane gluten free.
Mangiare o meno i cibi che contengono glutine è un argomento oggetto di dibattito tra i seguaci della dieta paleolitica e i medici, che li consigliano a partire dai 6 mesi.

I nostri figli sono in piena crescita e hanno bisogno di molta energia. La dieta paleolitica elimina un gran numero di alimenti che possono essere fonte di energia. Per esempio, gli zuccheri semplici che provengono dalla frutta e i carboidrati che provengono da cereali e legumi.

Omettendo i legumi, la dieta paleolitica elimina alcune le proprietà che promuovono la salute, come stabilito dalla FAO. Inoltre, sono una buona fonte di fibre solubili e insolubili, antiossidanti, sostanze fitochimiche e amido resistente utilizzati per migliorare la crescita dei batteri nell’intestino.

D’altra parte, escludere i latticini riduce una delle migliori fonti di calcio nell’alimentazione dei bambini, indispensabile per rafforzare le ossa e i denti. Per questo motivo si pone l’accento sul consumo di pesce, verdure a foglie verdi, noci e uova.

Tuttavia, poiché la questione è tutt’oggi oggetto di discussione, se il bambino tollera il latte, può essere indicato per rafforzare l’assunzione di calcio. Il sole mattutino e pomeridiano consentirà di riparare ciò che è stato consumato.

Un’altra conseguenza dell’evitare i latticini è che sono anche un ottimo veicolo per gli alimenti probiotici che migliorano la salute intestinale, come nel caso dello yogurt e di altre sostanze che contengono batteri. In questo caso, la dieta paleolitica propone come alternativa alcuni prodotti vegetali fermentati, come i crauti e le bevande alla frutta.

Per quanto riguarda il consumo di carne rossa, la Rivista di Salute Pubblica del Cile lo associa allo sviluppo di alcune malattie. Quindi consiglia di includere più carne bianca nel regime alimentare.

È consigliata per i più piccoli?

La dieta paleolitica è considerata una dieta sicura e nutriente per le persone di qualsiasi età. I bambini, come gli adulti, hanno bisogno di personalizzare il proprio regime alimentare in base alle esigenze individuali.

I bambini possono sicuramente seguire una dieta paleolitica, purché vengano seguiti da un pediatra e da un professionista della nutrizione, in modo che non manchi nessun nutriente e si facciano gli adattamenti necessari.

Senza dubbio, l’inclusione di proteine ​​magre, frutta, verdura, noci, semi e grassi insaturi è un’ottima opzione sia per i bambini che per tutta la famiglia.

Potrebbe interessarti ...
Diete salutari alternative a quella mediterranea
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Diete salutari alternative a quella mediterranea

Nell'articolo di oggi parleremo di cinque diete salutari, altrettanto valide rispetto alla tradizionale dieta mediterranea.